Niente da fare l’Italrugby nella terza partita del Sei Nazioni. A Roma l’Irlanda vince per 10 a 48. Una sola meta per la squadra guidata da Franco Smith.

Ancora una sconfitta per l’Italrugby (foto FB Federazione Italiana Rugby)

RUGBY, SEI NAZIONI: TERZA SCONFITTA PER L’ITALIA

Terza giornata di Sei Nazioni per l’Italia, che all’Olimpico di Roma sfida l’Irlanda guidata da Andry Farrel, e terza sconfitta. Gli ospiti si impongono per 10-48.

Franco Smith è costretto ad effettuare un cambio nei XV scelti alla vigilia: infortunato nel riscaldamento Varney, spazio a Braley . Con lui Trulla; Sperandio Brex, Canna, Ioane; Garbisi; Lamaro, Meyer, Negri; Sisi, Lazzaroni; Riccioni, Bigi e Lovotti.

Gli azzurri partono forte, e dopo quattro minuti sono già avanti grazie a Garbisi, che con un calcio preciso porta in vantaggio l’Italia per 3-0.

Gli ospiti però rispondono subito con Sexton, anche lui da piazzato, e poi con Ringrose, che mette a segno la prima meta del match al 12°. Sexton trasforma e gli irlandesi sono avanti per 3-10.

Al 17° Sexton, con un nuovo calcio, allunga ancora il vantaggio ospite (3-13).

L’Italia fa fatica e l’Irlanda ne approfitta. Al 31° seconda meta per gli ospiti, con Keenan che buca la difesa azzurra. Ennesima trasformazione di Sexton e punteggio sul 3-20 quando mancano poco meno di dieci minuti. Passano quattro minuti e la squadra di Farrel mette a referto la terza meta, questa volta con Connors. Sexton non sbaglia e massimo vantaggio nella prima frazione, 3-27.

Allo scadere del primo tempo però gli azzurri si svegliano, e con una bellissima azione condotta da Garbisi riescono a buca la difesa avversaria, per la prima meta messa a segno da Meyer. Lo stesso Garbisi trasforma, con gli azzurri che vanno a riposo sul 10-27.

Il secondo parziale si apre sulla falsa riga del primo: Italia in difficoltà e Irlanda all’attacco. Al 42° quarta meta per gli ospiti con Stander. Come al solito Sexton trasforma e il punteggio torna ad incrementarsi: 10-34.

Girandola di cambi per l’Italrugby, che prova a cambiare l’inerzia del match con gli uomini della panchina. 

Niente di tutto ciò accade, con gli azzurri che ricevono anche due cartellini e rimangono in 13 per 10 minuti. In questo lasso di tempo l’Irlanda mette a segno la quinta meta con Connors, alla seconda personale. Sexton trasforma e il punteggio, al 65°, è di 10-41.

Non cambierà più fino all’80º, quando l’Irlanda mette a segno l’ultima meta con Earls, trasformata da Sexton. Una bell’Irlanda batte una brutta Italia per 10-48. Per la squadra di Smith si tratta della trentesima sconfitta di fila nel Sei Nazioni.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.
Scopri tutte le ultime notizie di rugby anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagram e YouTube.

Gabriele Burini
Studente di lingue e culture straniere all'Università di Perugia. Volevo fare il calciatore, mi sono dovuto accontentare di raccontare lo sport

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Rugby