Grazie alla straordinaria tripletta nei 100 metri femminili (vinti da Ambra Sabatini davanti a Martina Caironi e Monica Contrafatto) e all’argento nell’arco del duo Mijno-Travisani, l’Italia risale al nono posto del medagliere con 69 podi all’attivo.

Lintao Zhang/Getty Images

ATLETICA LEGGERA

100M FEMMINILE T63

L’Italia scrive la storia nella categoria con un podio che si colora interamente d’azzurro. Ambra Sabatini conquista oro e record del mondo (14″11) davanti alle connazionali Martina Caironi (14″46) e Monica Contrafatto (14″73). Un risultato che consente alla spedizione italiana di risalire fino al nono posto del medagliere con un totale di 69 podi.

TIRO CON L’ARCO

Una facile vittoria per l’Italia di Elisabetta Mijno e Stefano Travisani che hanno battuto 6-0 (27-25, 32-25, 33-32) la Mongolia (Selengee Demberel e Munkhbaatar Namjilmaa), accedendo così ai quarti di finale del torneo paralimpico di mixed team, categoria open recurve. Una qualificazione abbastanza agevole per gli azzurri, complici anche i numerosi errori della squadra mongola, come il 2 registrato all’ottava freccia.

Ai quarti, gli azzurri hanno sfidato i padroni di casa del Giappone (Chika Shigesada e Tomohiro Ueyama). Un’altro grande successo porta il duo azzurro in semifinale. Con il risultato di 6-2 (32-34, 35-33, 36-32, 34-31) Elisabetta Mijno e Stefano Trevisani si avvicinano a un possibile podio.

In semifinale è ancora l’Italia a spuntarla, battendo l’Iran, formato da Zahra Nemati e Gholamreza Rahimi, per 5-3 (32-34, 33-31, 33-27, 37-37). Gli azzurri approdano in finale contro la Russia.

In finale Elisabetta Mijno e Stefano Travisani hanno quindi sfidato la Russia formata da Kirill Smirnov e Margarita Sidorenko. Purtroppo la squadra azzurra manca l’oro di un soffio, e si deve quindi accontentare di un importante argento sotto l’incessante pioggia che ha accompagnato questa tesissima finale. Il risultato finale è di 5-4 per i russi (18-17, 36-34, 30-33, 31-32, 35-33), deciso allo shoot off di spareggio.

TIRO A SEGNO

50M P4 MIXED SH1

Nadia Fario ha concluso le qualificazioni al 25° posto con 509 punti, ben lontana dalle prime 8 posizioni che si giocheranno le medaglie in mattinata.

50M R9 MIXED S2

Andrea Liverani ha conquistato l’accesso alla finale con la 5^ posizione nelle qualificazioni, con il punteggio di 623.3, ottenuto ad una media di sparo di 10.388. Nella stessa gara, il serbo Dragan Ristic ha stabilito il nuovo primato mondiale nelle qualificazioni con 631.3 punti.

In finale, Liverani è andato ad un passo dalla medaglia di bronzo, perdendo lo shoot-off contro l’ucraino Vasyl Kovalchuk e chiudendo al 4° posto con 208.0 punti. Il podio è stato completato dal serbo Dragan Ristic (oro), neo detentore del record del mondo con un punteggio di 252.7 punti, e dal suo compagno di squadra Zdravko Savanovic (argento).

Pamela Novaglio, invece, non è riuscita a qualificarsi alla finale, terminando 10^ con 620.9 punti, a solo 1.8 dai primissimi 8.

CANOA

200M INDIVIDUALE FEMMINILE KL1

Eleonora de Paolis ha raggiunto la finale A, vincendo la sua semifinale con il tempo di 57.484. In finale, l’azzurra ha sfiorato il podio per soli 305/1000, arrivando 4^, dietro la cilena Katherinne Wollermann. A vincere la medaglia d’oro è stata la tedesca Edina Mueller, distruttrice del suo stesso primato paralimpico in 53.958. Argento all’ucraina Maryna Mazhula.

PARALIMPIADI TOKYO 2020: NEWS, RISULTATI E MEDAGLIERE AGGIORNATO

News sulle Paralimpiadi di Tokyo 2020 tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive anche sui nostri social: FacebookTwitter, Instagram e YouTube.

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *