Egan e Primoz Roglic provano a far saltare il banco nella tappa regina della Vuelta, con quell’arrivo a Lagos de Covadonga che tre anni fa incoronò Thibaut Pinot. Grande azione dello sloveno e del colombiano: Roglic domina sull’ascesa finale ed è il nuovo leader.

VUELTA, 17A TAPPA: ROGLIC FA IL VUOTO A LAGOS DE COVADONGA

Dopo la volata vinta da Fabio Jakobsen, la Vuelta riparte da quella che è la prima delle due frazioni-regina della corsa iberica. 185km da Unquera a Lagos de Covadonga, arrivo in salita coi suoi 12.5km al 6.9% con punte al 16% e un paio di tratti in falsopiano che abbassano una media notevole: i corridori affrontano come antipasto l’Alto de Hortigueru (5.3km al 4.7%) e per due volte La Collada Llomena (7.6km al 9.3%) prima della salita conclusiva. E succede di tutto. Attacco iniziale di otto corridori, tra cui ci sono il plurivincitore (due tappe) Storer della DSM e Padun della Bahrain: il gruppo li tiene sotto tiro, li acciuffa appena sotto il GPM e Caruso prevale su Bardet prendendosi 2pti per la maglia a pois. Si ritirano Elissonde (Trek) e Luis Leon Sanchez (Astana), il gruppo rischia di spezzarsi su un paio di accelerate della Bora e poi iniziano gli scatti: Aru tenta in discesa, Landa sul GPM di La Collada Llomena. Entrambi cedono e vengono ripresi. La fuga nasce e viene composta da 29 corridori che inseguono Le Gac, che ha preso un piccolo margine: tra loro Nieve e Lucas Hamilton (BikeExchange), Tratnik (Bahrain), Madrazo e Cabedo (Burgos), Jay Vine (Alpecin), Storer (DSM), Izaguirre (Astana) e De La Cruz (UAE): L’attacco non dura, perchè vengono ripresi sulla seconda salita verso La Collada Llomena, dove succede di tutto.

Eiking, rientrato, si stacca insieme a Caruso e Vlasov dicendo addio alla maglia rossa. Il clima cambia: pioggia e freddo. Ma, soprattutto, ai -60km attacca Egan Bernal: regge il suo passo solo Primoz Roglic, che si accoda immediatamente. Miguel Angel Lopez ci prova, ma poi capisce che non è cosa e torna mestamente nel gruppo. Il duo, con Bernal che tira per quasi tutta la salita, allunga e di parecchio: il colombiano e lo sloveno scollinano con 45” di vantaggio sugli inseguitori e 1’50” sul gruppo-Eiking. Roglic si attiva in discesa e in pianura, e il duo guadagna anche lì, arrivando a 2’21” di vantaggio massimo: solo il forcing di Damiano Caruso riporta il margine intorno al minuto e mezzo. Dietro cadono Eiking, Vlasov e Verona, salutando le zone nobili della generale. Nel gruppetto inseguitori ci sono quattro Jumbo (Kuss, Oomen, Kruijswijk, Bouwman) e quattro Bahrain (Caruso, Poels, Haig, Mader) oltre ad Adam Yates, Mas e Lopez, e ad alcuni corridori che crollano subito non appena iniziano i Lagos de Covadonga: tra loro Guillaume Martin, che abdica e cede.

Primoz Roglic e Bernal procedono di comune accordo, ma ai -7.5km si spegne la luce del colombiano, che perde subito 45” e poi si riprende in parte quando il distacco dallo sloveno supera il minuto: Primoz s’invola verso la vittoria, mentre dietro scatta senza esito Lopez. Un secondo tentativo arriva ai -4.5km: Mas parte per primo, Yates, Lopez e Kuss lo raggiungono. Addirittura lo statunitense parte, per tentare un’incredibile uno-due della Jumbo-Visma, ma viene neutralizzato. Poco dopo i -2km, invece, il quartetto all’inseguimento riprende Egan Bernal: nuovo scatto di Kuss, che vuole staccare tutti. Nel mentre, l’assolo di Primoz Roglic è completo: il re della Vuelta conquista uno strepitoso successo di tappa, con la più bella vittoria della sua carriera, e conquista la 17a tappa e Lagos de Covadonga. Terzo successo in questa edizione, con annesso urlo al cielo, e maglia rossa: secondo Sepp Kuss a 1’35” per la doppietta della Jumbo-Visma, regolando Lopez, Yates, Haig, Mas, Bernal e Mader, con Meintjes a 2’29” e Champoussin a 2’44” con Kruijswijk. Perde 2’47” Grosschartner con De La Cruz, crolla a 4’46” Guillaume Martin, Arriva a 9’23” Eiking, mentre non c’è ancora traccia di Vlasov.

VUELTA: ROGLIC DOMINA NELLA GENERALE. DOMANI ALTRE MONTAGNE

Primoz Roglic si riprende la maglia rossa di leader della Vuelta e ora si può gestire, visto che la cronometro di domenica lo favorisce. Lo sloveno guida con 2’22” su Enric Mas e 3’11” su Lopez: seguono Haig (3’46”), Martin (4’16”), Bernal (4’29”), Yates (4’45”), Kuss (5’04”), Grossschartner (6’54”) e Mader (6’58”). Fuori dai dieci Eiking, ora a 7’59”. Domani si sale ancora, in una tappa durissima che prevede 162.6km verso l’Alto d’El Gamoniteru: i corridori affrontano le durissime Puerto de San Llaurienzu (9.9km all’8.6) e Alto de la Cobertoria (7.9km all’8.6%), oltre all’agevole Altu de la Sega (4%) prima dell’ascesa finale da 14.6km al 9.8% di pendenza media con un tratto finale sopra il 14%.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *