Il Tour de France è alle porte, e vede Fabio Aru tra i possibili protagonisti: per parlare di questo (e non solo), durante la puntata settimanale di ”Minuti di Gloria” in onda ogni venerdì dalle 18 alle 19 sulle frequenze di Radio Ticino Pavia (91.8 o 100.5), abbiamo intervistato Riccardo Magrini, commentatore del ciclismo per Eurosport. Ecco il suo giudizio sulla Grand Boucle e sugli azzurri in gara.

Riccardo Magrini con Greg Lemond e Salvo Aiello

CICLISMO: RICCARDO MAGRINI INTERVIENE AI MICROFONI DI ”MINUTI DI GLORIA”

Il commento tecnico per Eurosport e l’ottima intesa con Salvo Aiello, ma non solo: Riccardo Magrini, toscano dalla simpatia innata, nasce come corridore, e ha all’attivo anche una vittoria di tappa al Giro d’Italia e al Tour de France (entrambe nel 1983), sfatando un tabù-vittoria nella Grand Boucle che durava dal 1979. Corridore fino al 1986 dunque, e poi direttore sportivo, un incarico svolto sia tra i dilettanti, che alla Mercatone Uno di Marco Pantani e del compianto Cenni: poi ecco la carriera da commentatore sportivo e opinionista per Eurosport, un ruolo nel quale Magrini si è calato alla perfezione senza perdere la sua verve (epiche le sue battute e il suo amore per Contador, leggendaria la filastrocca ”Ponzi-Fonzi-Kozontchuk” nata nel bel mezzo di una tappa della corsa rosa 2017), commentando Giro, Tour, Vuelta e tutte le corse di maggior prestigio. Riccardo si appresta a commentare il Tour de France, e durante il nostro programma radiofonico ”Minuti di Gloria” l’abbiamo intervistato per parlare dei possibili protagonisti della Grande Boucle, degli azzurri presenti (su tutti Fabio Aru) e non solo. Ecco le sue parole ai nostri microfoni.

I RIVALI DI FROOME, LE AMBIZIONI DI ARU E GLI AZZURRI IN GARA: LE PREVISIONI DI RICCARDO MAGRINI SUL TOUR DE FRANCE 2017

Ciao Riccardo, ieri abbiamo scherzato sul fatto che il Tour sia una questione tra Christopher e Froome (Chris Froome è il grande favorito, ndr), col britannico che può solo perdere la Grand Boucle: è proprio così, oppure possiamo aspettarci sorprese?

”Sulla carta sembrerebbe che Froome sia il favorito per distacco, però c’è un lotto di concorrenti che puntano a metterlo in difficoltà, aiutati dal percorso che non è adattissimo al britannico. Tanti corridori possono dare fastidio a Froome, anche perchè quest’anno non c’è un bonus importante, quello delle lunghe cronometro: anni fa uno come Bardet, che cito perchè è arrivato secondo l’anno scorso, poteva perdere anche 2′ da Froome nelle prove contro il tempo, mentre quest’anno le crono sono limitate a 36km totali e dunque faranno meno la differenza. Richie Porte è un altro di quelli che poteva essere aiutato dalle cronometro, e quindi è un’incognita, anche se è andato forte al Delfinato e sulla carta potrà dare fastidio. Ho già fatto due nomi di possibili rivali del capitano della Sky, e allora cito anche Aru, che dopo il campionato italiano vinto in quella maniera si è candidato per il podio: Fabio è un attaccante, ha pur sempre vinto una Vuelta e va considerato nel novero dei pretendenti, potrà sfruttare le cronometro brevi. D’altronde, quanto può perdere domani Aru a Düsseldorf? 30-40 secondi, con una cronometro lunga avrebbe avuto un handicap maggiore, e anche l’ultima cronometro, con 22km, potrebbe non essere decisiva: la crono a metà Tour cambia molto, quella a fine corsa invece non ha lo stesso impatto. I rivali possono attaccare Froome già alla Planche de Belles Filles mercoledì, e il buon Chris dovrà sudarsi la vittoria finale”.

Hai citato Fabio Aru, e dunque ti chiediamo: quali sono le sue speranze in questo Tour de France? Arriva in ottima forma e da campione italiano, e deve riscattare un’edizione 2016 finita molto male, tra crisi di fame e problemi fisici…

”Fabio sta molto bene, è arrivato bello fresco dopo lo stop forzato per quell’infortunio, che ha pregiudicato tutta la preparazione che aveva fatto per il Giro d’Italia: la sua freschezza si è vista domenica, quando ha fatto una cosa bellissima venendo coadiuvato da uno scattante Cataldo. Cataldo sarà fondamentale e sta bene, ma in squadra c’è anche Fuglsang: l’Astana, rispetto ai suoi standard consueti, anche dell’anno in cui vinse Nibali, ha una squadra molto forte e Aru ha grandi chance. Può arrivare nei primi tre, e potrebbe anche vincere. Se vogliamo parlare di cabala, ieri durante la presentazione del Tour nella piazza di Düsseldorf, campeggiava una bandiera coi quattro mori (la bandiera sarda, ndr), che a ogni incitamento dei due presentatori, sventolava: può essere un segnale, e poi l’ultimo italiano a vincere il Tour è stato Nibali col tricolore addosso. Era un tricolore molto meno ortodosso di quello di Aru, che è splendido e tradizionale: l’azzurro, con la cabala, la condizione e la convinzione dalla sua, può fare grandi cose”.

La splendida maglia tricolore di Fabio Aru

Non c’è il rischio che Fuglsang, dopo la vittoria del Delfinato, possa aspirare a un’alta classifica e dunque rompere le uova nel paniere ad Aru?

”No no, sicuramente no. Fuglsang è felicissimo perchè è appena diventato padre e ha rinnovato per altri due anni con l’Astana, quindi è praticamente impossibile che si metta tra Aru e la lotta per il Tour: non posso pensarlo. Fuglsang è un bravissimo ragazzo, che tra l’altro mi ha spiegato la pronuncia del suo cognome (ride, ndr): è un corridore serio, andrà forte e sarà decisivo per le tattiche dell’Astana e per la corsa di Aru”.

Per quanto riguarda gli altri italiani, chi vedi bene, e chi potrebbe essere la possibile sorpresa?

”Sono quasi sicuro che si farà meglio del Giro d’Italia, anche perchè è difficile peggiorare (ride), dato che abbiamo vinto una tappa sola con quella grande azione di Nibali. Ho visto Diego Ulissi molto bene, si è preparato alla grande per questo Tour e lo vedo molto adatto per questo tipo di corsa: è veloce, sulle tappe miste può giocarsi le sue carte e regalarci una-due vittorie parziali. Vedo bene anche Felline, anche se dovrà aiutare Contador, e poi ci sono tanti corridori di livello: De Marchi in qualche fuga o altri (occhio a Colbrelli, ndr), sono convinto che gli italiani si faranno valere e che dobbiamo aspettarci un grande Tour de France”.

I CAMPIONATI ITALIANI E IL CASO-VIVIANI: L’OPINIONE DI RICCARDO MAGRINI

A proposito di italiani, chi ti ha colpito maggiormente durante i campionati nazionali dello scorso weekend? E poi, una brevissima considerazione su Viviani, che è campione olimpico e potrebbe fare da capitano nelle volate e nelle classiche, ma è stato costretto per scelte di squadra (la Sky) a saltare sia il Giro che il Tour…

”Viviani ha dimostrato grande dedizione alla squadra, rispondendo ”presente” e facendo bene quando è stato chiamato in causa, però sapeva a cosa poteva andare incontro firmando in una squadra con Froome e Geraint Thomas: squadre come la Sky costruite per un unico obiettivo, che è la classifica finale, trascurando tutto il resto. Poi si possono criticare, ad esempio io l’ho fatto alla Route du Sud perchè sembrava di essere alle comiche, con Elissonde: detto questo, Viviani sembra voler cambiare squadra, secondo alcuni rumours, ma non lo so. Secondo me Elia può trovare spazi da qui a fine stagione, magari alla Vuelta, anche se quel percorso non lascia tantissime chances agli sprinter. I campionati italiani? Mi hanno colpito la costanza e perseveranza di Rebellin, ancora nei 10 a 46 anni suonati, e il podio di Rinaldo Nocentini, che in seguito ha espresso la volontà di tornare in una squadra di livello o comunque italiana: milita in una Professional portoghese (la Sporting/Tavira, squadra della polisportiva Sporting Lisbona), e il ”vecchio Noce” (39 anni, ndr) ha sfruttato la sua unica chance di farsi vedere, disputando una grande gara. A un certo punto pensavo che potesse vincere, poi è arrivato Aru”.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime interviste anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube e Google +.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Interviste