Dopo il successo di Fabio Jakobsen nella giornata di ieri, quest’oggi la Vuelta 2019 affronta il primo arrivo in salita sull’Alto de Javalambre: andiamo a scoprire come si sono comportati i big della classifica generale.

VUELTA 2019, 5A TAPPA: MADRAZO DOMA LA PRIMA SALITA, LOPEZ GUADAGNA SUI BIG

Dopo la volata che ha incoronato a sorpresa Fabio Jakobsen, la Vuelta 2019 vive quest’oggi il suo primo arrivo in salita. La 5a tappa è lunga 170.7km, e porta i corridori da L’Eliana all’Observatorio Astrofisico de Javalambre e ai suoi 1.950m: i corridori affrontano Puerto de Alcublas (5.9km al 4.7%) e l’Alto Fuente de Rubielos (4.8km al 5.7%) prima dell’ascesa finale, lunga 11.7km con pendenza media al 7.8% e punte al 16%. L’Alto de Javalambre è un’ascesa che può fare molta selezione, e che viene chiamata il ”Mont Ventoux spagnolo” per la strada brulla, priva di vegetazione ed esposta al sole. La frazione viene scandita da una fuga a tre: la maglia a pois Angel Madrazo col compagno di squadra Jetse Bol (Burgos-BH), e con loro Josè Herrada (Cofidis), che è quello piazzato meglio nella generale coi suoi 13’21” di ritardo dalla maglia rossa Nicolas Roche. Il gruppo tiene la fuga intorno ai 6′ nelle prime ore, poi molla e va a ritmo blando, facendo volare il vantaggio dei tre fuggitivi oltre gli 11 minuti: il passo della Sunweb è lento, e arriva in testa la UAE, che riporta il margine sotto i dieci minuti grazie al lavoro di Gaviria e Troia. Nel mentre Madrazo ha fatto incetta di punti per la classifica dei GPM, e sogna la vittoria di tappa.

Il lavoro della UAE non è efficace sul lungo periodo, perchè il margine dei fuggitivi si mantiene intorno ai 10′. I tre davanti, che rischiano il patatrac quando l’ammiraglia della Burgos-BH per poco non investe Madrazo ed Herrada, approcciano la salita con un margine di 6′ sul gruppo, e un vantaggio rosicchiato dal duro lavoro di Ineos e Jumbo-Visma. Angel Madrazo molla ai -7km, ma continua a fare una sorta di elastico, rientrando e staccandosi nuovamente. Tira anche la Bora in gruppo e il margine continua a scendere, ma è l’azione della Jumbo-Visma a decimare il plotone dei big: si stacca Aru e si staccano in tanti, soprattutto quando si muove Alejandro Valverde. Il campione del mondo è il primo ad attaccare, ma viene ripreso dal gruppetto, tirato da Kuss (gregario di Roglic). Ai -4km sono rimasti solo in cinque davanti: Kuss, Roglic, Pogacar, Lopez e Valverde, mentre molla Roche, che dice addio al simbolo del primato. Il colombiano è il migliore su questo tipo di salite e lo dimostra: scatto secco ai -3km, che lascia tutti sul posto. Miguel Angel Lopez s’invola, ma non guadagna molto perchè le pendenze sono proibitive. Davanti intanto i fuggitivi rallentano e Madrazo rientra, piazzando lo scatto decisivo: l’outsider iberico consolida la maglia a pois e vince sul primo arrivo in salita della Vuelta 2019. Angel Madrazo, 31 anni, precede il compagno Jetse Bol e Josè Herrada, mentre Miguel Angel Lopez arriva a 47′‘ ed è il migliore dei big. Guadagna 12” su Roglic e Valverde, arrivati a 59”, e diventa il nuovo leader della Vuelta. Chiude a 1’29” Pogacar, con Quintana a 1’41” e Chaves a 1’46”: Uran chiude a 2’11”, Roche arriva a 2’17”, mentre Formolo arriva a 2’32” e Aru a 2’59”.

VUELTA 2019: LA NUOVA CLASSIFICA GENERALE. DOMANI UN’ALTRA SALITA

Miguel Angel Lopez torna così a guidare la Vuelta 2019 e vestire la maglia rossa. Il colombiano dell’Astana guida con 14” su Roglic, 23” su Quintana e 28” su Valverde: completano la top-10 Roche con 57” di ritardo, Uran staccato di 59”, Chaves che si trova a 1’17” e precede Majka (+1’18”), Pogacar (+1’49”) e Kelderman (+1’50”). Il miglior italiano è Davide Formolo, 12° con 1’58” di ritardo, mentre Fabio Aru scivola in 17a posizione con 2’47” dal leader. Domani ci attende un’altra tappa per scalatori, con la partenza da Mora de Rubielos e l’arrivo ad Ares del Maestrat dopo 198,9km: i corridori affronteranno Puerto de Nogueruelas (9km al 4.5%) e Puerto de Linares (7.7km al 5.7%) a inizio tappa, per poi scalare Puerto de Culla (4.4km al 5.8%) e prepararsi all’ascesa finale verso il Puerto de Ares. Si arriva a 1.195m d’altitudine dopo un’ascesa finale lunga 7.9km con pendenza media al 5%, che difficilmente sancirà ampi distacchi.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni  i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo su strada anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *