Le Olimpiadi tornano in Australia. Brisbane ospiterà i Giochi del 2032 , succedendo a Parigi e Los Angeles. L’annuncio è arrivato nella 138a sessione del CIO, in corso a Tokyo nei giorni precedenti alla rassegna a cinque cerchi.

L’AUSTRALIA RITROVA LE OLIMPIADI: A BRISBANE I GIOCHI DEL 2032

L’Australia ritrova le Olimpiadi, già ospitate nel 1956 (Melbourne) e a Sydney (2000). Il paese aussie ospiterà infatti i Giochi del 2032, succedendo così a Parigi (2024) e Los Angeles (2028) nell’organizzazione della rassegna a cinque cerchi, che torna nell’Oceania. Le Olimpiadi e le Paralimpiadi del 2032 sono state infatti assegnate alla città di Brisbane, che si presentava come unica e sola candidata. L’Australia ospiterà dunque i Giochi dopo 32 anni, con l’ufficialità che è arrivata nella 138a sessione del CIO che si è tenuta quest’oggi a Tokyo, a 48h dal via di Tokyo 2020 con la cerimonia d’apertura (venerdì alle 13). Brisbane, metropoli e capitale del Queensland (2.6mln di abitanti), diventerà così la seconda località ad ospitare le Olimpiadi nell’emisfero australe e nell’inverno di quella zona del mondo, dopo Rio de Janeiro (2016): lo stadio chiave dei Giochi sarà The Gabba, impianto dedicato solitamente al cricket da circa 42mila spettatori, chiamato così perchè situato nella zona periferica chiamata Woolongabba. Un impianto che dunque ospiterà la rassegna a cinque cerchi, insieme all’intera città di Brisbane e all’Australia tutta, che verrà attraversata da alcuni tornei (calcio e non solo).

Marco Corradi
28 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *