Ennesima sconfitta dell’Italia al Sei Nazioni. A Twickenham l’Inghilterra si impone per 41-18. Due mete per l’Italia, siglate da Ioane e Allan.

L’Italia mette a segno due mete ma non bastano: l’Inghilterra si impone 41-18 (foto FB Federazione Italiana Rugby)

Cambia il terreno di gioco, cambia l’avversario ma non cambia il risultato: l’Italia del rugby si arrende anche all’Inghilterra nel secondo turno di Sei Nazioni

A Twickenham gli azzurri di Franco Smith arrivano con una striscia di ventotto sconfitte consecutive nel Sei Nazioni e dal pesante ko interno contro la Francia, i padroni di casa invece vogliono rialzare la testa dopo la sconfitta contro la Scozia. Il tecnico sudafricano cambia due uomini rispetto ai 15 sconfitti una settimana fa a Roma: non ci sono Rimpelli e Zanon, al loro posto Lovotti Canna. I 15 azzurri in campo hanno in totale 244 presenze in nazionale, l’Inghilterra è a quota 810: la partita si gioca anche su questi numeri.

La partenza dell’Italrugby è interessante e incoraggiante. 

Dopo poco più di due minuti i ragazzi di Smith mettono a segno infatti la prima meta della partita: Ioane riceve l’ovale dopo un grande lavoro combinato tra Garbisi e Trulla e si invola verso il fondo del campo, dove firma il vantaggio azzurro e la sua prima segnatura in nazionale.

L’Inghilterra però è viva e prima accorcia, grazie ad un piazzato di Farrell, poi passa in vantaggio con una meta di Hill. Nonostante ciò, i padroni di casa sono molto imprecisi nel freddo pomeriggio britannico: Garbisi sfrutta un’infrazione e trasforma il piazzato che vale l’otto pari. 

Al 27° minuto comunque l’Inghilterra riesce a mettere a referto la seconda meta: Watson se ne va sulla destra e realizza la meta che dopo la trasformazione di Farrell vale il 15-8 locale. 

La terza marcatura arriva a ridosso dell’intervallo: May sulla sinistra riesce a sfondare e schiaccia la sua prima meta nel match. Farrell non trasforma e il primo tempo finisce 20-8 per gli inglesi.

Ad inizio ripresa l’Italia accorcia nuovamente grazie ad un piazzato di Garbisi (20-11), ma al cinquantesimo è di nuovo l’Inghilterra ad esultare. Situazione che si ripeterà tre volte in tutto il secondo tempo, nonostante i numerosi errori dei padroni di casa: la prima, appunto, con Watson, la seconda con Willis e la terza con Daly. 

Ma in tutto ciò l’Italia vede anche una piccola luce nel lungo e scuro tunnel che sta attraversando da 29 partite: al 66° minuto Varney serve in maniera splendida Mori, riesce in modo magistrale ad offrire l’ovale ad Allan: meta, conversione e punto numero 18 per l’Italia.

Non vale come una vittoria, ma è quantomeno un qualcosa da cui ripartire.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.
Scopri tutte le ultime notizie di rugby anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagram e YouTube.

Gabriele Burini
Studente di lingue e culture straniere all'Università di Perugia. Volevo fare il calciatore, mi sono dovuto accontentare di raccontare lo sport

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Rugby