spada a squadre

Una medaglia inattesa, in una disciplina che certamente non era tra le più quotate per l’Italia olimpica (la qualificazione era stata difficoltosa): la spada a squadre azzurra centra l’argento, cedendo solo in finale contro una Francia al di sopra delle nostre possibilità.

Paolo Pizzo, Marco Fichera ed Enrico Garozzo (con Andrea Santarelli riserva) partono subito a razzo, con uno spettacolare quarto di finale contro la Svizzera: netta la superiorità degli azzurri, che riescono a piazzare subito un buon margine nonostante la scelta di chiudere svariati assalti in anticipo, su pressione degli stessi elvetici. Parte con un 1-0 Fichera, che poi cede subito il passo a Pizzo e Garozzo: dopo le prime tre manches l’Italia si trova su un sontuoso 11-4, ed il vantaggio sul terzetto composto da Kauter, Heinzer e Steffen aumenta assalto dopo assalto, fino ad arrivare al 23-9 del sesto assalto. Un punteggio da urlo, con la Svizzera che rinviene solo in seguito, con l’8-6 di Steffen a Pizzo, ma Garozzo ristabilisce le distanze e poi Fichera chiude con un assalto incredibile, che porta al 14-13 parziale svizzero in soli tre minuti. L’Italia vince 45-32 e va in semifinale, dove trova l’Ucraina.

Ed anche qui il dominio prosegue, con gli azzurri che perdono solo un assalto nell’intero match: Fichera, Pizzo e Garozzo annichiliscono gli ucraini Herey, Nikishin e Karyuchenko con un 45-33 complessivo, frutto di una gara quasi fotocopia della precedente: 5-2 iniziale di Fichera, e l’Italia chiude al 3° assalto sul 13-8, poi c’è l’allungo ulteriore che ci porta a doppiare gli avversari dopo sei assalti ed al 28-14, fino alla chiusura finale, con Fichera che perde il suo assalto 7-6, ma ci porta comunque alla vittoria e ad una finale che mancava dal lontano 2000 e dai Giochi di Sydney.

Una rivincita per gli azzurri, che ai Mondiali 2015 avevano perso il bronzo dalla Svizzera, e vanno a tirare per l’oro contro la Francia: Fichera, Pizzo e Garozzo incontrano dunque Jerent, Lucenay e Borel, e nella finale si trovano di fronte un avversario semplicemente troppo forte per le loro potenzialità. Gli azzurri partono male, con il 5-2 subito da Fichera contro Jerent, e poi Pizzo tenta la rimonta, sbattendo però su Borel con un beffardo 5-5 (il suo è l’unico assalto senza sconfitta): Garozzo invece fatica enormemente contro Lucenay, al punto di interrompere volontariamente l’assalto sul 13-8 e con quaranta secondi a disposizione: la palla passa così a Pizzo, che però perde di misura (7-6) contro Jerent, mentre Fichera decide di non tirare contro Lucenay e cedere subito la mano al terzo azzurro, che subisce un parziale di 10-5.

Italia sul 30-19, e così il ct fa entrare anche Santarelli (la riserva) al posto di Pizzo: per lui un buon parziale, col 5-4 subito da Lucenay, che spinge la Francia ad un altro passo da un meritato oro: e nulla cambia nei due assalti finali, nei quali Garozzo e Fichera vengono sconfitti dai rispettivi avversari per il 45-31 che vale il quarto titolo olimpico consecutivo per la Francia.

Italia d’argento nella spada a squadre dunque, dopo un autentico calvario contro un avversario semplicemente troppo forte, e 21a medaglia azzurra: stasera saliamo a quota 7 ori, 8 argenti e 6 bronzi, nell’attesa dei prossimi allori azzurri…

 

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *