L’Italia continua a fare incetta di emozioni e medaglie negli Europei di Glasgow 2018: cinque podi nella giornata odierna, spiccano il fantastico oro di Simona Quadarella e l’argento di Linda Cerruti.

Simona Quadarella

NUOTO, EUROPEI GLASGOW 2018: QUADARELLA DOMINA I 1500sl, BRONZO A SORPRESA PER ZOFKOVA

Simona Quadarella era la protagonista attesa della giornata odierna, e non ha deluso le aspettative: la romana, già oro negli 800sl, corre con la fame di chi vuole dominare la distanza anche nei 1500sl, e con una velocità fuori dal comune. Simona guida inizialmente la gara con la tedesca Kohler, e poi la lascia sul posto prendendo il largo con un cambio di ritmo invidiabile: 15.51.61 il suo crono, con tanto di personale abbattuto di due secondi e 6” di vantaggio sulla tedesca, che precede l’ungherese Kesely, bronzo quest’oggi. Simona Quadarella è così due volte campionessa europea a 19 anni, e si avvia verso l’inizio di un dominio nel mezzofondo europeo, e verso la sfida a Katie Ledecky per il trono mondiale. La seconda medaglia di giornata dalla vasca è invece inattesa: Carlotta Zofkova conquista uno strepitoso bronzo nei 100 dorso, chiudendo in 59.61 e strappando il record italiano a Margherita Panziera, che chiude quinta col crono di 59.71 e migliora il suo personale (e precedente primato nazionale). Vittoria per la russa Fesikova con 59.16, davanti alla britannica Davies con 59.36, mentre esce dal podio una Katinka Hosszu apparsa sovrappeso rispetto ai suoi standard e fuori condizione: la rottura col marito-tecnico sembra aver frenato gli allenamenti della Iron Lady, che però nuota comunque sontuosamente nei 200 misti.

Pur non forzando, Katinka chiude in 2.10.49 e ottiene il secondo tempo tra le qualificate alla finale, venendo preceduta dalla britannica O’Connor e precedendo Ilaria Cusinato: per l’azzurra, terzo crono e record italiano in 2.10.77, mentre esce dalle migliori otto Carlotta Toni. Finale conquistata anche per Federica Pellegrini, che continua a faticare nei 100sl (non sono la sua distanza), ma si qualifica col crono di 54.28: non andrà a medaglia, e ha conquistato la finalissima solo grazie al suicidio di Pernilla Blume, che ha tentato un folle passaggio veloce ai 50m per strappare il record del mondo alla Sjostrom (miglior tempo in 52.67) ed è crollata nel resto della gara. Restando in ottica-semifinali, ottima prova di Fabio Scozzoli, che si qualifica all’atto conclusivo dei 50 rana col secondo tempo alle spalle del mostruoso Adam Peaty: 26.23 per il britannico, 26.80 per l’azzurro, che arriva a 7/100 dal suo record italiano. Nono e out Pinzuti, mentre ci saranno due italiani nella finalissima dei 200 dorso: Matteo Restivo chiude quarto in 1.57.80, Luca Mencarini lo segue di tre centesimi nella gara che vedrà com assoluto favorito il russo Rylov (1.55.50). Tornando alle finali azzurre, ottavo posto per Vergani (23.49) nei 50 farfalla vinti da Govorov con uno strepitoso 22.48, mentre Filippo Megli chiude quinto col crono di 1.46.60 nei 200sl: vittoria per Duncan Scott, che trova un inatteso 1.45.34 dalla corsia otto, precedendo Rapsys (folle il suo primo 100 in 50.81) e Dovgalyuk. Infine, due gare senza italiani: i 200 rana donne vengono dominati da Yuliya Efimova col tempo di 2.21.31, precedendo la spagnola Vall Montero e la britannica Renshaw, mentre la 4x200sl femminile viene vinta dalla Gran Bretagna davanti a Russia e Germania. Una staffetta che è la grande nota dolente per l’Italia, che non ha presentato il quartetto: San Marino ne aveva uno con una superficie e un parco-nuotatrici ben minore, le azzurre no.

Domani, oltre alle già citate finali con Scozzoli, Pellegrini, Restivo &co., il protagonista atteso sarà Gregorio Paltrinieri: Greg sembra in ripresa dopo il pessimo 1500sl e l’influenza, e ha chiuso secondo nelle batterie degli 800sl con un buonissimo 7.50.08. Lo precede solo Romanchuk, in una finale che ha visto qualificarsi anche Acerenza con l’ottavo tempo.

NUOTO SINCRONIZZATO: TRIS AZZURRO E CHIUSURA COL BOTTO, FANTASTICO ARGENTO PER LINDA CERRUTI

L’Italia chiude il programma del nuoto sincronizzato con un tris che verrà ricordato, e che porta gli azzurri a chiudere con nove medaglie dalla piscina e dalle acrobazie delle sincronette/sincronetti: quattro argenti e cinque bronzi che rappresentano probabilmente il miglior risultato di sempre per un’Italia capace di andare costantemente a podio. La giornata comincia col bronzo del Duo nel programma libero: Costanza Ferro e Linda Cerruti danzano sulle note di ”Halloween Horror Scary Sounds and Music”, e incantano i giudici,, che ci fanno chiudere al terzo posto col punteggio di 92.1333. Italia ancora dietro alla solita Russia (96.7000) e all’Ucraina (93.4000), ma sempre più vicina al secondo posto, che viene raggiunto nel doppio misto e nel programma libero: Manila Flamini e Giorgio Minisini mancano ancora l’oro, chiudendo secondi col punteggio di 90.7333 e con alcune sbavature che hanno di fatto regalato l’oro ai russi.

Il grande risultato di giornata arriva però dal solo, con una Linda Cerruti strepitosa: la gara viene dominata dalla russa Kolesnichenko con 94.9333, ma l’azzurra chiude seconda e si migliora di 1.2 punti, arrivando a 92.5000 e strappando l’argento all’ucraina Yakhno (92.1333). Argento fantastico per Linda, che chiude nel migliore dei modi il suo europeo: l’Italia, coi cinque podi odierni, sale a 23 medaglie dagli Europei di nuoto, con tre ori, 7 argenti e 10 bronzi.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di nuoto anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube e Google +.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Nuoto