simonelli

Ci aveva fatto preoccupare nel Ranking Round, con un 7° posto che non era per nulla in linea con le sue doti e qualità, ma Alberto Luigi Simonelli è tornato ai suoi livelli nel tabellone che valeva le medaglie ”pesanti”: l’azzurro trova una giornata da manuale, e chiude con una strepitosa medaglia d’argento.

L’arco paralimpico vive tutto il tabellone all’interno della stessa giornata, e Simonelli mette in mostra già dai 16mi una forma invidiabile, che lo porta a raggiungere la finale di una specialità (l’arco compound) nella quale ha sia il record mondiale sulle 72 frecce che sulle 15 che compongono le sfide 1vs1 (150/150): si parte col 137-121 rifilato al kazako Medvedev, per poi passare al combattuto 140-136 contro il finlandese Forsberg  ed al perentorio 143-136 contro Hall (Gbr) che vale l’accesso alle semifinali.

Ed in semifinale Simonelli trova l’avversario più ostico dell’intero tabellone, quell’Ai Xinliang che aveva demolito il nostro Bonacina nei 16mi: il cinese parte fortissimo e ad un certo punto ha 2 punti di vantaggio sull’azzurro, in una sfida che è scandita dai 10 e dai tiri da manuale (alla fine, Simonelli troverà undici 10, contro i nove del rivale), e vede una grandissima rimonta di Rolly nelle ultime due volée. 30/30 in entrambe i set, per un recupero da cineteca che, sommato ai troppi 9 dell’avversario, che commette dei piccolissimi errori dovuti alla tensione, vale a Simonelli la vittoria per 146-144.

Dopo la mezzanotte, poi, ecco la finale contro l’americano Shelby, nella quale Alberto trova un avversario d’altissimo livello: l’azzurro parte subito forte, e dopo le prime due volée è in vantaggio sul 58-56 a suon di 10. 10 che però portano bene anche a Shelby, che rimonta con cinque bersagli perfetti e si porta sul punteggio di parità (86-86): Rolly sente la pressione e trova un 9 di troppo, che lo fa finire sotto e vanifica ogni tentativo di rimonta. L’azzurro perde così 144-143, dopo un’ultima serie dai punteggi fotocopia, e chiude con l’argento (8 anni dopo quello di Pechino): bronzo all’australiano Milne, che supera Ai, e la medaglia di Simonelli è la 9a di giornata per l’Italia, che ora è a quota 24 complessive ed all’11° posto nel medagliere (7 ori, 9 argenti e 8 bronzi).

 

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *