Nicolò Martinenghi e la staffetta 4x100sl sono le grandi chances di medaglia dell’Italia nelle finali odierne del nuoto. Il LIVE della notte di gare, che vedrà anche molti azzurri protagonisti nelle semifinali.

Dopo il flop di Gabriele Detti nei 400sl, l’Italia del nuoto si sblocca e si porta a quota 7 medaglie complessive. Doppia medaglia dalle vasche di Tokyo 2020, con entrambe le finali più attese che ci vedono andare a segno. Nicolò Martinenghi conquista il bronzo dei 100 rana, chiudendo alle spalle di Peaty e Kamminga. La 4x100sl, invece, conquista uno storico argento e la prima medaglia per la staffetta veloce azzurra alle Olimpiadi: gara sontuosa di Miressi, Ceccon, Zazzeri e Frigo, che cedono solo agli USA. Finali raggiunte, invece, per Martina Carraro e Thomas Ceccon nei 100 rana e nei 100 dorso. Rivivi il LIVE della notte di gare.

5.29 – L’Italia riceve la storica medaglia d’argento nella 4x100sl: facciamo tutti un applauso, dalle nostre case, a Miressi, Ceccon, Zazzeri e Frigo. Ma anche a Santo Condorelli, autore di una grande batteria!

5.14 – L’ITALIA FA LA STORIA, MEDAGLIA D’ARGENTO! Storico argento per gli azzurri, che si difendono dal rientro dell’Australia nell’ultima vasca. Oro agli USA, argento azzurro in 3.10.11: Miressi (sottotono), Ceccon, Zazzeri e Frigo portano per la prima volta la 4x100sl sul podio olimpico. Secondo podio per le staffette azzurre, dopo la 4x200sl di Rosolino e Brembilla (bronzo) ad Atene 2004.

5.11 – Ceccon lascia l’Italia al terzo posto, e ora tocca a uno strepitoso Zazzeri. L’Italia si affaccia anche in testa, poi ripassano gli USA. Si vira con l’Italia a 20/100 dagli Stati Uniti e seconda.

5.09 – USA che partono a razzo con Dressel e un passaggio super in 22.24: si arriva ai 100m con gli USA a 47.26, poi Francia e Russia. Italia quarta con Miressi in 47.72, partenza sottotono. Ora tocca a Ceccon.

5.08 – Ci siamo, è il momento più atteso della notte del nuoto: ecco la 4x100sl. L’Italia, qualificata col miglior tempo e col record italiano (3.10.29), cambia formazione: Ceccon rileva Condorelli in seconda frazione. Aprirà Miressi sfidando Dressel, chiuderanno Zazzeri e Frigo

5.04 – Grande livello nella seconda semifinale dei 100 dorso: Kylie Masse (58.09) precede McKeown di soli 2/100, più staccate Seebohm e Toussaint. Sarà una finale di livello altissimo: out, come vi avevamo anticipato, Margherita Panziera con l’11° tempo.

4.58 – Strepitosa semifinale per Regan Smith: 57.86 e record olimpico, battendo quello della McKeown. Margherita Panziera 6a in 59.75: la finale è impossibile.

4.56 – A bordo vasca le atlete dei 100 dorso. Margherita Panziera dovrà migliorarsi per raggiungere la finalissima, anche se il suo grande obiettivo sono i 200.

4.45 – In corso la premiazione dei 100 rana: Nicolò Martinenghi riceverà la sua medaglia di bronzo, la 6a medaglia italiana (un oro, un argento, quattro bronzi).

4.43 – Thomas Ceccon avrà una grande chance domani nella finalissima dei 100 dorso: Kolesnikov e Murphy sembrano inarrivabili, ma l’azzurro è in linea con la lotta per il bronzo. Un bronzo che sarebbe stato fuori portata se Xu fosse stato in forma, ma l’atleta cinese ha faticato molto oggi.

4.41 – Portentoso Kolesnikov, che nuota 52.29 in totale scioltezza: sei decimi rifilati a Rylov e Xu. Ceccon accede alla finalissima col quarto tempo.

4.39 – Seconda semifinale con un probabile duello russo-cinese: Kolesnikov sfiderà Rylov, ma occhio al cinese Xu.

4.34 – 3° posto per Thomas Ceccon nelle semifinali dei 100 dorso: l’azzurro chiude in 52.79, alle spalle di Murphy (52.24) e Larkin (52.76). La finale è quasi raggiunta e ora dovrà ricaricarsi, perchè sarà in gara nella staffetta 4x100sl.

4.25 – Finale strepitosa nei 400sl femminili: Ariane Titmus sconfigge Katie Ledecky nei 400sl col tempo di 3.56.69. Argento alla statunitense e bronzo alla cinese Li Bingjie, staccata di quasi cinque secondi dalle duellanti

4.18 – Ventun anni. Tanto tempo era passato dall’ultima volta italiana sul podio della rana alle Olimpiadi. Da Sydney 2000, dall’oro di Domenico Fioravanti nei 100 e nei 200 rana, e dal bronzo di Rummolo nella distanza lunga. Martinenghi ha compiuto qualcosa di storico, e certifica il suo status di atleta di livello mondiale. A quasi 22 anni, il varesino è bronzo a Tokyo 2020.

4.17 – BRONZOOOOOOO! Medaglia azzurra! Nicolò Martinenghi è terzo! 58.33 il tempo dell’azzurro, che viene sconfitto solo da Peaty (57.37) e Kamminga (58.00), e riporta la rana italiana sul podio olimpico!

4.16 – Peaty guarda negli occhi Kamminga prima dello start, come a volergli dire “Sono io il più forte, arrenditi”. Super-partenza di Martinenghi, che è quarto alle spalle di Peaty, Kamminga e Shymanovich.

4.13 – Gli atleti dei 100 rana maschili sono a bordo vasca. Ci siamo, un paio di minuti e partirà l’attesissima finale dei 100 rana, con Nicolò Martinenghi a caccia di una medaglia. Peaty è inarrivabile, ma l’azzurro ha disputato una grande semifinale, lottando ad armi pari con Kamminga.

4.05 – Ora la premiazione dei 100 farfalla, qualche attimo di pausa, e poi alle 4.12 la finalissima dei 100 rana maschili con Nicolò Martinenghi: l’azzurro era approdato all’atto conclusivo col 3° tempo e sogna la medaglia.

4.01 – Non una grande semifinale per Martina Carraro, ma c’è tempo per recuperare. L’azzurra sarà nella finalissima dei 100 rana e ha una certezza: per centrare una medaglia, servirà scendere sotto l’1.06

4.00 – Recupero mostruoso di Martina Carraro nella seconda vasca, sfruttando il calo delle avversarie: 1.06.50 il suo tempo, con un 3° posto che vale la finalissima con il settimo tempo. Semifinale dominata dalla Schoenmaker, che ha preceduto Lilly King in 1.05.06.

3.59 – Passaggio molto lento di Martina Carraro ai primi 50m, è in fondo al gruppo col tempo di 31.73.

3.56 – Ai blocchi di partenza Martina Carraro, che sarà in corsia 3: nella sua semifinale ci sono le atlete più veloci delle batterie, la sudafricana Schoenmaker e la favorita Lilly King.

3.54 – La statunitense Jacoby vince in 1.05.72, precedendo Hansson ed Efimova: livello non altissimo in questa semifinale, con sole due atlete sotto l’1.06. Nella seconda si andrà sicuramente più veloce.

3.51 – Tutto pronto per la prima semifinale dei 100 rana: Martina Carraro sarà in acqua nella seconda serie.

3.48 – Vince Duncan Scott in 1.44.60, precedendo Smith e Rapsys. 6° Ballo in 1.45.84, solo 4/100 più lento di ieri. Purtroppo non basta per la finale, è out col 10° tempo. Finale che viene acciuffata per un soffio da Hwang, classe 2003 che sarà tra i favoriti insieme a Popovici (2004), Rapsys e Duncan Scott.

3.43 – Ora tocca a Stefano Ballo, che scatterà dalla corsia 6 nella seconda semifinale.

3.41 – Crolla nel finale, dopo un passaggio molto veloce, Di Cola: 6° in 1.47.19 e sicuramente out. Vince Malyutin 1.45.45, precedendo Popovici e Scheffer.

3.40 – Vira al terzo posto Di Cola a metà gara, 51.69: l’azzurro è alle spalle di Scheffer e del giovane talento (2004) Popovici.

3.39 – Si parte con le gare degli azzurri, ecco le semifinali dei 200sl. Subito in acqua Stefano Di Cola, in corsia 8.

3.35 – Nella finale, senza italiane, dei 100 farfalla, vittoria per la canadese Margaret McNeil in 55.59: seconda a 5/100 la cinese Zhang Yufei, bronzo a McKeown e Sjostrom resta a secco.

3.30 – Infine, la grande speranza italiana, quella 4x100sl che ha sorpreso tutti nella serata giapponese. Vedremo se verrà confermata la formazione, o verrà inserito Ceccon reduce dai 100 dorso: Miressi, Condorelli, Zazzeri e Frigo hanno stampato il nuovo record italiano, rifilando 1” agli USA (che inseriranno Dressel) e 2” alla Francia. Siamo da medaglia, se ci confermeremo ad altissimo livello.

3.25 – Finale da raggiungere, invece, per Margherita Panziera nella distanza a lei meno congeniale, i 100 dorso (è una duecentista): l’azzurra è approdata alla semi con l’8° tempo, e ora inseguirà la finalissima.

3.20 – Alle 4.30, la semifinale dei 100 dorso maschili: Thomas Ceccon si è qualificato col secondo tempo e il nuovo record italiano (52.49). Solo Kolesnikov l’ha preceduto, l’azzurro dovrà confermarsi.

3.15 – Alle 4.12 la prima finale azzurra: Nicolò Martinenghi ha disputato un’enorme semifinale, chiusa in 58.28 ritoccando il suo record italiano di 1/100 e alle spalle di Kamminga (58.19). Il varesino è arrivato alla finalissima col terzo tempo e un margine di mezzo secondo sul quarto classificato: è da medaglia, si giocherà tutto con Kamminga e non solo, con l’oro destinato all’inarrivabile Peaty.

3.10 – Seguirà alle 3.50 la semifinale dei 100 rana: Pilato ha disputato una pessima prova ed è stata squalificata, mentre Carraro ha impressionato qualificandosi col 5° tempo e chiudendo terza in una batteria di altissimo livello.

3.05 – Apriranno le danze alle 3.37 le due semifinali dei 200sl, con Stefano Ballo e Stefano Di Cola impegnati: Ballo ha sfiorato il record italiano in 1.45.80, Di Cola si è qualificato per un soffio con l’ultimo tempo.

3.00 – Poco più di mezz’ora alla prima gara italiana della notte del nuoto. Una notte che potrebbe portarci due medaglie, e ci vedrà inseguire varie finali.

Olimpiadi Tokyo 2020: news, risultati e medagliere aggiornato

News sulle Olimpiadi di Tokyo 2020 tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive anche sui nostri social: FacebookTwitter, Instagram e YouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Nuoto