Olimpiadi Tokyo 2020 giorno 3 (fine gare): gioie e delusioni in questa terza giornata di competizioni per l’Italia.

La staffetta maschile 4x100sl argento (foto FIN)

OLIMPIADI TOKYO 2020 GIORNO 3: TRE ARGENTI, UN BRONZO, E PODI MANCATI

Una terza giornata composta da gioie e dolori per l’Italia. Le più cocenti delusioni arrivano dalla scherma, disciplina in cui di solito gli atleti azzurri primeggiano e invece si ritrovano a essere sconfitti da avversari sulla carta di talento inferiore.

Nessun oro, ma comunque quattro medaglie per la delegazione tricolore in giornata: due dal nuoto, argento per la staffetta 4×100 stile libero maschile e bronzo da Nicolò Martinenghi nei 100 rana; un argento dalla scherma, fioretto individuale maschile, grazie a Daniele Garozzo; e una dal tiro a volo, skeet femminile, con Diana Bacosi argento.

NUOTO

L’Italia conquista uno storico argento grazie alla staffetta 4×100 stile libero maschile. Thomas CecconAlessandro MiressiLorenzo Zazzeri e Manuel Frigo chiudono al 2° posto con il nuovo record italiano (3:10.11). Vincono gli Stati Uniti, terza l’Australia. Qui il racconto della gara.

Altra medaglia grazie al giovane Nicolò Martinenghi, che si mette al collo la medaglia di bronzo nei 100m rana maschili. L’azzurro sfiora il record italiano, chiudendo , dietro al fuoriclasse britannico Adam Peaty e all’olandese Arno Kamminga, con il tempo di 58.33. Qui il racconto della gara.

Nella prima semifinale dei 200 stile libero maschili, Stefano Di Cola, qualificatosi con l’ottavo tempo, non riesce ad andare oltre il 6° posto, con il tempo di 1:47.19. Un crollo nel finale, dopo un passaggio molto veloce ai 100m, non permette all’azzurro di qualificarsi per la finale. Out anche Stefano Ballo, terminato anche lui in 6ª posizione, con il tempo di 1:45.84. Non ci saranno italiani, quindi, nella finalissima che assegnerà la medaglia d’oro olimpica.

Una lentissima prima vasca rischia di condizionare l’accesso alla finale dei 100m rana femminile di Martina Carraro. L’azzurra si riprende nei secondi 50m, trovando il 7° tempo assoluto (1:06.50). Per ottenere il podio, dovrà abbattere il muro dell’1:06.00.

Thomas Ceccon centra la finale dei 100m dorso con il 4° tempo assoluto: 52.79 per l’azzurro, che chiude la propria gara dietro allo statunitense Ryan Murphy e all’australiano Mitch Larkin nella prima semifinale.

Esce di scena Margherita Panziera nei 100m dorso femminile. Nella semifinale, che vede registrare il nuovo record olimpico, 57.86 dell’americana Regan Smith, l’azzurra termina con il tempo di 59.75, l’11° complessivo.

Debutto olimpico in vasca amaro per Federica Pellegrini: il suo primo 200 stile libero femminile è molto lento, chiuso al 5° posto in 1.57.33 nella prova vinta dalla Seemanova. Impressiona Ariane Titmus, che vince la sua batteria in 1.55.88. Cinque atlete nuotano meglio di Federica Pellegrini, che accede per un soffio alle semifinali con il 15° tempo.

Nelle batterie dei 200 farfalla maschili, terzo tempo in 1.55.33 per Giacomo Carini. Superlativo Federico Burdisso nella quarta session: passaggi velocissimi ai 50m e ai 100m, poi rallenta e chiude 3° in 1.55.14, ma impressiona per la sua velocità. Avremo due azzurri nelle semifinali tra i migliori dieci tempi.

Ilaria Cusinato e Sara Franceschi si qualificano per le semifinali dei 200 misti. Cusinato ottiene il 13° tempo in 2.11.41, Franceschi il 14° in 2.11.47. Miglior crono per l’americana Kate Douglass in 2.09.16.

Nelle semifinali dei 1500 stile libero femminili, nella batteria con le azzurre la vittoria va alla statunitense Sullivan col tempo di 15.46.67, Simona Quadarella è seconda in 15.47.34 e in relativo controllo. Settima Martina Caramignoli in 16.02.43, fuori dalla finale. Batteria strepitosa di Katie Ledecky con il tempo di 15.35.35, che precede la cinese Wang (15.41.49). Simona Quadarella entra dunque in finale con il 4° tempo.

TIRO A VOLO

In finale skeet femminile, argento amaro per Diana Bacosi, campionessa olimpica uscente. L’azzurra non delude comunque le aspettative, conquistando l’ennesima medaglia a cinque cerchi. Seppur sbagliando qualche piattello di troppo rispetto ai suoi standard, la tiratrice azzurra arriva allo scontro finale con l’americana Amber English, che vince per un solo piattello di vantaggio, 56-55, siglando anche il nuovo record olimpico. Qui il resoconto della gara. Chiara Cainero rimane fuori dalla finale.

Anche Tammaro Cassandro, nello skeet maschile, raggiunge la finale con uno straordinario punteggio: 124/125, nuovo record olimpico delle qualificazioni. La delusione è quindi ancora più grande, quando esce immediatamente dalla sfida per le medaglie, mancando 4 bersagli nei primi 20 e chiudendo al 6° posto. Gabriele Rossetti rimane fuori dalla finale per un solo piattello.

SCHERMA

Daniele Garozzo, oro a Rio 2016, si conferma tra i migliori interpreti della disciplina, conquistando l’argento nel fioretto maschile individuale. L’azzurro, condizionato da qualche problema fisico, perde la finale 15-11 contro il portacolori di Hong Kong Ka Long Cheung. Nel suo cammino verso la finale, Garozzo si impone 15-6 al debutto contro l’egiziano Mohamed Hassan, ha la meglio sul giapponese Kyosuke Mitsuyama, 15-14 nel tabellone dei sedici, e sul francese Enzo Lefort, 15-10, nonostante un crampo alla gamba sinistra. In semifinale, surclassa 15-9 il nipponico Takahiro Shikine. Qui il racconto della finale.

Per gli altri azzurri in gara, concenti delusioni. Alessio Foconi ai sedicesimi sconfigge per 15-8 il tedesco Andrè Sanità; poi si arrende al fiorettista di Hong-Kong Ka Long Cheung (poi oro), che prevale 15-3. Andrea Cassarà, nonostante un colpo alla caviglia, passa i sedicesimi contro il canadese Eli Schenkel, vincendo 15-11, ma successivamente viene eliminato per 15-13 dall’egiziano Hamza.

Nella sciabola femminile, eliminazione immediata per Martina Criscio, al debutto olimpico assoluto: l’azzurra perde con la sudcoreana Yoon Ji-su per 15-11. Stessa sorte anche per Rossella Gregorio, eliminata durante i sedicesimi dalla rappresentante del ROC Sofia Podzniakova, che si impone 15-12. L’unica azzurra a passare agli ottavi di finale è Irene Vecchi, che sconfigge la francese Charlotte Lembach per 15-11, ma perde 15-12 con la russa Sofya Velikaya (poi argento). 

SURF

Leonardo Fioravanti esce di scena al 3° turno contro il peruviano Lucca Mesinas. L’azzurro totalizza un punteggio di 8.86 contro i 10.77 di Mesinas. Qualche problema nel finale con la tavola non permette all’azzurro di provare a rimontare in extremis lo svantaggio dal peruviano.

SKATEBOARD

Nello street femminile, Asia Lanzi, unica rappresentante azzurra nella disciplina, totalizza un punteggio di 6.13 che la piazza, momentaneamente, al 3° posto della classifica generale. Un 6.13, per Lanzi, frutto di due buone run, concluse col punteggio di 1.20 e 1.13, e di tre classici ma efficaci trick.

L’azzurra viene poi superata all’ultimo dal difficilissimo trick dell’americana Mariah Duran. A causa del suo punteggio, non rientra tra le prime 8 classificate del ranking combinato e non accede alla finale, terminando in 14ª posizione.

Il podio della categoria street skateboarding femminile è il più giovane nella storia delle Olimpiadi: 13 anni per l’oro Momiji, 13 per l’argento Rayssa Leal e 16 per il bronzo Funa. Età media di 14 anni precisi.

TAEKWONDO

Ottavo di finale dominato da Simone Alessio nella categoria -80kg. L’azzurro sconfigge per KO, sul 22-3, il brasiliano Martin Soares. Ma il sogno medaglia dell’azzurro campione del mondo si ferma ai quarti, tra le critiche: Alessio perde contro l’egiziano Eissa 6-5, ma alcune decisioni dei giudici scatenano le proteste del team Italia.

JUDO

In un interminabile match, Fabio Basile viene sconfitto dal sudcoreano An Changrim nei sedicesimi della categoria -73kg. Un incontro tirato e lunghissimo che ha un vincitore solo 4’33” di golden score. Il wazari di Changrim è stato decisivo per le sorti di questa grande e equilibrata sfida. Grande amarezza per Basile, dopo l’oro di Rio 2016 nei -66kg.

TENNIS

Camila Giorgi accede al 3° turno nel singolare femminile. L’azzurra sconfigge agilmente in due set (6-3, 6-1) la rappresentante del ROC Elena Vesnina. Un match condotto per larghi tratti da Giorgi che esprime sicuramente il suo miglior tennis degli ultimi periodi.

In campo maschile, Fabio Fognini, non senza soffrire, primeggia sul bielorusso Egor Gerasimov in due set (6-4, 7-6), avanzando anche lui al 3° turno. Fognini, avanti per 5-1 e di due break nel primo set, arriva fino al tiebreak, favorevole all’azzurro.

Sorte avversa, invece, per Lorenzo Sonego, eliminato dal georgiano Nikoloz Basilashvili in tre set (6-4, 3-6, 6-4).

Eliminate anche Sara Errani e Jasmine Paolini nel doppio femminile, sconfitte in due set (7-6, 6-2) dalle gemelle ucraine Kichenok.

Stesso destino per il doppio maschile formato da Lorenzo Musetti e Lorenzo Sonego, che esce al secondo turno contro la coppia croata Nikola Mektić e Mate Pavić: gli azzurri perdono il primo set 7-5, pareggiano vincendo il secondo al tiebreak 7-6, ma si arrendono al terzo set al tiebreak 10-7.

VELA

Nella RS:X femminile, Marta Maggetti chiude la quarta regata al 14° posto, ma nelle due prove successive recupera ben sette posizioni e conquista il 7° posto a +2:43.

Nella RS:X maschile, Mattia Camboni, classificatosi 8° alla quarta regata, risale fino alla 3ª posizione dopo la sesta prova, a +0:46 dal francese Nicolas Goyard.

Nel Laser Radial femminile, Silvia Zennaro passa dal 2° posto della terza regata al 6° della quarta.

In classifica generale, Silvia Zennaro si piazza in 7ª posizione; 2° posto per Mattia Camboni; 4° per Marta Maggetti.

PALLAVOLO

Sonora sconfitta per l’Italvolley maschile. La Polonia batte gli azzurri nettamente per 3-0. Con Giannelli infortunato (risentimento al quadricipite), Blengini schiera Sbertoli in palleggio, l’Italia cerca di reagire alla supremazia polacca, senza riuscirvi. Qui la cronaca integrale della partita.

BASKET 3X3

Le azzurre del basket 3×3 non riassaporano il gusto della vittoria, venendo battute 22-10 dalle padrone di casa del Giappone.

Arriva la sconfitta anche contro gli USA, che battono le italiane per 17-13 e continuano il loro percorso netto, senza sconfitte finora.

BOXE

Grande vittoria per Irma Testa agli ottavi di finale della categoria 54-57kg. L’azzurra batte l’irlandese Michaela Walsh 5-0, ribaltando il risultato negativo del 1° round. Prossimo match: i quarti contro la canadese Veyre.

SOFTBALL

L’Italia chiude con una pesante sconfitta l’avventura olimpica a Tokyo, dove colleziona cinque KO e un solo punto realizzato (nella partita di oggi). Nessuna vittoria quindi per le azzurre guidate da Federico Pizzolini che, già eliminate, sono state battute nettamente per 8-1 dal Canada.  

MOUNTAIN BIKE

Nella gara maschile, il britannico Thomas Pidcock, che si cimenta anche nel ciclocross con grandi risultati, vince l’oro praticamente in solitaria. Argento allo svizzero Mathias Flückiger, bronzo a sorpresa per lo spagnolo David Valero Serrano, autore di uno strepitoso finale, che confina al 4° posto l’altro elvetico Nino Schurter, campione uscente di Rio 2016 e argento di Londra 2012.

Indietro gli azzurri: 20° Gerhard Kerschbaumer (4’34”), 25° Luca Braidot (6’16”), 34° Nadir Colledani, alla sua prima esperienza olimpica.

TRIATHLON

1,5km di nuoto, 40km in bicicletta e 10km di corsa per la gara maschile di triathlon olimpico. Medaglia d’oro per il norvegese Kristian Blummenfelt, argento al britannico Alex Yee, bronzo al neozelandese Hayden Wilde.

In gara gli azzurri Gianluca Pozzatti e Delian Stateff che, dopo essere stati per gran parte della gara nel gruppo di testa, conducendo un’ottima finale sia nel nuoto che nel ciclismo, pagano la fatica dopo i primi 5km di corsa, attardandosi dai leader della gara. Alla fine, gli italiani chiudono 37° Pozzatti e 39° Stateff, con un ritardo, rispettivamente, di 4’10” e di 4’56” dal tempo di 1:45:04 siglato dal vincitore Blummenfelt.

OLIMPIADI TOKYO 2020: NEWS, RISULTATI E MEDAGLIERE AGGIORNATO

News sulle Olimpiadi di Tokyo 2020 tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive anche sui nostri social: FacebookTwitter, Instagram e YouTube.

mm
Giornalista, onnivora di cultura a 360º. Lavoro nel campo dei media, in particolare nel mondo dell'informazione e social. Lo sport è una delle mie tante passioni, coltivata sul campo, sui libri e sullo schermo.

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.