Partono subito molto bene le Paralimpiadi dell’Italia, trascinata dagli atleti del nuoto in corsia: Carlotta Gilli vince l’oro nei 100 farfalla S12 (argento Alessia Berra), Bocciardo domina i 200sl S5. In tutto, arrivano cinque medaglie: il recap di giornata.

NUOTO: ORO PER GILLI E BOCCIARDO, ARRIVANO CINQUE MEDAGLIE

Nelle Paralimpiadi di Tokyo 2020 l’Italia punta a demolire il record di Rio 2016 (39 medaglie), e si parte subito nel migliore dei modi. Gli azzurri chiudono la prima giornata di gare con cinque medaglie, tutte da un dominante nuoto e con prestazioni semplicemente superlative: Italia quarta nel medagliere con 2 ori, un argento e 2 bronzi. La prima medaglia è un bronzo, che arriva da Francesco Bettella e dai 100 dorso categoria S1: oro per l’israeliano Shalabi davanti all’ucraino Kol. Nei 100 farfalla categoria S12, invece, arriva l’attesissimo oro di Carlotta Gilli: l’azzurra, dominatrice nella sua categoria tra Europei e Mondiali, conquista la prima medaglia e la prima vittoria olimpica con una gara dominata. L’atleta torinese, classe 2001, chiude in 1.02.65, rifila tre secondi a tutte e sfiora il suo record del mondo: è festa italiana, perchè la veterana Alessia Berra è d’argento con un grande finale. Il secondo oro di giornata, invece, arriva dai 200sl cat. S5 e da Francesco Bocciardo: l’azzurro sembrava destinato a doversi accontentare dell’argento alle spalle dello spagnolo Ponce Beltran, e invece trova una gara storica: Bocciardo, vincitore dei 400sl a Rio 2016, si ripete cinque anni dopo nella distanza “di mezzo” e distruggendo la concorrenza. Il genovese prende il largo a metà gara, non si scompone mai e chiude col tempo di 2.26.76, rifilando 8″5 al già citato spagnolo con un dominio assoluto.

La quinta ed ultima medaglia azzurra arriva grazie alla grande rimonta di Monica Boggioni nel finale dei 200sl categoria S5: l’azzurra è bronzo alle spalle delle imprendibili Zhang e Kearney (che le rifilano nove secondi), quest’ultima crollata nell’ultima vasca dopo una partenza da record del mondo. Arrivano, ahinoi, anche tre quarti posti. Sorprendente quello di Alessia Scortechini nei 50sl cat. S9: l’azzurra arriva a soli 15/100 dal podio, migliorandosi di tre decimi tra batterie e finale. Sfortunato e deludente quello di Efrem Morelli nei 50 rana cat. SB3: l’azzurro vede demolire il suo record del mondo dal russo Zhdanov (46”49), venendo preceduto da Luque (49″08) e Suzuki (49″32), e chiudendo 4° a soli 10/100 dal podio. Quarto anche Raimondi nei 50sl cat. S10: l’oro va a Crothers in 23”21, l’azzurro è medaglia di legno per 24/100. Nessuna medaglia, a sorpresa, dai 400sl cat. S9: Simone Barlaam si era qualificato come terzo, ma chiude solo in 6a posizione, mentre Federico Morlacchi è settimo. Gara dominata dall’australiano William Martin, record paralimpico in 4.10.25.

Ottime finali invece per Angela Procida, 6a nei 100 dorso cat. S2, e per Amodeo nei 100sl cat. S8, chiusi in 7a posizione e vinti dall’australiano Popham (Australia leader nel medagliere). Eliminati subito invece Riccardo Menciotti nei 50sl S10, Arianna Talamona nei 50sl S6, Vittoria Bianco nei 400sl S9 femminili e Federico Bicelli nei 100sl S8.

SCHERMA: SORPRENDENTE ELIMINAZIONE AI QUARTI PER PASQUINO

Nessuna emozione per gli azzurri nella scherma paralimpica, che oggi ci ha fatto assistere alle prove della sciabola. Al femminile, nella categoria B, sorprendente eliminazione ai quarti per Rossana Pasquino: l’azzurra, che si era qualificata come prima nel suo girone, va sul 14-9 contro la georgiana Khetsuriani, ma viene rimontata e sconfitta, perdendo 15-14. Nella categoria A, out ai gironi Andreea Mogos (tre ko su quattro match), mentre era uscita agli ottavi Loredana Trigilia contro la georgiana Tibilashvili. Out ai quarti anche Edoardo Giordan nella sciabola maschile: l’azzurro, dopo aver passato il girone, è stato sconfitto dall’ucraino Andrii Demchuk, campione olimpico di Rio 2016 nella specialità. Giordan e Pasquino torneranno in pedana domani nella spada, che vedrà impegnato anche Emanuele Lambertini.

TENNISTAVOLO: TRE VITTORIE E DUE KO AZZURRI, SI DECIDE TUTTO DOMANI

Nel tennistavolo la giornata decisiva per i gironi e la composizione del tabellone sarà domani, ma gli azzurri partono con tre vittorie e due sconfitte. Al Tokyo Metropolitan Gymnasium Matteo Orsi, primo azzurro in gara, perde 3-0 in classe 3 contro il cinese Feng Panfeng: si giocherà tutto alle 12.20 italiane di domani contro il polacco Nalepka, che l’ha sconfitto nel PreParalimpico di Lasko (SLO) ed è il numero 14 al mondo nella disciplina. Vittoria invece per Mohamed Amine Kalem, bronzo di Rio 2016, che domina contro il malese Chee Chaoming (3-0): domani alle 2 sfiderà l’australiano Ma Lin, che sconfisse cinque anni fa nei quarti, e alle 11.40 il britannico Stacey per conquistare il passaggio del turno nella classe 9. Una vittoria e una sconfitta per la veterana e capitana azzurra Michele Brunelli, mai doma 47enne: per lei un perentorio 3-0 contro l’argentina Blanco e la sconfitta per 3-1 contro la croata Muzinic, sua grande rivale. L’ultima sfida, decisiva per la qualificazione in classe 3, sarà domani alle 13.40 contro la messicana Lopez. Vittoria invece per Giada Rossi, bronzo a Rio 2016 e grande speranza azzurra nella classe 1-2: la friulana sconfigge l’argentina Garrone in quattro set, e domani alle 4.40 concluderà il girone sfidando la francese Lafaye, n°7 al mondo.

PARALIMPIADI TOKYO 2020: NEWS, RISULTATI E MEDAGLIERE AGGIORNATO

News sulle Paralimpiadi di Tokyo 2020 tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive anche sui nostri social: FacebookTwitter, Instagram e YouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *