La 16a tappa del Giro d’Italia viene accorciata a 155km, eliminando Fedaia e Pordoi. La vince Egan Bernal, distruggendo la concorrenza sul Giau e allungando ulteriormente nella classifica generale: il colombiano è il padrone del Giro.

GIRO D’ITALIA, 16A TAPPA: ASSOLO DI EGAN BERNAL

Il Giro d’Italia, dopo l’arrivo a Gorizia, si appresta a vivere la sua tappa regina: Fedaia, Pordoi e Giau prima dell’arrivo (con discesa) a Cortina, una frazione in cui la corsa potrebbe definirsi del tutto, con “eliminazioni” eccellenti. Si appresta a viverla, ma non la vivrà: gli organizzatori e il delegato della CPA Salvato, senza consultare i corridori, decidono di “mutilare” la 16a tappa del Giro per il freddo e il clima proibitivo. Protestano molti corridori, che volevano disputare la tappa per intero e provare importanti attacchi: la frazione si riduce così a 155km da Sacile a Cortina, con la salita di Crosetta (11.6km al 7.1%), il Passo Giau (9.9km al 9.3%, punte al 14%) che diventa la nuova Cima Coppi e la discesa molto tecnica fino all’arrivo. Una tappa mutilata, lo ribadiamo, che viene subito scandita dagli attacchi: non parte De Gendt, con la Lotto-Soudal che resta con due corridori, scatta invece Nibali dopo la caduta di ieri e le botte alle costole. E proprio Nibali è presente nel nutrito attacco della prima ora, composto da una ventina di corridori: Bouchard (Ag2r), Vervaeke (Alpecin), Tesfazion (Androni), Izagirre (Astana), Tratnik (Bahrain), Fabbro e Grosschartner (Bora), Almeida (Quickstep), Dina (Eolo), Hirt (Wanty), Dan Martin (Israel), Bouwman (Jumbo), Vanhoucke (Lotto), Pedrero, Rubio e Villella (Movistar), Kangert (EF), Roche (DSM), Nibali, Brambilla e Ghebreigzhabier (Trek) e Formolo (UAE). Nella fuga rientrano anche Frankiny (Qhubeka), Fortunato (Eolo), Ulissi (UAE), Visconti e Zoccarato (Bardiani).

Bouchard passa per primo sulla Crosetta, blindando anche per oggi la maglia azzurra, mentre Tesfazion e Frankiny vengono ripresi al termine della salita. Il gruppo lascia i fuggitivi a un massimo di quattro minuti. Nel lungo saliscendi verso il Giau, si forma un sestetto in testa: Nibali e Ghebreigzhabier per la Trek, Izagirre (Astana), Almeida (Quickstep), Pedrero (Movistar) e Formolo (UAE). I fuggitivi arrivano sul Giau con un minuto di margine, grazie al grande lavoro dell’EF di Hugh Carthy, e la fuga esplode: Formolo stacca tutti, venendo inseguito da Almeida. Le prime rampe del Giau distruggono le residue chances di Remco Evenepoel, che crolla e in un amen perde due minuti: mentre gli altri concludono la tappa, Remco sta scollinando dal Giau con 22′ di ritardo. Dà spettacolo, invece, Egan Bernal: il colombiano scatta sul Giau e non fa prigionieri, staccando tutti e andando a sverniciare Formolo e Pedrero: non vediamo le immagini della sua azione per il maltempo, che ci priva delle immagini fino alle telecamere fisse ai -500m, ma Bernal (ora 2° nella classifica GPM: 107pti contro i 136 di Bouchard) scollina con 50” su Caruso e 1’15” su Bardet, mentre crollano Yates e Vlasov, inizialmente tradito dalla mantellina che si inceppa nella catena e poi in crisi. Bernal amministra in discesa, Bardet riprende Caruso e si prepara a risalire in classifica. Vittoria autorevole per Egan Bernal, che ha anche il tempo di togliersi la mantellina e mostrare la maglia rosa e lo sponsor: chiudono a 27” Bardet e Caruso, mentre Ciccone arriva a 1’18” precedendo Carthy (1’19”) e Almeida (1’21”). Più staccato Vlasov, che arriva a 2’11”: Foss e Formolo chiudono a 2’33”, Yates a 2’37”, Daniel Martinez a 3’13”. Crolla Remco Evenepoel, che domani potrebbe ritirarsi: oggi ha perso la bellezza di 24’05”, chiudendo addirittura dietro a Pellaud e Pasqualon.

GIRO D’ITALIA: LA CLASSIFICA GENERALE, DOMANI IL RIPOSO

Egan Bernal vince così la seconda tappa in questo Giro d’Italia e ha ufficialmente in pugno il Giro alla vigilia del secondo giorno di riposo: 2’24” su Damiano Caruso e 3’40” su Hugh Carthy che è terzo senza aver mai fatto un’azione. Seguono Vlasov (4’18”), Yates (4’20”), Ciccone (4’31”), Bardet (5’02”), Martinez (7’17”), Foss (8’20”) e Almeida (10’01”): appena fuori dai dieci Formolo, 11° a 12’35”. Domani si riposa, per poi ripartire mercoledì con l’arrivo a Sega di Ala, dopo un’ascesa con punte al 17%.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *