Gli Europei di ciclismo su pista di Grenchen (Svizzera) sorridono all’Italia, che nonostante l’assenza di Ganna e di altri big conclude con quattro medaglie: spicca l’oro di Jonathan Milan, sontuoso nell’inseguimento individuale.

CICLISMO SU PISTA, EUROPEI: QUATTRO MEDAGLIE PER L’ITALIA, SUPER-ORO DI MILAN

Nonostante l’assenza di Filippo Ganna e di un paio di altri big, l’Italia ottiene ottimi risultati negli Europei di ciclismo su pista disputati a Grenchen (Svizzera), antipasto dei Mondiali che si disputeranno dal 20 al 24 ottobre al velodromo di Roubaix. Gli azzurri portano infatti a casa quattro medaglie: un oro, due argenti e un bronzo. La medaglia più luccicante, ovviamente, è l’oro di Jonathan Milan nell’inseguimento individuale maschile: una disciplina che l’Italia vince costantemente a livello mondiale con Filippo Ganna, e che ora ci vede vincere anche a livello europeo col 21enne di Buja, già quarto nell’ultimo Mondiale. Milan ha dominato la prova, raggiungendo il russo Gonov al terzo km e concludendo l’inseguimento, con annesso endorsement di Ganna: “Devo sbrigarmi a fare il record mondiale, altrimenti saranno dolori. Alla sua età non facevo questi tempi”. Medaglie d’argento, invece, per Letizia Paternoster nella prova ad eliminazione vinta dalla francese Fortin e per l‘inseguimento a squadre femminile: grande prova delle azzurre (Alzini, Barbieri, Fidanza, Zanardi), che si sono viste sconfiggere nettamente dalla Germania, che ci ha preceduto di sette secondi. Quarta ed ultima medaglia, invece, dall’Omnium femminile: il bronzo conquistato da Rachele Barbieri. Un’ottima rassegna per l’Italia, che nonostante le assenze di chi doveva concludere la stagione e/o prepararsi per i Mondiali e l’assenza di stimoli dopo la stagione olimpica, ha conquistato medaglie importanti. L’anno scorso erano state 14 e non 4, ma in un Europeo profondamente diverso.

CICLISMO SU PISTA, EUROPEI: LE ALTRE GARE

Gli Europei di Grenchen si sono conclusi ieri con le due madison. L’Italia puntava molto sulla coppia al maschile, composta da Elia Viviani e Michele Scartezzini: Viviani ha disputato solo l’americana, visto che era in gara fino a giovedì su strada, ma il duo non è riuscito ad andare oltre il quarto posto nella gara vinta dall’Olanda. Hanno chiuso seste, invece, Fidanza e Barbieri nella prova femminile: vittoria alle britanniche. Nessuna medaglia neanche dall’inseguimento a squadre maschile, oro olimpico di Tokyo 2020: l’Italia ha dovuto cambiare formazione, schierando Bertazzo, Lamon, Milan e Scartezzini, ed è stata sconfitta di 144 millesimi dalla Danimarca nel primo turno. La finalina per il bronzo è poi sfumata, perchè Germania e Gran Bretagna hanno migliorato il tempo degli azzurri, che puntano tutto sui Mondiali e avranno Ganna a spostare gli equilibri. Quinto posto, invece, per l’oro uscente Martina Fidanza nello scratch: una prova vinta dalla britannica Archibald sulla solita Fortin. Si è concluso con un quarto posto e la sconfitta nella finalina, invece, l’inseguimento individuale femminile per Martina Alzini: oro per Brennauer in 3.19.548, argento alla francese Borras e bronzo alla tedesca Kroger, che ha ripreso l’azzurra e ha concluso la gara. Tanti piazzamenti per l’Italia: Miriam Vece è arrivata 5a nei 500m, Francesco Lamon 6° nell’Omnium nonostante una grande corsa a punti e Silvia Zanardi 5a nella corsa a punti femminile. Km da fermo amaro per Davide Boscaro: il 21enne ha disputato delle ottime qualificazioni, salvo poi chiudere settimo a quasi tre secondi dall’olandese Hoogland. Nono, invece, Stefano Moro nell’eliminazione maschile. Out subito gli italiani del keirin: Elena Bissolati è stata subito eliminata, così come Davide Boscaro e Mattia Bianchi al maschile. Solo un 12° posto, infine, per Matteo Donegà nella corsa a punti: l’argento uscente ha chiuso a -20pti, con una prova sottotono nella gara dominata dal francese Benjamin Thomas. Era difficile confermare lo storico Europeo bulgaro, ma l’Italia chiude con un’ottima rassegna e qualche rimpianto.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito. Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *