Archiviata, ma non ancora digerita la sbornia per i due ori nell’atletica, l’Italia festeggia un’altra medaglia. Stavolta è l’argento di Vanessa Ferrari a essere esaltato. Un premio alla carriera eccezionale di un’atleta speciale. Buoni risultati anche sugli altri fronti, dall’atletica al ciclismo.

GINNASTICA ARTISTICA: CAPOLAVORO DI VANESSA FERRARI

Super Vanessa Ferrari. La ginnasta azzurra si supera e realizza una prova straordinaria. Grazie a una coreografia ed una musica emozionante, Ferrari ha ottenuto un punteggio di 14.200 nella sua prestazione che l’ha portata a prendersi, di diritto, una storica medaglia d’argento nel corpo libero.

Qui, la cronaca della prestazione di Ferrari.

ATLETICA: BENE BATTOCLETTI

Dopo la domenica storica per l’Italia, continuano le gare per l’Italia. Nei 5000 metri piani femminili festeggiano i Paesi Bassi che conquistano l’oro con Sifan Hassan. Settimo posto per Nadia Battocletti. Nel lancio del disco, invece, l’azzurra Daisy Osakue chiude in dodicesima posizione. Vittoria alla statunitense Valerie Allman.

Qui la cronaca delle gare

NUOTO SINCRONIZZATO

Linda Cerruti e Costanza Ferro terminano la prima giornata del due programma libero con un buon sesto posto. Il punteggio è di 91.2000, con 27.6000 di esecuzione, 36.0000 di impressione artistica e altri 27.6000 di difficoltà. Al comando ci sono le russe Svetlana Kolesnichenko e Svetlana Romashina con 97.9000.

CICLISMO SU PISTA: CHE GARE DEGLI AZZURRI

Elisa BalsamoLetizia PaternosterRachele Barbieri e Vittoria Guazzini sono andate all’inseguimento di un grande risultato nella categoria femminile della disciplina. Le azzurre hanno dato davvero tutto, effettuando un’ottima prova, in rimonta su quello che era l’allora miglior tempo, stabilito dalla Francia. Le azzurre hanno chiuso in 4:11.666 (0″836 più veloci delle francesi), ottenendo il nuovo record italiano. Il team femminile d’inseguimento ha chiuso in quarta posizione alla fine della manche di qualificazione: le azzurre sfideranno le neo detentrici del record del mondo (4:07.307) della Germania, in una gara da dentro o fuori, perché, chi uscirà vincente, andrà a giocarsi la medaglia d’oro. Ma attenzione: sarà importante dare il massimo perché tutte le nazioni saranno in corsa per il bronzo. Determinante sarà il tempo ottenuto nella semifinale dall’Italia.

In campo maschile, il team azzurro composto da Simone ConsonniFilippo GannaFrancesco Lamon Jonathan Milan hanno disputata semplicemente sbalorditiva: gli azzurri, triplo bronzo mondiale nella disciplina, si sono spinti oltre i loro limiti, concludendo la gara in 3:45.895. Con questo tempo, l’Italia ha siglato il nuovo record olimpico, ad 1″2 dalla miglior prestazione mondiale. Record olimpico che, purtroppo per gli azzurri, è stato italiano solo per il tempo di una manche. Infatti, la Danimarca ha migliorato il crono, portandolo a 3:45.014. Una gara incredibile degli azzurri che hanno comunque chiuso meritatamente al 2° posto. In semifinale, sarà sfida con la Nuova Zelanda.

TUFFI: FUORI MARSAGLIA

Una prova non memorabile da parte di Lorenzo Marsaglia, impegnato nella gara di qualificazione del trampolino 3m maschile. L’azzurro, al termine dei 6 round di tuffi, ha totalizzato un punteggio di 369.60, chiudendo in 20^ posizione, lontanissimo dalle prestazione di testa. L’azzurro sarà la seconda di riserva: potrà partecipare alle semifinali solo in caso di rinuncia di uno degli atleti meglio piazzati. A meno di grandi sorprese quindi, Marsaglia non gareggerà nelle semifinali.

BEACH VOLLEY: LUPO/NICOLAI AI QUARTI

Grandissima partita da parte di Daniele Lupo e Paolo Nicolai che hanno sconfitto la coppia polacca, composta da Michal Bryl e Grzegorz Fijalek, per 2-0 (22-20, 21-18), qualificandosi ai quarti di finale del torneo olimpico maschile. Una prestazione maiuscola del duo azzurro che non ha mai perso il controllo del match. Primo set equilibratissimo su tutti e due i fronti del campo: dopo aver giocato punto a punto, è stato l’attacco di Lupo a piegare il muro di Bryl, portando in vantaggio gli azzurri. Nel secondo parziale, è stato decisivo il break di 3 punti per Nicolai/Lupo sul 5-5. Ottimi attacchi, precisi servizi in ricezione ed una grande difesa a muro sono stati gli ingredienti della vittoria odierna. Ora, ad attenderli ci saranno i quarti di finale contro i qatarioti Cherif/Ahmed.

EQUITAZIONE: BUONE PROVE PER LE AZZURRE

Buona prova nel salto ad ostacoli per le azzurre impegnate nella serata olimpica giapponese. Arianna Schivo ha totalizzato 49.70 punti, terminando in 26^ posizione. Una posizione indietro per Vittoria Panizzon27^, con 50.20 punti. La migliore delle azzurre è stata Susanna Bordone22^ e qualificata alla finale individuale (unica del team azzurro) con 44.90 punti. Le prestazioni delle azzurre hanno portato l’Italia in 7^ posizione nella classifica a squadre, con 144.80 punti.

OLIMPIADI TOKYO 2020: NEWS, RISULTATI E MEDAGLIERE AGGIORNATO

News sulle Olimpiadi di Tokyo 2020 tutti i giorni sul nostro sito.

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.