Incetta incredibile di medaglie e pass olimpici per la squadra azzurra, agli Europei 2019 di Tiro a Segno, tenutisi a Bologna ed a Tolmezzo.

De Nicolo nella 3 posizioni agli Europei 2019 di Tolmezzo
De Nicolo nella 3 posizioni agli Europei 2019 di Tolmezzo (FONTE: www.uits.it/homepage/news/9-sportiva/)

SQUADRA JUNIORES IN FORMA SMAGLIANTE

Prestazioni incredibili fornite dal team azzurro agli Europei 2019 di Tiro a Segno, tenutisi a Bologna, per la squadra juniores, ed a Tolmezzo, per la squadra senior. Numerose le medaglie vinte dai tiratori azzurri ma procediamo con ordine.

Durante la prima giornata di gare, sono scesi, sulle linee di tiro, le atlete di carabina sportiva a terra juniores donne. La giovanissima Sofia Ceccarello (Ravenna) ha centrato il 2° posto (619.3) piazzandosi dietro alla svizzera Valentina Caluori (619.3) e davanti alla tedesca Melissa Ruschel (618.3), conquistando una meravigliosa medaglia d’argento. Soddisfazioni anche per la squadra che ha schierato Ceccarello, Nicole Gabrielli (Fiamme Gialle) e Sofia Benetti (Verona): le tre tiratrici azzurre sono riuscite a chiudere anche loro in 2^ posizione (1846.3).

Finale combattuta quella di pistola sportiva femminile. L’unica azzurra in gara, Margherita Brigida Veccaro (Treviglio), ha conquistato la medaglia di bronzo: in finale, la giovanissima tiratrice azzurra ha scalato la classifica, con costanza e determinazione, fino a raggiungere il 3° posto. La squadra con Veccaro, Brunella Aria (Torino) e Chiara Giancamilli (Roma) ha conquistato, invece, la medaglia d’argento (1706) piazzandosi dietro alla Francia (1723) e davanti alla Russia (1705).

Ma non è finita qui. La grande protagonista rimane Sofia Ceccarello (Ravenna) che, reduce dal doppio argento conquistato nella carabina sportiva a terra juniores donne, ha centrato un’altra medaglia nella carabina sportiva 3 posizioni juniores donne. In finale Sofia è passata immediatamente al comando della classifica. Nella serie successiva, quella in piedi, la tedesca Anna Jansen è riuscita a ribaltare la classifica e ad accaparrarsi il titolo europeo, stabilendo anche il nuovo record mondiale ed europeo di finale (459.3). Ceccarello ha dunque chiuso in 2^ posizione (458.3). 3° posto per la tedesca Melissa Ruschel.

Il risultato più incredibile lo ottiene la squadra formata da Massimo Spinella (Reggio Calabria), Andrea Morassut (Pordenone) e Federico Nilo Maldini (Bologna), freschi vincitori della medaglia d’oro a squadra nella specialità di pistola 25 m juniores uomini (1723). Dopo i nuovi campioni d’Europa, in 2^ posizione si è piazzata la Germania (1716) seguita dalla Lettonia (1714).

Altro argento arrivato dal team di pistola libera formato da Giuseppe Giordano (Esercito), Dario Di Martino (Carabinieri) ed Alessio Torrachi (Fiamme Gialle), che ha chiuso in 2^ posizione (1634), alle spalle dell’Ucraina (1639) e davanti alla Russia (1621).

Federico Nilo Maldini (Bologna) ed Andrea Morassut (Pordenone) hanno centrato la medaglia d’argento anche nella specialità di pistola standard a squadre (1688). L’Italia infatti si è piazzata ad un punto dalla Repubblica Ceca, prima classificata (1689), e davanti alla Russia (1673).

Il team formato da Federico Nilo Maldini (Bologna) e Margherita Brigida Veccaro (Treviglio), si è scontrato con la rappresentativa della Germania. Quest’ultima ha battuto il team azzurro con il punteggio di 187.3 – 185.6. Al terzo posto si è piazzata la squadra dell’Ucraina.

La squadra juniores italiana ha chiuso in bellezza quest’edizione dei Campionati Europei, conquistando un’altra medaglia d’argento. Nella specialità di pistola libera juniores uomini, infatti, Massimo Spinella (Reggio Calabria) ha conquistato il secondo gradino del podio (547) piazzandosi alle spalle del russo Andrei Chilikov (547) che lo ha battuto per una sola mouche di differenza. 3° posto per il bulgaro Kiril Kirov che nelle ultime due sere è riuscito a recuperare su Federico Nilo Maldini fino a relegarlo in 4^ posizione.

BACCI VA A TOKYO: I RISULTATI DEI SENIOR

Ottimi risultati anche a Tolmezzo, per gli Europei senior. Nella specialità di carabina libera a terra uomini, Marco De Nicolo (Fiamme Gialle), Lorenzo Bacci (Fiamme Oro) e Marco Suppini (Fiamme Oro) hanno conquistato la medaglia d’argento (1867.5) piazzandosi dietro alla Polonia che ha stabilito anche il record europeo e mondiale (1878.3). Medaglia di bronzo alla Svizzera (1866.1).

La grande notizia arriva da Lorenzo Bacci (Fiamme Oro) che centra il suo obiettivo: Bacci ha conquistato la terza carta olimpica per l’Italia nella specialità di carabina libera 3 posizioni uomini, terminando la competizione al 5° posto. Una grande soddisfazione per il giovane tiratore di Firenze che, in questo ultimo anno, ha cercato con grande determinazione di raggiungere questo obiettivo e l’ha finalmente realizzato. Queste le sue dichiarazioni: “Sono emozionatissimo, tutto questo non sarebbe stato possibile senza tutte le persone che hanno fatto il tifo per me, i miei fisioterapisti, Aldo Vigiani, Mario Vella, il mio psicologo, tutta la squadra. Ad un certo punto l’obiettivo era talmente vicino che non riuscivo a capire se sarei riuscito a raggiungerlo. Ma alla fine ce l’ho fatta. E’ un sogno che si realizza, ancora non posso dire se parteciperò ai Giochi Olimpici o no, ma intanto ho conquistato un pass per l’Italia, è un passo verso Tokio. Sono contento di essere stato proprio io l’artefice di questo risultato, significa che tutto il lavoro fatto finora, tutti i sacrifici per arrivare fino a  qui sono valsi a qualcosa. Avevamo preparato questa gara davvero alla perfezione, sia da un punto di vista psicologico che fisico. Ringrazio tutti i tecnici, il mio Direttore Sportivo Valentina Turisni, la UITS che mi ha fornito tutti i mezzi affinchè potessi allenarmi al meglio, la Polizia di Stato ed il Gruppo Sportivo Fiamme Oro che hanno messo a disposizione tutte le loro energie”.

Dopo Lorenzo Bacci, è arrivata un altra carta olimpica insieme al titolo continentale, grazie alla splendida prestazione di Riccardo Mazzetti nei 25 metri. Mazzetti ha compiuto un vero e proprio capolavoro, in una finale al cardiopalma, e laureandosi campione d’Europa nella pistola automatica: una gara straordinaria, quella del tiratore di Busto Arsizio, che con 34 hits ha preceduto il campione olimpico tedesco Christian Reitz, sfiorando il record del mondo. Al 3° posto il russo Nikita Sukhanov (26).

Le parole del neo campione europeo: “Sono contentissimo per una medaglia d’oro inaspettata, che però in casa ha un sapore speciale. Sono stato bravo a rimanere concentrato. La carta olimpica era già di per sé una grande soddisfazione, ma vincere l’oro è il massimo. Ringrazio il pubblico che non ha mai smesso di sostenermi”.

Nella specialità di arma libera 3 posizioni maschile, si segnala l’ottima prestazione di Marco De Nicolo (Fiamme Gialle) che ha stabilito il nuovo record italiano (1167) superandolo di ben 4 punti. La competizione è stata vinta dal norvegese Simon Claussen (1186) che si è piazzato davanti all’austriaco Bernhard Pickl (1183), in 2^ posizione, ed all’ungherese Peter Sidi (1183), 3°.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di tiro a segno anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube e Google +.

mm
Gabriele Stragapede, 24 anni. Laureato nella facoltà CIM (Comunicazione, Innovazione e Multimedialità) dell'Università di Pavia. Aspirante giornalista sportivo ed attualmente editore per Azzurri di Gloria. Appassionato di calcio e di wrestling, scrive di tutto, un po'.

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Tiro a segno