Ieri sera si è conclusa la finale di Louis Vuitton Cup, anticamera dell’atto conclusivo dell’America’s Cup di vela: sarà Team New Zealand a sfidare Oracle nella rivincita dell’ultima finale, che si era conclusa con un sorprendente 9-8 per gli americani.

America's Cup vela

La barca di Emirates Team New Zealand

AMERICA’S CUP: TEAM NEW ZEALAND VINCE LA LVC, 5-2 AD ARTEMIS

Un dominio incontrastato, che riduce la finale della Louis Vuitton Cup a una mera formalità: tutti sapevano che Emirates Team New Zealand era l’assoluta favorita per sfidare Oracle, e i neozelandesi hanno rispettato ampiamente le attese. È stata una serie senza storia, quella che ha definito lo sfidante ufficiale per l’America’s Cup, e che ha visto un nuovo incidente che poteva costar caro: dopo il ribaltone di Team New Zealand, stavolta tocca ad Artemis, che vede un suo uomo cadere in mare e restare in acqua per svariati minuti. Per fortuna non succede niente di grave, ma è l’ennesima prova della pericolosità degli ipertecnologici catamarani, che hanno dalla loro la grande velocità: New Zealand è brava a sfruttarla e chiudere la prima giornata sul 2-1, e la seconda sul 4-2, lasciando agli avversari solo le briciole. Insomma, basta vincere la prima regata del lunedì per approdare nella vera finale e conquistare la Louis Vuitton Cup, e i neozelandesi sfruttano l’occasione, nonostante una giornata complicata dal punto di vista del vento: New Zealand vola nella prima bolina, poi il vento cala e gli AC50 si piantano a poppa, finendo fuori tempo massimo. Regata sospesa e ripresa un’ora dopo, con New Zealand che trionfa 5-2 e ora sfiderà Oracle. Una sfida che Peter Burling e soci attendevano dall’inizio della coppa.

AMERICA’S CUP: NEW ZEALAND CERCA LA RIVINCITA CONTRO ORACLE NEL GRAN FINALE

Quattro anni per caricarsi, quattro anni in attesa di una rivincita che è pronta per diventare realtà: Emirates Team New Zealand non ha quasi festeggiato la vittoria nella Louis Vuitton Cup, perchè il vero obiettivo dei neozelandesi è un altro, quello di sconfiggere Oracle Team USA e riportare la coppa nella terra dei maori. Un obiettivo che è figlio della drammatica rimonta dell’edizione 2013, quando il timoniere di NZL era quel Dean Barker che ora guida Team Japan, e si è ”autodenunciato” ammettendo di aver fatto da team-B di Oracle, gareggiando con una barca simile a quella degli americani e fornendo informazioni al defender. Ma torniamo alla rimonta, e a un risultato che ormai è storia: nell’edizione 2013 New Zealand stava dominando, ed era arrivata fino all’8-1, salvo poi crollare e perdere malamente con un 9-8 inatteso e inaspettato. Ecco perchè, per Burling e compagni, quella che inizierà sabato (al meglio delle 13 regate, vincerà chi raggiungerà le 7 vittorie) non è una finale come le altre: Team New Zealand deve vincere per riprendersi l’onore e la coppa, ma anche per fermare l’era dei catamarani. Insomma, ci sarà da divertirsi da sabato in poi, perchè ogni regata verrà vissuta col coltello tra i denti nel mare delle Bermuda.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di vela anche sui nostri social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e Google +.

Marco Corradi
28 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Vela