I Mondiali di Cortina 2021 si sono conclusi ieri, col successo di Foss-Solevaag nello slalom e il 4° posto di Alex Vinatzer: ecco il nostro bilancio delle prestazioni degli azzurri, che chiudono con due medaglie.

MONDIALI CORTINA 2021: DUE MEDAGLIE, LA SFORTUNA E UNA DELUSIONE. IL BILANCIO AZZURRO

Due medaglie, qualche gara sfortunata e un’enorme delusione, che viene controbilanciata dall’inatteso podio di Luca De Aliprandini: si possono riassumere così i Mondiali di Cortina 2021 dell’Italia, che non ha sicuramente rispettato in toto le proprie aspettative per questo evento di portata colossale. Nelle idee della FISI e della FIS, dopo il rinvio, i Mondiali di Cortina 2021 dovevano essere quelli della ripartenza post-COVID: la persistenza di un virus che ha cambiato le nostre vite li ha resi i Mondiali del mantenimento dello status quo, senza pubblico e con atmosfere che avremmo sperato fossero diverse e “normali”. Le gare, dopo i guai meteorologici dei primi giorni, si sono rivelate emozionanti e ricche di colpi di scena: unica nota dolente le combinate, per la scarsa partecipazione degli atleti e una formula poco vincente (Super-G agevole+slalom tecnico, un tempo si facevano discesa e slalom, dando una chance a tutti), mentre il parallelo convince e non convince. Proprio dal parallelo è arrivato, come un fulmine a ciel sereno, l’unico oro azzurro: Marta Bassino ha sconfitto le avversarie e condiviso la vittoria ex-aequo con Katharina Liensberger, in una disciplina dove l’Italia non ha mai fatto faville, anzi. Un oro che risolleva un Mondiale che per Marta è stato deludente nel “suo” gigante: il tracciato molto duro e ghiacciato l’ha mandata in tilt nella 1a manche, chiusa a metà gruppo prima di risalire in 13a posizione. Proprio dal gigante è arrivata la delusione cocente: Bassino aveva vinto quasi tutte le gare stagionali, Brignone resta una delle migliori 3/4 interpreti al mondo, e si sperava nella medaglia se non addirittura nel doppio podio. Invece, le azzurre sono rimaste a secco: Bassino 13a, Brignone out in un Mondiale costellato di “sfighe iridate”.

L’Italia ha patito infatti la sfortuna, e in alcuni casi una scarsa serenità mentale. Sfortunata a perdere Sofia Goggia, che aveva dominato la stagione della discesa prima di chiudere la stagione, sfortunata ad avere un Dominik Paris al 70% dopo il rientro dalla rottura del crociato (4° in discesa, 5° in Super-G) e dunque incapace di contrastare lo strapotere di Kriechmayr, sfortunata (volendo) nella combinata in cui Riccardo Tonetti poteva anche ambire a un’insperata medaglia. Poco concentrata e/o serena in altre occasioni: Federica Brignone, dopo il 10° posto in Super-G, si è autocaricata di pressioni e ha finito col cedere alla sfortuna e ad un paio di errori, uscendo in combinata (guidava dopo il Super-G), in gigante e in slalom. Mondiale da dimenticare per Federica, Mondiale della consapevolezza futura per Vinatzer: l’altoatesino, che in stagione aveva commesso molti errori, si è trovato a lottare per il podio nello slalom conclusivo e ha commesso un errore fatale nella seconda manche, chiudendo 4°. Credendoci di più e gestendosi meglio, forse, l’azzurro ci avrebbe regalato il terzo podio. Sorprendente e inatteso, invece, l’argento di Luca De Aliprandini: quella del fidanzato di Michelle Gisin (grande protagonista al femminile) è una bellissima storia. Luca è sempre stato un talento dalle enormi potenzialità, ma troppo discontinuo: capace di alternare super-manche a errori che vanificavano il lavoro precedente. A Cortina è stato perfetto e ha conquistato l’argento mondiale: speriamo che possa far svoltare la sua carriera, così da togliersi quello zero alla casella “podi in Coppa del Mondo”.

Che Italia abbiamo visto? Positiva a tratti, deludente in altre gare. Un Mondiale da sufficienza risicata e/o insufficienza leggera: dopo il grande anno in Coppa del Mondo ci si aspettavano 3/4 medaglie, ne sono arrivate due in specialità da cui non ci si aspettava sicuramente il podio. Italia da 5,5 dunque, con tante vittorie da conquistare nel prosieguo di CdM: il medagliere ci vede chiudere al 6° posto con un oro e un argento. Dominio dell’Austria con 5 ori, un argento e due bronzi, poi Svizzera (3 O, 1 A, 5 B) e Francia (2-1-2), con gli azzurri preceduti anche da Norvegia e USA. È stato il Mondiale dei grandi nomi: Gut ha dominato al femminile (due ori e un bronzo), Kriechmayr al maschile (oro in discesa e Super-G), Shiffrin è tornata grande e Liensberger ha conquistato uno strepitoso successo in slalom. Ma anche quello delle sorprese: il doppio oro di Faivre (gigante e parallelo), la vittoria di Schwarz in combinata (steccando lo slalom) e la consacrazione di Foss-Solevaag. E, volendo, anche le due medaglie azzurre nel parallelo femminile e nel gigante maschile. E ora, sotto di nuovo con la Coppa del Mondo: donne in Val di Fassa (26-28/2) per due discese e un Super-G, uomini a Bansko (27-28/2) per un doppio gigante.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie degli sport invernali anche sui nostri social: Facebook, TwitterInstagram e YouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Sci alpino