Resa dei conti tra i big della classifica generale, nella penultima tappa del Giro d’Italia dell’incertezza: la corsa affronta Passo San Pellegrino, Pordoi e Fedaia, con Landa e Hindley all’assalto della maglia rosa di Carapaz. Un assalto riuscito: l’australiano è il nuovo leader. 

GIRO D’ITALIA: LA MARMOLADA PREMIA COVI, HINDLEY RIBALTA LA CORSA

Dopo la frazione interlocutoria verso Santuario di Castelmonte, che ha premiato i fuggitivi e consegnato a Koen Bouwman la maglia azzurra della classifica GPM, ma non ha generato distacchi tra i big, il Giro d’Italia riparte e vive il suo ultimo arrivo in salita. Landa e Hindley all’attacco della maglia rosa di Richard Carapaz, nei 168km da Belluno alla Marmolada-Passo Fedaia, che precedono la cronometro conclusiva di Verona. I corridori affrontano Passo San Pellegrino (18.2km al 6.2%), Passo Pordoi (Cima Coppi coi suoi 2.239m, 11.8km al 6.8%) e Passo Fedaia (14km al 7.6%, punte al 18%): tre salite durissime e oltre i duemila metri d’altitudine, in una tappa che potrebbe stravolgere la classifica e le primissime posizioni. Si forma subito la fuga, propiziata da Mathieu van der Poel (Alpecin), che tira con sè una quindicina di corridori: Vendrame (Ag2r), Zardini (Androni), Novak (Bahrain), Kämna (Bora), Arensman (DSM), Oomen e Leemreize (Jumbo), Moniquet (Lotto), Pedrero (Movistar), Ballerini e Vansevenant (Quickstep), Ciccone (Trek), Formolo e Covi (UAE).

Novak e Kämna non tirano perchè sono gregari di Landa e Hindley, e questo inizialmente rischia di far saltare l’accordo tra i fuggitivi, che però poi trovano una quadra. Nel gruppo tira proprio la Bahrain per il basco, mantenendo il vantaggio della fuga intorno a 5’40”: si punta alla vittoria di tappa e agli abbuoni, per massimizzare il risultato. Nessuno scossone sul Passo San Pellegrino, mentre sul Pordoi si muove Covi: l’italiano dell’UAE fa il vuoto e scollina con 1’26 su un plotoncino di otto corridori (Ciccone, Kämna, Arensman, Pedrero, Formolo, Novak, Oomen, Leemreize) e 5’51” sul gruppo maglia rosa, che non fa un ritmo sostenuto. E non accelera neanche nella fase iniziale della Marmolada, rosicchiando giusto una decina di secondi. Il cambio di ritmo avviene ai -5km, quando l’INEOS va in testa a tirare: Tulett sbriciola il gruppo dei migliori, Sivakov fa selezione e crea un sestetto composto dal franco-russo, Carapaz, Hindley, Carthy e Hirt. Tutti si aspettano la mossa di Carapaz quando termina il lavoro del compagno, invece ecco la stilettata di Hindley: solo la maglia rosa alla sua ruota, e l’australiano trova sulla strada il compagno Kämna, che spacca il Giro.

La trenata del tedesco distrugge Carapaz, apparso meno brillante di Hindley nelle scorse salite: l’ecuadoriano si sfila e si stacca, mentre il capitano della Bora-Hansgrohe si invola da solo all’attacco. Hindley s’invola e Carapaz sprofonda, venendo raggiunto da Landa e Carthy e piantandosi letteralmente nell’ultimo km: Kämna lo stacca, dando uno schiaffo morale alla maglia rosa. La tappa va ad Alessandro Covi, che resiste alle durissime pendenze del tratto finale della Marmolada e al rientro di Novak: l’italiano dell’UAE vince la 20a tappa, con 33” sullo sloveno e 37” su Ciccone. L’apoteosi è però per Jai Hindley, che si prende la maglia rosa con una scalata emozionante: 2’30” di ritardo per l’australiano, con Landa e Carthy che arrivano a 3’19” e Carapaz (in tandem con Formolo) a 3’58”, preceduto anche da Kämna (3’39”). Perde terreno Nibali, che chiude a 4’37”, preceduto da Hirt e Lopez. 

GIRO D’ITALIA: HINDLEY IN ROSA, CARAPAZ A 1’25”. DOMANI LA CRONO

Jai Hindley ribalta il Giro d’Italia, prendendosi la sua rivincita e mettendo le mani su una buona parte della vittoria finale alla vigilia della cronometro conclusiva, col sogno di riscattare la beffa del Giro 2020, quando partì a pari merito con Geoghegan Hart e vide trionfare il britannico. Sarà l’australiano a partire in maglia rosa a Verona, nei 17.4km della prova contro il tempo, che avranno il loro culmine nella salita delle Torricelle (4.5km al 5% di media). Hindley guida la corsa rosa con 1’25” su Carapaz e 1’51” su Mikel Landa, che può sognare il secondo posto. Seguono Nibali (7’57”), Pello Bilbao (8’55”), Hirt (9’07”), Buchmann (11’18”), Pozzovivo (16’04”), Lopez (17’29”, maglia bianca) e Carthy (17’56”). 

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagram.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *