L’arrivo per finisseur di Agrigento premia Diego Ulissi e regala all’Italia il secondo successo in altrettante tappe del Giro d’Italia: sul podio Sagan e Honoré. Filippo Ganna difende con successo la maglia rosa: domani l’assalto all’Etna.

GIRO 2020, 2A TAPPA: ULISSI DOMA LO STRAPPO DI AGRIGENTO, SCONFITTO SAGAN

Dopo la strepitosa cronometro di Filippo Ganna, che gli è valsa tre maglie di leader (rosa, ciclamino, bianca) e il successo di tappa a Palermo, il Giro d’Italia 2020 riparte da Alcamo per una frazione “scorbutica”: i 149km verso Agrigento non sono infatti per velocisti puri, vista la salitella finale al 5.3% di pendenza media con punte al 9%, ma per finisseur. Dopo la 1a tappa non partono Miguel Angel Lopez (ritiro) e Luca Covili (fuori tempo massimo), e la frazione viene subito scandita da una fuga: all’attacco De Gendt (Lotto-Soudal), Bais (Androni), Tonelli (Bardiani-CSF), Gastauer (Ag2r) e van Empel (Vini Zabù-KTM), che sfiorano i quattro minuti di margine. L’Ineos di Ganna controlla la corsa, che viene scandita da cadute e colpi di scena: a terra Viviani e Consonni nei primi km, ed Edet ai -20km in un capitombolo di gruppo. Il maggior colpo di scena viene però dall’Astana, che dopo Lopez perde un’altra punta e il favorito per la maglia bianca: Vlasov si ritira dopo 70km di calvario, svuotato da un virus intestinale che ha prosciugato le sue energie nella notte. Dopo la metà della tappa, cambiano le squadre in testa: tirano UAE e Sunweb, per Ulissi e Matthews che hanno messo un circoletto rosso su questa frazione, e il vantaggio si assottiglia sensibilmente fino a ridursi a un minuto ai -20km. Il ricongiungimento avviene ai -9km, e il gruppo prende ad altissima velocità lo strappo verso il traguardo: un ritmo forsennato che crea una grande selezione e riduce il plotone a una cinquantina d’unità. Si staccano tutti gli sprinter puri, ma anche Giulio Ciccone (reduce dal COVID e non al 100%) e il giovane scalatore dell’Androni, Cepeda. Il primo attacco convinto sullo strappo conclusivo è di Wackermann, che viene ripreso da Ulissi, Sagan e Honoré. I quattro lanciano lo sprint, e la spunta proprio Diego Ulissi con un’accelerazione repentina negli ultimi metri: secondo Sagan e terzo Honoré per la Quickstep, mentre Wackermann è quarto. Ulissi regala il secondo successo all’Italia ciclistica in altrettante tappe, dopo lo zero del Tour, mentre il gruppo arriva a 6” con tutti i big: perde 1’48” Ciccone, che difficilmente resisterà domani sull’Etna.

GIRO 2020: FILIPPO GANNA DIFENDE LA MAGLIA ROSA, DOMANI L’ETNA

Filippo Ganna arriva placidamente nel gruppo dei migliori, e riesce a difendere la maglia rosa: guida con 22” su Almeida e 23” su Thomas, grande indiziato per vestire il simbolo del primato domani. L’azzurro mantiene la maglia bianca, mentre Ulissi indosserà la maglia ciclamino e Sagan quella azzurra di miglior scalatore. Domani si fa già sul serio, nei 150km da Enna all’Etna, versante di Linguaglossa/Piano Provenzana: frazione molto mossa e ricca di “mangia e bevi”, che portano all’ascesa verso l’Etna, 19.1km con pendenza media al 6/7% e punte al 10%. 

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *