Si è da poco concluso lo slalom gigante femminile delle finali di Coppa del Mondo di Aspen: Federica Brignone guidava dopo la prima manche con un vantaggio molto ampio, e anche Marta Bassino e Sofia Goggia avevano ottime speranze di podio. Andiamo a scoprire i risultati delle 7 azzurre in gara!

Fonte foto: repubblica.it

CDM SCI ALPINO: BRIGNONE-MONSTRE NELLA PRIMA MANCHE, RIFILA 94/100 ALLA SHIFFRIN! BASSINO 3A

È quasi magia. Non possiamo definire in altro modo la favolosa cavalcata italiana nelle finali di Coppa del Mondo di Aspen: una chiusura di stagione che ci ha regalato 4 podi nelle 6 gare disputate prima di questo slalom gigante, che è pronto a regalarci nuove emozioni. Emozioni che potrebbero arrivare da una Federica Brignone in stato di grazia, che proprio ad Aspen aveva ottenuto il suo primo podio in carriera (nel 2009), e qui era già arrivata terza nel Super-G: Federica è in totale fiducia coi suoi sci e con questa pista, ed effettua un numero favoloso nella prima manche di giornata. L’azzurra è l’unica a scendere sotto il muro del minuto nel velocissimo gigante statunitense, infliggendo un distacco abnorme alle avversarie: il suo tempo, 59.56, la porta infatti ad avere 94/100 di vantaggio sulla vincitrice della CdM Mikaela Shiffrin, che precede di un solo centesimo Marta Bassino, terza a 95/100 a pari merito con la tedesca Regensburg. Due azzurre in zona-podio e Brignone a serio rischio-vittoria dunque, ma la prova delle italiane è fantastica nel complesso: Sofia Goggia è infatti quinta dopo aver rischiato qualcosina incespicando in una porta (distacco di 1”30), mentre Manuela Moelgg è 7a (a 1”60) e Irene Curtoni chiude al 17° posto (a 2”59). 24a ed ultima piazza per la giovane Laura Pirovano, campionessa del mondo juniores del gigante (distacco di 3”95), mentre è uscita Francesca Marsaglia, che non sarà così al via della seconda manche. Una seconda manche che potrebbe portare un nuovo record all’Italia: dopo i 40 podi (ritoccabili sia qui che nello slalom maschile), si punta a migliorare il record di podi nella stagione dello slalom gigante femminile. Al momento siamo a 8 (il 2016-17 è a pari merito con le stagioni 1996-97 e 2002-03), ma il risultato della prima manche fa ben sperare: la quota di 10 podi raggiunta nel 2007-08 (5 vittorie e un 3° posto per la Karbon, due secondi posti e un terzo per Manuela Moelgg, un 3° posto per Nicole Gius) è raggiungibile, se Brignone, Bassino e Goggia si confermeranno nella seconda frazione.

CDM SCI ALPINO: L’ITALIA FA LA STORIA, PODIO TUTTO AZZURRO E VITTORIA PER UNA MOSTRUOSA BRIGNONE

Neanche il tempo di aggiornare il libro dei record, che le azzurre dello slalom gigante lo riscrivono ulteriormente, emozionando un paese intero e confermando la loro stagione da urlo: è una giornata storica, la domenica di Aspen, per le ragazze italiane, che ottengono un risultato da urlo e superano i 10 podi della stagione 2007-08, salendo a quota 11 in stagione e stabilendo un nuovo record (e ritoccando, ovviamente, quello dei 40 podi nella stagione di CdM: ora sono 43). La seconda manche statunitense, infatti, va ben oltre la vittoria di Federica Brignone, che controlla nella prima parte del tracciato e aumenta nella seconda metà, gestendo un vantaggio abnorme (1”30) sulla seconda e chiudendo col tempo di 1.58.01 e il miglior risultato di manche (58.45): il distacco della seconda classificata è infatti di 1”44, un margine enorme, ma ciò che conta per l’Italia dello sci alpino è che quella seconda classificata è Sofia Goggia, autrice di una rimonta incredibile dal 5° posto. Sofia parte con la furia di chi ha commesso qualche errore nella prima manche, rischiando più volte di cadere e confermando il suo status di ”equilibrio sopra la follia” e Marquez dello sci alpino (”o vinco, o cado”), e trova la manche perfetta: il suo vantaggio sulla Worley, prima al momento della sua discesa, è di 39/100, e le vale il 2° posto finale alle spalle della Brignone, che le rifila il distacco già citato. E la giornata d’oro per l’Italia viene sublimata dal 3° posto di Marta Bassino, brava a chiudere sul podio grazie a una manche tecnica e veloce: 1”47 il suo distacco, che le consente di precedere la Worley, che chiude quinta e si consola col successo nella Coppa di gigante. Peccato per Manuela Moelgg, che cade quando era in vantaggio sulla slovacca Vlhova (che ha rimontato dal 16° al 7° posto), mentre Irene Curtoni arriva 17a a 3”74 e Laura Pirovano chiude 23a ed ultima a 5”36 dalla Brignone. Aspen si colora d’azzurro, e siamo tutti emozionati per un podio tutto azzurro che mancava da 21 anni: anche allora arrivò in uno slalom gigante, vinto da Debora Compagnoni a Narvik (Norvegia) davanti a Sabrina Panzanini e Isolde Kostner.

LE CLASSIFICHE FINALI DELLA COPPA DI SPECIALITÀ E DELLA COPPA DEL MONDO: BRIGNONE NELLA TOP-5

Il gigante odierno, oltre a far gioire l’Italia, chiude la Coppa del Mondo femminile e definisce le classifiche finali: nella generale trionfa Mikaela Shiffrin, che aveva già ipotecato il successo ieri e sale a quota 1643 (6a oggi, male l’americana), precedendo Ilka Stuhec (21a, si ferma a 1325 pti) e Sofia Goggia, che corona la sua fantastica stagione col 13° podio e vola a quota 1197 punti. È una classifica che parla italiano, dato che alle spalle di Lara Gut, ferma a 1023 punti dopo il grave infortunio, troviamo Federica Brignone, che sale a quota 895 punti con la vittoria odierna e chiude quinta: è una Brignone ottima, quella del 2016-17, che però non trova il podio nella classifica dello slalom gigante. La Coppa di gigante va a Tessa Worley, che chiude a quota 685 punti davanti alla Shiffrin (600) e a Sofia Goggia, salita a 405 punti: Brignone è quarta con 370 punti e due giganti vinti, precedendo Lara Gut e Marta Bassino, che sale a quota 354 e chiude sesta in questa classifica di specialità: e la stagione 2016-17 diventa ulteriormente storica per l’Italia, che trionfa nella Classifica per Nazioni al femminile, infliggendo 93 pti di distacco all’Austria e alla Svizzera.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie di sci alpino anche sui nostri social: Facebook,Twitter, Instagram, YouTube e Google +

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Sci alpino