L’Italia fa incetta di podi e medaglie anche nel penultimo giorno degli Europei di nuoto a Glasgow: argento per Ilaria Cusinato nei 200mx, Gregorio Paltrinieri negli 800sl e Fabio Scozzoli nei 50 rana, bronzo per Matteo Restivo nei 200 dorso e Rachele Bruni nei 5km. Azzurri a 29 medaglie.

NUOTO, EUROPEI GLASGOW 2018: TRE MEDAGLIE PER L’ITALIA, CUSINATO SFIORA LA VITTORIA NEI 200mx

Tre argenti e un bronzo. È questo il bottino odierno per l’Italia del nuoto in vasca, che parte subito con un argento: Gregorio Paltrinieri, ancora debilitato dal virus influenzale che l’aveva sfibrato alla vigilia dei 1500sl (chiusi al terzo posto), non è al top della condizione, ma lotta come un leone e vende cara la pelle negli 800sl. L’azzurro prova a resistere a ogni accelerazione di Romanchuk, ma fa da elastico e chiude col secondo posto e la medaglia d’argento: oro all’ucraino in 7.42.96, con Greg secondo e staccato di soli 5” dal proprio personale, che avrebbe potuto raggiungere qualora fosse in condizioni fisiche ottimali. Terzo Wellbrock e sesto il giovane Acerenza, e l’Italia fa suo anche un altro argento, firmato da un’Ilaria Cusinato ormai matura per lottare ad altissimo livello: la giovane veneta, già argento nei 400mx, disputa un 200 sontuoso. Ilaria mette il turbo a metà gara, passa in testa ai 150m e cede solo nel finale al rientro della più esperta Katinka Hosszu: l’ungherese vince in 2.10.17, ma l’italiana è d’argento con soli 8/100 di ritardo e qualche rammarico, mentre il bronzo va alla svizzera Ugolkova.

Il terzo argento di giornata lo regala invece Fabio Scozzoli, che torna grande e conquista la medaglia nei 50 rana, sfiorando il suo record italiano: l’azzurro è il primo degli umani, chiude in 26.79 e precede lo sloveno Stevens, con l’oro che va ovviamente a Peaty col tempo di 26.09. La quarta medaglia porta invece la firma di Matteo Restivo, autore di un grande finale nei 200 dorso, che vale il bronzo: l’azzurro migliora il suo record italiano e chiude in 1.56.29, alle spalle dell’oro Rylov (1.53.36, record europeo) e dell’argento Kawecki. Nella stessa finale, chiude 7° Mencarini. Niente medaglia invece per Federica Pellegrini, che chiude quinta nei 100sl vinti dalla Sjostrom (52.93, precede Heemskerk e Bonnet) col crono di 54.04, e fallisce anche il podio della 4x100sl mista: Dotto e Miressi ci tengono al terzo posto, ma Galizi e Pellegrini perdono il treno, facendoci chiudere quarti alle spalle di Francia (3.22.07), Olanda e Russia. Per il resto, batterie e semifinali: Margherita Panziera incanta nei 200 dorso, dominando la sua semifinale e conquistando la finalissima con un 2.07.27 che vale il miglior tempo d’ingresso, mentre Edoardo Vergani trova il record italiano nei 50sl con 21.37 e vola in finale col secondo tempo alle spalle del fantastico Proud (21.11, a 17/100 dal record mondiale). Out Luca Dotto col 10° tempo, così come vanno out Elena Di Liddo e Ilaria Bianchi nei 50 farfalla, e Matteo Rivolta nei 100 farfalla: Rivolta, ultimissimo a 1” da ogni avversario, ha svelato di non divertirsi più mentre nuota, e che sta valutando il ritiro. Finale conquistata invece per Piero Codia, con l’ottavo tempo sulla stessa distanza, mentre ci sono due azzurre nell’atto conclusivo dei 50 rana: Yuliya Efimova incanta in semifinale con 29.66, Arianna Castiglioni (record italiano in batteria, 30.30) e Martina Carraro volano in finale col 4° e 7° tempo.

Domani potremo inseguire varie medaglie nella giornata conclusiva degli Europei di nuoto di Glasgow 2018: Panziera, Vergani e Castiglioni possono andare a podio, e con loro le due staffette miste. L’Italia attualmente si trova a quota 29 medaglie, complice anche l’argento di Noemi Batki, con 3 ori, 11 argenti e 15 bronzi. 

NUOTO DI FONDO, EUROPEI GLASGOW 2018: RACHELE BRUNI BRONZO NELLA 5KM

Quest’oggi iniziavano le gare nelle acque libere, disputate nel bacino di Loch Lomond, ed è arrivata subito una medaglia. Rachele Bruni si è fatta sorprendere dall’attacco dell’olandese van Rouwendaal, ma ha portato a casa il podio battendo in volata Arianna Bridi: bronzo per l’azzurra e medaglia di legno per Arianna, e le due hanno chiuso a 49” dalla già citata van Rouwendaal, oro con 16”8 sulla tedesca Beck.

Nella gara maschile, invece, azzurri a secco: vince e domina l’ungherese Rasovsky, ex millecinquecentista che batte i francesi Reymond e Fontaine. Il miglior azzurro è Marcello Guidi col 5° posto, mentre chiude 9° Sanzullo e 13° Manzi.

Domani le 10km: al femminile avremo in gara Bridi, Bruni e Gabrielleschi, al maschile Furlan, Ruffini e Sanzullo.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di nuoto anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube e Google +.

Marco Corradi
28 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Nuoto