Ecco il punto dopo i primi tre giorni di gare degli Europei di ciclismo su pista di Aperdoorn (NED): tre medaglie per l’Italia, con l’oro di Elia Viviani nella corsa a eliminazione, l’argento dell’inseguimento maschile e il bronzo delle ragazze.

Europei ciclismo su pista

CICLISMO SU PISTA, EUROPEI 2019: ITALIA A QUOTA TRE DOPO I PRIMI GIORNI DI GARE

Un appuntamento-chiave in vista delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Gli Europei di ciclismo su pista, che si stanno tenendo ad Apeldoorn e si chiuderanno domenica 20 ottobre, sono fondamentali per gli atleti azzurri e non solo, dato che l’evento contribuirà a costituire la graduatoria che poi darà accesso alle Olimpiadi. L’Italia, che lavora sempre più duramente sulla pista (qui si costruiscono i futuri campioni su strada), ha portato in Olanda 18 atleti, con 8 uomini agli ordini di Marco Villa e dieci ragazze agli ordini del “solito” Salvoldi, e i risultati sono stati subito ottimo. Dopo due giorni e mezzo di gare, e in attesa di quell’omnium che si concluderà stasera, l’Italia si trova già a quota tre medaglie: un oro, un argento e un bronzo per gli azzurri nel medagliere guidato dalla Gran Bretagna (2 O, 2 A, 1 B). Gli Europei di Apeldoorn si sono inaugurati con un oro per i nostri atleti, l’oro di uno strepitoso Elia Viviani, che dopo aver conquistato l’Europeo su strada, si ripete e torna grande su pista: l’azzurro vince la corsa e eliminazione con una stratosferica prestazione, precedendo Coquard e Prokopyszyn. Un oro inseguito e cercato, per un campione che l’anno prossimo cambierà squadra (Cofidis) e tenterà di ripetersi nel suo omnium. L’Italia sorride anche per il grandioso argento dell’inseguimento a squadre maschile: Michele Scartezzini, Filippo Ganna, Francesco Lamon e Davide Plebani chiudono in 3’54”117, venendo battuti di cinque secondi dalla Danimarca, che sfiora il record del mondo e chiude in 3’49”113: bronzo alla Gran Bretagna. Il bilancio attuale dell’Italia si chiude col bronzo nell’inseguimento a squadre femminile: Letizia Paternoster, Martina Alzini, Vittoria Guazzini ed Elisa Balsamo sono terze alle spalle di Gran Bretagna e Germania. Letizia Paternoster ed Elia Viviani concluderanno oggi l’omnium: al momento, dopo le prime prove, la medaglia sembra difficile da ottenere per entrambi.

CICLISMO SU PISTA, EUROPEI 2019: UNA GARA FONDAMENTALE PER TOKYO 2020

Gli Europei di ciclismo su pista saranno fondamentali per il prestigio del movimento italiano, ma non solo: sono uno dei due eventi che garantiscono il maggior numero di punti nella graduatoria che andrà ad assegnare i pass per Tokyo 2020. Fare bene al velodromo Omnisport di Apeldoorn dunque significa mettersi in tasca un significativo “pezzetto” del pass olimpico, e l’Italia può ben sperare. Prima dell’inseguimento a squadre, i nostri atleti erano al sesto posto mondiale al femminile e all’ottavo al maschile: chiudere tra le prime otto significa ottenere il pass, e il doppio podio nell’inseguimento ci consentirà di risalire ulteriormente la classifica e metterci in posizione di sicurezza. Chiudere tra le prime otto nella graduatoria dell’inseguimento è fondamentale: oltre a qualificare la squadra, assegna anche il posto per una coppia nella Madison e per un atleta nell’Omnium. Tradotto: se per caso si esce dai primi otto, Elia Viviani non potrà difendere il titolo conquistato a Rio 2016. Un’eventualità che sembra lontana, vista la buona posizione azzurra in entrambe le graduatorie. Molto più difficile invece conquistare la qualificazione nella velocità e nel keirin: gli azzurri sono troppo indietro, e dunque dovrebbero marcare visita in queste discipline.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie di ciclismo su pista anche sui nostri social: Facebook,TwitterInstagramYouTube e Google +

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *