Proseguono le gare agli Europei di ciclismo, in corso ad Herning: quest’oggi tutti gli occhi erano puntati sulla gara femminile (h. 14), ma la giornata partiva con gli U23. I risultati degli azzurri!

Europei Herning

EUROPEI HERNING: BRONZINI ARGENTO NELLA GARA FEMMINILE, TRIONFA VOS

Alta tensione in un circuito velocissimo, 20km intorno ad Herning da ripetere per 6 volte (120 i km totali): è una gara bellissima e ricca di emozioni, quella delle ragazze negli Europei di ciclismo, solo leggermente scompaginata dalla pioggia che colpisce a scrosci intorno alla metà di gara. Il circuito di Herning, che alterna tratti tortuosi a rischio-ventaglio ad altri totalmente rettilinei, ci mette di fronte a una sfida ad altissima tensione tra l’Italia e l’Olanda, che continuano a punzecchiarsi: inizialmente Marianne Vos sorprende le azzurre, che devono inseguire e sprecare energie preziose, ma in seguito la prova femminile si dipana su un duello all’ultimo attacco, con le olandesi che vanno all’assalto e le azzurre che marcano a uomo come il miglior Gattuso. Il primo attacco buono arriva ai -50, ma l’Olanda non si fida della propria atleta (Pieters) e tira per chiudere, poi ecco un’altra azione ai -35 con Elisa Longo Borghini in testa, ma il vero attacco è quello che parte ai -25: lo lancia la russa Zabelinskaya, alle cui spalle si porta un piccolo drappello di atlete che comprende Sheyla Gutierrez, la tedesca Becker, la polacca Pawlowska, Marianne Vos e le azzurre Longo Borghini e Bronzini. È la fuga buona, dato che Olanda e Italia rompono i cambi e il vantaggio sale rapidamente a 45”, per poi attestarsi sul mezzo minuto dopo qualche attimo di stallo dovuto alla non collaborazione della Bronzini (che si rimette subito in riga): man mano che ci si avvicina al traguardo, le energie mancano e davanti restano solo in quattro, con Zabelinskaya, Vos e le due azzurre. Longo Borghini tira allo stremo delle forze per Bronzini e si stacca, Zabelinskaya invece prova la sparata, ma resta spettatrice della volata finale e si condanna al 3° posto: allo sprint Marianne Vos parte meglio, Giorgia Bronzini reagisce in extremis e sembra anche poterla superare, ma poi ”rimbalza” sul colpo di reni della storia rivale. Oro europeo all’olandese (succede alla connazionale van der Breggen), argento alla Bronzini con Zabelinskaya terza: Elisa Longo Borghini crolla nel finale sulla rincorsa del gruppo, regolato dalla francese Fournier (con l’azzurra Confalonieri 9a). Con questa medaglia l’Italia sale a 4 medaglie: 1 oro, 2 argenti e un bronzo.

EUROPEI HERNING: GLI U23 PREMIANO ANCORA LA DANIMARCA, CIMA 7°

La giornata di gare, però, era partiva con la prova degli U23 maschili, che premia nuovamente la scatenata Danimarca: gli scandinavi stanno sfruttando al meglio gli Europei casalinghi, facendo incetta di medaglie soprattutto nelle categorie giovanili. Prima della gara degli U23 i danesi si trovavano a tre ori, quattro argenti e un bronzo, ma la gara dei futuri campioncini porta un altro successo ai padroni di casa: è il passista Casper Pedersen a trionfare sullo stradone di Herning, sfruttando un attacco partito ai -20km. Sono le cadute a fare la corsa nella gara degli U23, ancor più degli attacchi: l’attacco decisivo vede partire Pedersen, il francese Cosnefroy, lo svizzero Hirschi e il russo Rikunov, e il gruppo viene frenato nell’inseguimento proprio da alcune cadute, che di fatto rendono impossibile il ricongiungimento coi fuggitivi. I 30” guadagnati dal quartetto sono così decisivi per rintuzzare l’inseguimento, e Casper Pedersen demolisce nettamente la concorrenza, conquistando il 4° oro danese: argento a Cosnefroy e bronzo a Hirschi, mentre l’Italia resta tagliata fuori e vede Imerio Cima conquistare la 7a posizione nella volata del gruppone, arrivato a 4”.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo su strada anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube e Google +.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *