Il martedì di gara delle Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018 regala l’ottava medaglia all’Italia: la staffetta mista del biathlon (Vittozzi, Wierer, Hofer, Windisch) chiude terza e conquista un bronzo che lascia qualche rammarico. Il racconto della gara. 

OLIMPIADI INVERNALI 2018: LA STAFFETTA MISTA DEL BIATHLON È BRONZO!

2x6km per le atlete al femminile+2×7.5km per gli uomini, con una sessione di tiro in piedi e una a terra per ogni atleta, ma soprattutto con la possibilità di scegliere in questa staffetta mista del biathlon: o si perde tempo a suon di ricariche per ”coprire” e centrare tutti i bersagli, oppure si fa il classico giro di penalità rischiando di sprecare parecchio tempo. Questa scelta capita una sola volta, e sarà decisiva per le sorti del podio di una gara che sembrava scritta: Francia (Fourcade), Germania (Peiffer-Dahlmeier) e Norvegia (Boe-Svendsen) avevano il podio nel mirino, con l’Italia quarta forza designata davanti alle varie Repubblica Ceca, Slovacchia ecc. Gli azzurri però decidono subito di vestirsi da outsider di lusso grazie a una Lisa Vittozzi semplicemente superlativa, capace di andare forte sugli sci e non sbagliare nulla al poligono: 10/10 per lei, ma soprattutto 6” di vantaggio su un terzetto composto da Francia, Kazakistan (che crollerà in seguito) e Slovacchia. Primo crollo invece per la Norvegia, che sbaglia parecchio con Olsbu e finisce a 40”, e così ci sono gli azzurri davanti al momento del cambio tra Lisa Vittozzi e Dorothea Wierer: anche la nostra Doro parte subito bene, ma il suo controllo sugli sci per tenere le energie mentali e fisiche in vista del poligono fa rientrare la Germania, che ha una Dahlmeier superlativa. La presenza della tedesca mette pressione a Dorothea, che sbaglia tre volte in piedi cestinando di fatto la possibile vittoria azzurra: al cambio con Lukas Hofer, primo uomo in gara, l’Italia è a 29”9 dai tedeschi e ha vicina la Bielorussia dopo una grande frazione di Domracheva. Francia a 48”9, ma soprattutto Norvegia a 1’23” con una Eckhoff disastrosa: tutto cambierà in seguito.

La frazione sugli sci di Johannes Boe è infatti semplicemente superlativa e impeccabile, e lo porta ad agganciarsi al duo Italia-Francia: Lukas Hofer tiene un buonissimo ritmo, commette un solo errore e passa il testimone a Dominik Windisch con 32”6 di ritardo dalla Germania e un finale dei suoi 7.5km a braccetto con Francia (Desthieux) e Norvegia (Boe, rimontati 50”). Il terzetto formato da un Fourcade molto pimpante, da Svendsen e da Windisch funziona, ma un errore a testa per l’Italia e gli scandinavi lascia Martin da solo all’inseguimento di un Peiffer impreciso, superandolo e mandandolo in tilt: intanto il duo italo-norvegese si trova a 16” prima dell’ultimo poligono, che rimescola nuovamente le carte. Dominik Windisch sbaglia due volte, Svendsen una, Fourcade è perfetto e festeggia di fatto l’oro che lo fa entrare nella storia (record di medaglie nel biathlon), mentre Peiffer entra in un autentico loop: quattro errori e la decisione di fare un giro ”extra” per non dover ritentare di centrare quel bersaglio mancante. Il tedesco si trova da primo a quarto, mettendosi in scia di Windisch con cui si ritrova a giocarsi il 3° posto: l’azzurro inizialmente sembra spacciato, ma poi trova una volata sontuosa che ci consente di strappare il bronzo. Ottava medaglia azzurra, con due ori, due argenti e 4 bronzi, ma soprattutto Dominik Windisch entra nella storia diventando il maggior medagliato del biathlon italiano alle Olimpiadi invernali (3 medaglie tra Sochi 2014 e PyeongChang 2018) e la staffetta mista bissa il bronzo di 4 anni fa.

Il podio completo vede la Francia (Dorin-Bescond-Desthieux-Fourcade) vincere l’oro col tempo di 1h08’34”3 per completare i 27km della staffetta mista, argento alla Norvegia (Olsbu-Eckhoff-Boe-Svendsen) con 20”9 e bronzo all‘Italia (Vittozzi-Wierer-Hofer-Windisch) con 26”9 di ritardo: qualche rammarico per gli azzurri, che senza i tre errori di Wierer e quegli sbagli di Windisch potevano addirittura sognare l’oro, visto il quartetto molto equilibrato che abbiamo messo in gara. Germania quarta a 27”2, e seconda gara senza medaglie per Dahlmeier: i tedeschi fanno (assurdamente) ricorso contro la volata di Windisch per un cambio di direzione, ma restano giù dal podio.

OLIMPIADI INVERNALI 2018: NEWS, RISULTATI E MEDAGLIERE AGGIORNATO

News sulle Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018 tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube e Google +.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *