Il weekend di Coppa del Mondo, con gli uomini in gara nella tre giorni di Beaver Creek e le donne impegnate a Lake Louise, ha regalato tantissime emozioni: ecco il riassunto delle gare nordamericane, con tanti piazzamenti per gli azzurri.

CdM sci alpino

Il sorriso di Mikaela Shiffrin: la statunitense ha trionfato anche in discesa libera

CDM SCI ALPINO: MIKA-MANIA IS COMING, SHIFFRIN VINCE ANCHE IN DISCESA. PIAZZAMENTI PER SOFIA GOGGIA E LE ALTRE AZZURRE

Doppia discesa libera e Super-G: la pista di Lake Louise segna finalmente l’inizio della stagione per gli sci veloci al femminile, e ci regala due risultati bellissimi e a sorpresa. Nella discesa del venerdì, a far notizia è un grande ritorno, quello dell’austriaca Cornelia Hütter, che trionfa a quasi un anno da un tremendo infortunio al ginocchio: per lei, 24 anni e tanta voglia di rifarsi conquistando il 2° successo in carriera, una prestigioso vittoria col crono di 1.48.53, dopo una gara nella quale era riuscita ad addomesticare delle condizioni meteo avverse (leggera nevicata) e una pista complicata. Sul podio con Hütter ecco Tina Weirather (9/100), che ha buttato via un potenziale successo, e una strepitosa Mikaela Shiffrin, brava a conquistare la prima top-3 in carriera in discesa (nella 48a gara) e finire a 30/100 dal successo. Per quel che riguarda le italiane, la migliore del venerdì è stata Elena Fanchini, che qui esplose nel 2005 ed arriva quarta a 64/100 dalla vincitrice: 6a Sofia Goggia davanti a Rebensburg, con Lara Gut 9a, Johanna Schnarf 18a, Verena Stuffer 19a e Nicole Delago 20a. Rientro soft per Nadia Fanchini, 38a, mentre ha spaventato tutti Lindsey Vonn: per lei una tremenda caduta nelle reti, ma niente di grave.

La seconda discesa al femminile (sabato), invece, ha mischiato epicità e caos. Un blackout ha costretto parecchie atlete (compresa Sofia Goggia) a rimanere bloccate sulla seggiovia per ore, con conseguente rinvio e abbassamento della partenza, e l’arrivo d’altri tempi delle sciatrici sui gatti delle nevi. Non è stata una discesa come le altre dunque, e non lo è stata soprattutto per la vincitrice di giornata, che ha compiuto un favoloso exploit: Mikaela Shiffrin ha scatenato la Mika-Mania anche in discesa, conquistando uno strepitoso successo con crono di 1.27.55 e precedendo Viktoria Regensburg (13/100) e Michele Gisin (17/100). Quarta la Hütter, e solo nona una Sofia Goggia in crescita, ma condizionata dal caos precedente: l’azzurra chiude a 69/100 da Shiffrin, e anche Verena Stuffer ha disputato una gran discesa, chiusa al 12° posto a parimerito con Lindsey Vonn (+0.93) e davanti a Lara Gut (15ma). Per quel che riguarda le altre italiane: 20a Elena Fanchini, 22a Nadia Fanchini, 27a Johanna Schnarf e 29a Nicole Delago.

La tre giorni di gare si chiude con un Super-G che sembra avere per favorita una dominante Shiffrin, che non ha vinto solo in questa disciplina, e invece ecco il trionfo di una specialista: è Tina Weirather la migliore sulla Men’s Olympic di Lake Louise, con uno strepitoso 1.18.52: dietro all’atleta del Liechtenstein ecco Lara Gut (+0.11) e l’austriaca Schmidhofer (+0.27), che va a togliere il podio a una lanciatissima Tessa Worley. Mikaela Shiffrin chiude 5a, appena davanti alla miglior italiana, che non è Sofia Goggia: Johanna Schnarf scende tra le prime e ottiene un buonissimo tempo, chiudendo 6a a 88/100 dalla Weirather. Sofia Goggia chiude al 9° posto a un secondo esatto, mentre Viktoria Rebensburg (rivale della Shiffrin sin qui, mentre cade Lindsey Vonn) è 12a: per completare il quadro delle italiane, troviamo Nadia Fanchini 15a (+1.69) e Verena Stuffer 28a (+3.32). L’altoatesina era partita bene, ma poi ha patito un problema muscolare. Nella generale di CdM, Shiffrin guida con 510pti, seguita da Rebensburg (338pti) e Weirather (234pti): nessuna italiana nella top-10.

CDM SCI ALPINO: SVINDAL È IL PROTAGONISTA DEL WEEKEND CON HIRSCHER, PIAZZAMENTI PER INNERHOFER&CO.

Il weekend della CdM al maschile non parte benissimo, con la discesa libera di Beaver Creek cancellata per una fortissima nevicata nella notte tra giovedì e venerdì, ma il prosieguo delle gare è di assoluto prestigio, e ci restituisce definitivamente un Aksel Lund Svindal dominante. Il norvegese rientrava da un tremendo infortunio, ed è pienamente recuperato, al punto di vincere il Super-G sulla Birds of Prey: 1.40.46 il crono fatto registrare da Svindal, che va a precedere Beat Feuz (+0.15) e un sorprendente Thomas Dressen (+0.49). Anche qui c’è un quarto posto, con Christof Innerhofer che conferma l’aumento della sua condizione fisica e chiude 4° a 5 centesimi dal podio, mentre Dominik Paris è quinto a 69/100: top-10 anche per Peter Fill, 10° a 1”01, mentre gli altri azzurri sono oltre al 40a posizione, con Emanuele Buzzi 42°.

Il weekend si chiude con lo slalom gigante di domenica, che viene stravolto da una manche all’altra: nella prima guida il tedesco Luitz con 29/100 su Ligety e 39/100 su Hirscher, con Kristoffersen 9°, Moelgg 10° (+1.08) davanti a De Aliprandini (+1.14) e anche Nani (23°, +1.96), Tonetti (24° a 2”) ed Eisath (27°, +2.14) qualificati. È il primo slalom gigante coi nuovi materiali, e viene battezzato da sua maestà Marcel Hirscher, che disputa una seconda manche semplicemente mostruosa e trionfa col crono di 2.37.30: secondo Kristoffersen (+0.88), autore a sua volta di una super-manche con cui riesce a sopravanzare molti atleti, tra cui spicca quello Stefan Luitz che scivola al terzo posto (+1.03) tenendo dietro di un centesimo Feller. Crolla invece Ligety, finito al 7° posto dopo una brutta seconda manche, mentre Manfred Moelgg è il miglior italiano: Manni chiude 13° a 2” dal vincitore, con De Aliprandini 15° a 2”20, Tonetti 19° a 2”32, Eisath 21° a 2”52 e Nani 25° a 3”31. Niente podio per l’Italia, mentre si rinnova il duello tra Kristoffersen e Hirscher che sembra destinato a durare per l’intera stagione.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie di sci alpino anche sui nostri social: Facebook,TwitterInstagramYouTube e Google +.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Sci alpino