Prima del secondo giorno di riposo (coi nuovi test anti-COVID), il Tour de France vive una dura e intensa tappa di montagna: si parte da Lione e si arriva sul Grand Colombier. Si attendono nuovi scossoni in classifica.

TOUR DE FRANCE, 15A TAPPA: POGACAR BATTE ROGLIC, AFFONDA BERNAL

Ieri Peter Sagan ha cercato il “colpo gobbo” per la maglia verde a Lione, assistendo però al trionfo-Sunweb con Søren Kragh Andersen, ma quest’oggi lo scenario è totalmente differente per il Tour de France 2020. Alla vigilia del secondo e ultimo giorno di riposo, e della temutissima seconda tornata di test (se un team ha due positivi tra ciclisti e staff, viene mandato a casa), i corridori affrontano una frazione di montagna che può dare qualche scossone in classifica. Si parte da Lione e si arriva sul Grand Colombier dopo 174.5 dai due volti opposti, con 2/3 di tappa piatti e velocissimi e l’ultima parte che mette in fila tre GPM: Selle de Fromentel (11.1km all’8.1% con punte al 19%), Col de la Biche (6.9km all’8.9%) e l’ascesa finale, 17.4km al 7% con punte al 12% fino ai 1.500m del Grand Colombier. Il gruppo tira a ritmo forsennato nei primi km, tentando di evitare fughe per consentire a Bennett e Sagan di giocarsi il massimo dei punti nel traguardo volante (Sam guadagna 2pti su Peter, ora è a +45). La mossa non riesce, perchè in una prima ora da 53.5km/h di media scattano in otto: Ledanois (Arkea), Herrada (Cofidis), Marcato (UAE), Bonifazio (Total-Direct Energie), Gogl (NTT), Rolland (Vital Concept), Trentin e Geschke (CCC), che raggiungono un vantaggio massimo di 4’30” e percorrono quasi 100km nelle prime due ore. Il gruppo, tirato dalla Jumbo-Visma, controlla e fa un buon ritmo per scremare il più possibile e tenere i fuggitivi sotto i tre minuti: non mancano le cadute, con Higuita che si ritira dopo un doppio tonfo nel giro di pochi minuti.

La frazione cambia volto in salita: sulla Selle de Fromentel attaccano Herrada, Geschke e Rolland, con Gogl che resta a qualche secondo e sembra in grande difficoltà. L’austriaco, pur procedendo a zig-zag nel tratto al 19%, resta in scia ai primi tre e riesce a rientrare: Gogl non si limita a questo, e attacca in discesa, iniziando il secondo GPM con 52” sul terzetto che lo segue. Un terzetto che diventa un singolo corridore, perchè Pierre Rolland stacca i rivali sul Col de la Biche, si riporta in scia all’austriaco e lo lascia sul posto. Il gruppo accorcia ulteriormente, e ha un ritardo di 2′ ai -45km: la Jumbo-Visma però non anticipa i tempi (ma si staccano ugualmente Pinot e Gaudu), tenendo Gogl e Rolland a bagnomaria fino all’ascesa finale. E proprio sulla salita conclusiva si conclude la fuga: il lavoro della Jumbo (van Aert) azzera il vantaggio, con Gogl che è l’ultimo a cedere ai -13km. Ma soprattutto, fa cedere prima Quintana e poi Bernal, che va in crisi e viene staccato anche dal connazionale. Nel gruppetto restano venti corridori, tra i quali non c’è Guillaume Martin che cede ai -7.5km e imbarca ritardo: la Jumbo continua a spingere con Dumoulin e restano solo in undici davanti, grazie anche al tentativo d’attacco di Yates. Roglic ha Dumoulin e Kuss, poi ecco Porte, Pogacar, Lopez, Mas, Uran, Landa, Yates e Valverde: le passate di Dumoulin e Kuss riducono il gruppo a un terzetto coi due sloveni e Porte, che si giocano il successo. Lo scatto di Pogacar è pazzesco e lascia sul posto Roglic, che era davvero al limite: vittoria di tappa per Pogacar, che precede Roglic. Chiude a 5” Porte, 8” per Lopez, mentre Mas, Landa, Kuss e Yates chiudono a 15”: 18” per Uran e 24” per Valverde, che precede di poco Dumoulin che aveva tirato per un terzo di salita. Ottimo Damiano Caruso, 13° a 1’54”. Affondano in tre prima del giorno di riposo: Guillaume Martin perde 3’25”, Quintana chiude a 3’50”, Bernal arriva a 7”20 (con Gaudu e Rolland) e abdica riguardo a ogni proposito di classifica.

TOUR DE FRANCE: POGACAR ACCORCIA SU ROGLIC, LA CLASSIFICA PRIMA DEL RIPOSO

Primoz Roglic resta leader, ma Pogacar guadagna quattro secondi e dà uno schiaffo morale al connazionale: Pogi ora è secondo a 40”, e proverà la rimonta nella terza settimana, anche se la cronometro conclusiva favorisce Primoz. Seguono Uran (1’34”), Lopez (1’45”), Yates (2’03”), Porte (2’13”), Landa (2’16”), Mas (3’15”), Quintana (5’08”) e Dumoulin che è decimo a 5’12” pur facendo il gregario di lusso: fuori dai dieci Martin (6’45”), Valverde (6’52”) e Bernal, che è 13° a 8’25” e precede il nostro Damiano Caruso, 14° a 9’02”. Domani si riposa, però martedì si inizia nuovamente a salire.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube.

Marco Corradi
28 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *