Le notizie che arrivano dal Giappone non sono delle più confortanti: i contagi sono tornati preoccupantemente a salire. I Giochi sono davvero a rischio?

Logo olimpico
Logo olimpico (FONTE: https://www.corriere.it/sport/)

SALGONO I CONTAGI, RISALGONO I DUBBI

Il futuro dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 risulta davvero incerto. Cominciano nuovamente a salire i dubbi sull’attuale fattibilità della manifestazione, che dovrebbe andare in scena dal 23 luglio all’8 agosto.

Nella nazione del Sol Levante, il Covid-19 continua ad espandersi, senza dare alcun cenno di rallentamento. E seppur il numero dei casi giornalieri (circa 4500 nuovi casi) sembra assolutamente modesto rispetto all’Occidente, il Giappone non vuole prendere sotto gamba la situazione.

Ad aggiungere maggior preoccupazione è il piano vaccinale giapponese, in estremo ritardo dai piani iniziali: meno dell’1% della popolazione totale è stata già immunizzata, una percentuale tra le più basse al mondo.

E se così non bastasse, è la stessa popolazione giapponese ad essere preoccupata: quasi il 75% ritiene che i Giochi Olimpici possano mettere a rischio l’intera nazione, esponendola ad un contagio che, sino ad ora, è stato parzialmente contenuto.

La decisione finale, in ogni caso, spetta al governo giapponese, incline a proseguire con il programma olimpico, seppur una dichiarazione ufficiale, al momento, non sia ancora pervenuta. Il governo, infatti, sta ancora studiando il protocollo sanitario da attuare: le ipotesi sono varie, dai test giornalieri alla sostituzione del tampone nasale con un esame della saliva, meno invasivo e più rapido. Entro l’inizio di quest’estate, ogni dubbio dovrà essere chiarito ed il protocollo dovrà essere perfezionato ed ultimato.

Un altro problema nella strada verso Tokyo 2020 arriva dal mondo del ciclismo: alcuni membri dello staff del team UAE Emirates, vaccinati con Sinopharm questo gennaio, sono risultati positivi ad alcuni controlli in questi giorni.

Il vaccino Sinopharm, di produzione cinese e tra i più utilizzati in Oriente, non sarebbe così protettivo come dichiarato dal virologo Fabrizio Pregliasco: “Il vaccino cinese non è così eccezionale e mi risulta protegga solo nel 50 per cento dei casi. E questo ovviamente è un problema”.

Molti dubbi permangono in questa road to Tokyo 2020, una strada impervia e più in salita di quanto ci si aspettasse che fosse. Forse, nemmeno un duro e rigido lockdown potrebbe portare in discesa questa strada.

La domanda, più che lecita, rimane: i Giochi sono a rischio?

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive anche sui nostri social: FacebookTwitter, Instagram, YouTube e Google +.

mm
Gabriele Stragapede, 24 anni. Laureato nella facoltà CIM (Comunicazione, Innovazione e Multimedialità) dell'Università di Pavia. Aspirante giornalista sportivo ed attualmente editore per Azzurri di Gloria. Appassionato di calcio e di wrestling, scrive di tutto, un po'.

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *