Dopo una giornata per i velocisti, e alla vigilia di altre due frazioni veloci, ecco una delle frazioni più attese del Tour de France: doppia scalata verso il Ventoux e poi la discesa verso l’arrivo di Malaucene.

TOUR DE FRANCE, 11A TAPPA: TRIONFA VAN AERT, VINGEGAARD ALL’ATTACCO

Dopo una frazione per velocisti, col nuovo acuto di Mark Cavendish, ecco una delle frazioni più attese del Tour de France 2021. I corridori partono da Sorgues e arrivano a Malaucène dopo 198.9km, con la doppia ascesa del Mont Ventoux: i corridori partono da un 4a categoria (1.9km al 6%), per poi proseguire con Cote de Gordes (2.5km al 5.1%) e il 1a categoria di Col de la Liguière (9.3km al 6.7%), che fa da introduzione alla prima ascesa verso il Mont Ventoux: il “monte calvo” viene affrontato prima dal versante più dolce (22km al 5.1%, punte al 10%) e poi da quello più noto e duro, coi suoi 15.7km con pendenza media all’8.8% in cui si fatica quasi a respirare, e un tratto finale da apnea. Seguiranno 22km tra discesa e falsopiano verso Malaucène, in una tappa da scalatori purissimi. La corsa perde subito Tony Martin, che cade in un fosso e deve ritirarsi per un serio infortunio, e i primi km sono infernali: ci prova Alaphilippe, che fa il diavolo a quattro per staccare Nairo Quintana e punta implicitamente la maglia a pois. Con Loulou partono in seguito Rolland (B&B), Dan Martin (Israel), Perez (Cofidis), a cui si aggiungono in seguito Perichon (Cofidis), Elissonde, Mollema e Bernard (Trek), van Aert (Jumbo), Laengen (UAE), Politt (Bora), Pacher (B&B), Durbridge (BikeExchange), Meurisse e Sbaragli (Alpecin), Cosnefroy e van Avermaet (Ag2r). 16 corridori al comando, col gruppo che lascia fare garantendo quasi cinque minuti di margine ai fuggitivi.

Sul primo Ventoux restano solo in sette al comando: van Aert, Alaphilippe, Meurisse, Perez, Elissonde, Bernard e Durbridge. A loro si aggiunge in seguito Mollema, che lascia sul posto Pierre Rolland e rientra sui sette. Nel gruppo, invece, il lavoro di Geraint Thomas fa cedere Quintana e Gaudu tra gli altri. Alaphilippe si prende il GPM del Ventoux “facile”, col gruppo fisso a 4’40”, e sul secondo Ventoux esplode la fuga: la Trek sfrutta il vantaggio numerico e fa partire Elissonde, che stacca tutti. Rientra su di lui Wout van Aert, mentre cede Alaphilippe e si stacca Mollema: WVA è scatenato, stacca il francese e si prende il Ventoux. Nel gruppo, a 10km dalla vetta cede Ben O’Connor che va in grande difficoltà. Il ritmo regolare della INEOS fa molte vittime: Pogacar resta col solo Majka, con loro Carapaz, Kwiatkowski, Richie Porte, Kelderman, Woods, Uran, Vingegaard, Mas, Guillaume Martin, Lutsenko e Pello Bilbao che rientra. Si staccano in seguito Cattaneo, Guillaume Martin, Majka e Woods. Kwiatkowski è al limite, tutti aspettano l’azione di Carapaz, che invece non ne ha e si mette a guardare gli avversari: parte così a sorpresa Vingegaard, col solo Pogacar che resta alla sua ruota. L’azione del danese della Jumbo-Visma è impetuosa e manda in difficoltà anche la maglia gialla, che per la prima volta si mostra in apnea e a bocca aperta: Pogacar cede, Vingegaard viaggia in solitaria e scollina a 1’30” da van Aert e molto vicino al duo Mollema-Elissonde (1’17”), con 35” su Pogacar e 40” su Uran e Carapaz. Pogi attende i due sudamericani, Vingegaard prosegue in solitaria e perde parte del suo vantaggio, con la Jumbo che giustamente non ferma van Aert. Nessuna sorpresa nel finale, col campione belga che passa dal 2° posto in volata alla vittoria nella frazione col doppio Ventoux: van Aert vince e scoppia in lacrime a Malaucéne, con Elissonde e Mollema che chiudono a 1’14”. L’azione di Vingegaard si conclude negli ultimi km in discesa, quando viene ripreso da Pogacar, Uran e Carapaz: il quartetto arriva a 1’38”, con Lutsenko e Kelderman a 1’56”, Enric Mas a 3’02”, Pello Bilbao a 3’28”, Guillaume Martin a 4’05” e O’Connor a 5’35” con Cattaneo e Valverde.

TOUR DE FRANCE: POCHI SCOSSONI NELLA GENERALE, DOMANI LO SPRINT

Tadej Pogacar vede spegnersi il suo unico rivale ravvicinato e, dopo la prima difficoltà, potrà controllare: il secondo è Uran, a 5’18”, seguito da Vingegaard (5’32”) e Carapaz (5’33”). O’Connor chiude la top-5 a 5’58”, dopo la crisi odierna, con Kelderman sesto a 6’16” e Lutsenko settimo a 6’30” davanti ad Enric Mas (7’11”): sette corridori in meno di due minuti, a giocarsi il podio dietro all’alieno-Pogacar. Chiudono la top-10 Guillaume Martin (9’29”) e Pello Bilbao (10’28”): dovrebbe essere salito in 11a posizione Mattia Cattaneo. Domani un nuovo sprint, nei 159,4km da Saint-Paul-Trois-Chateaux a Nimes.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *