Nuova medaglia per l’Italia ai Mondiali di Innsbruck! Antonio Piccolo è bronzo nella cronometro juniores dominata dal fenomeno Evenepoel: nulla da fare per le azzurre nella crono elite femminile, dominata dall’Olanda. 

Mondiali Innsbruck 2018

CICLISMO, MONDIALI INNSBRUCK 2018: EVENEPOEL INCANTA NEGLI JUNIORES, BRONZO PER PICCOLO

La cronometro degli juniores, disputata (come quelle degli U23 e delle donne elite) sui 27.8km ricchi di saliscendi da Hall-Wattens a Innsbruck, è diventata ben presto un autentico assolo. D’altronde, quando nella categoria c’è un dominatore assoluto, possono succedere anche queste cose. Il suo nome è Remco Evenepoel, è belga e per molti sarà destinato a riscrivere i record del ciclismo dei grandi, che lo accoglierà nel 2019 dopo la firma con Quickstep: intanto, però, distrugge la concorrenza negli juniores ed è un autentico ciclone che spazza via gli avversari. E pensare che non avrebbe neppure dovuto praticare questo sport: il classe 2000 giocava a calcio fino a un anno fa, con l’inizio della sua carriera all’Anderlecht, un salto nelle giovanili del PSV a 11 anni, il ritorno all’Anderlecht e svariate apparizioni nelle nazionali giovanili del Belgio (4 presenze nell’U15, 5 nell’U16). Poi, alcune delusioni professionali non meglio specificate (non se ne parla neppure in patria) e il progressivo disgusto per il mondo del football l’hanno spinto a cambiare tutto. Via gli scarpini da calcio, voliamo su una bici, e mai scelta fu più azzeccata: tra gli jr Evenepoel ha perso una sola gara, la piccola Roubaix, e solo perchè si è ritirato. Nel 2018 ha vinto l’europeo juniores sia a cronometro che nella prova in linea, e ora proverà a ripetersi nei Mondiali: il primo oro è già arrivato a cronometro, con una prestazione fenomenale.

Evenepoel ha distrutto ogni singolo avversario, impiegando 33’15” per percorrere i 27.8km e ottenendo un tempo che gli avrebbe consentito di arrivare tranquillamente quarto negli U23 a soli 18 anni: distacchi abnormi per i rivali, con l’australiano Plapp a 1’24” e l’italiano Andrea Piccolo a 1’37”. Sorride anche l’Italia dunque, che centra la seconda medaglia di questi Mondiali dopo l’argento di Camilla Alessio nelle juniores femminili, e ottiene un bronzo col 17enne milanese (al primo anno negli juniores): l’anno scorso Puppio aveva conquistato l’argento a Bergen, ora arriva il bronzo di Piccolo. Male invece Samuele Manfredi, arrivato 32° e molto distante dai big, a 3’47”.

CICLISMO, MONDIALI INNSBRUCK 2018: DOMINIO OLANDA AL FEMMINILE, ITALIA A SECCO

La particolare cronometro di 27.8km da Hall-Wattens a Innsbruck, un mix tra tratti in saliscendi e settori da specialiste delle prove contro il tempo, sorrideva alle olandesi, che com’era prevedibile dominano il podio. Tre atlete su tre a medaglia, quattro atlete tra le prime sei per i colori oranje in quella che è senza dubbio una grandissima giornata per i Paesi Bassi: l’oro va ad Annemiek van Vleuten, favoritissima della vigilia che chiude col tempo di 34’25” e strappa la medaglia più ambita a una strepitosa Anna van der Breggen. La vincitrice del Giro d’Italia 2017 chiude seconda a 29”, rifilandone una cinquantina a Ellen van Dijk, che ha faticato nei tratti in salita e conquista il bronzo, chiudendo a 1’19” dalla van Vleuten. Quarta la canadese Kirchmann a 1’27”, precedendo la statunitense Thomas e l’ultima olandese, Lucinda Brand: la miglior italiana è Elisa Longo Borghini, che ha disputato una buona prova, chiusa al 9° posto con 2’17” di ritardo. 21a a 3’32” invece Elena Pirrone: la classe ’99, che praticamente gareggiava in casa (da Bolzano a Innsbruck ci sono pochi km), era alla prima apparizione in nazionale con le donne elite, dopo aver vinto entrambi i titoli juniores l’anno scorso a Bergen, e può ritenersi soddisfatta del suo debutto tra le ”grandi”.

CICLISMO, MONDIALI INNSBRUCK 2018: DOMANI LA CRONOMETRO AL MASCHILE, DUMOULIN FAVORITO

Domani i Mondiali di Innsbruck saranno tutti dedicati ai grandi del ciclismo al maschile, che disputeranno la loro cronometro: 52.5km da Alpbachtal Seenland a Innsbruck, con 654m di dislivello e un percorso che è per specialisti delle prove contro il tempo nella prima metà, e poi presenta la salita di Gnadenwald, 2.6km al 10.5% di pendenza media che manderanno in crisi i cronoman purissimi. Da lì si scende, e poi si affrontano 10km circa con continui saliscendi: il favorito d’obbligo è Tom Dumoulin, perfetto per questo percorso al pari di Rohan Dennis, che ha puntato tutta la preparazione sui Mondiali, ritirandosi anzitempo alla Vuelta e dando il meglio solo nelle cronometro della corsa iberica. Il grande outsider potrebbe essere Kwiatkowski, mentre l’Italia schiererà De Marchi e Felline: i nostri portacolori punteranno più a una dignitosa top-15, che alla vittoria finale, con De Marchi chiamato a studiare Gnadenwald in vista di un possibile attacco nella prova in linea di domenica.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo su strada anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube e Google +.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *