A Roma, sono di scena i Mondiali 2022 di beach volley. Andiamo a fare il punto della situazione degli azzurri al termine dei gironi.

Paolo Nicolai & Samuele Cottafava

Paolo Nicolai & Samuele Cottafava (FONTE: https://www.federvolley.it/campionati-del-mondo-di-beach-volley-day-4)

ITALIA PRESENTE

Sono cominciati i Mondiali 2022 di beach volley, di scena al Foro Italico di Roma, e sono arrivati anche i primi ottimi risultati delle coppie azzurre impegnate nella massima competizione internazionale.

Al termine della fase a gironi, Paolo Nicolai & Samuele CottafavaAdrian Carambula & Enrico RossiDaniele Lupo & Alex Ranghieri Marta Menegatti & Valentina Gottardi hanno abilmente superato le proprie pool, riuscendo a conquistare il passaggio diretto ai sedicesimi di finale.

Passaggio ai sedicesimi che, invece, si dovranno ancora sudare nelle sfide tra lucky loser le coppie formate da Claudia Scampoli & Margerita Bianchin e Carlo Bonifazi & Davide Benzi.

Margherita Tega & Valentina CalìViktoria & Reka Orsi Toth Jakob Windisch & Gianluca Dal Corso sono stati eliminati dalla competizione. Da segnalare, l’infortunio al ginocchio sinistro per la maggiore delle sorelle Orsi TothViktoria, costretta a dare forfait ed a ritirarsi dal torneo iridato.

IL PERCORSO, SINO AD ORA, DEGLI AZZURRI

PAOLO NICOLAI & SAMUELE COTTAFAVA

Ottimo percorso da parte della coppia azzurra, semplicemente perfetta e vincente in tutte e tre le partite della Pool K.

All’esordio, Nicolai/Cottafava hanno avuto la meglio in due set (21-12, 21-15) sui colombiani Murray/Rivas. Il ritmo incessante e trascinante degli azzurri è stata la chiave di questo successo.

Nessun problema nemmeno nel secondo incontro, dove gli azzurri hanno superato i thailandesi Surin/Banlue con un secco e doppio 21-10.

Il primo posto nel girone è stato ottenuto ai danni degli statunitensi Crabb Tr./Bourne, sconfitti per 21-11, 21-19. Una prova di forza sfoderata dagli azzurri, dominanti nel primo set e chirurgici nel secondo, dove l’equilibrio è stato il padrone indiscusso del parziale.

Queste, le dichiarazioni più importanti degli azzurri.

Nicolai: “Abbiamo le idee chiare, sappiamo valutarci e capire quando bisogna magari cambiare qualcosa. Dobbiamo continuare così, sapendo che magari arriveranno dei momenti di difficoltà, ma bisognerà saperli superare. In questo Mondiale ci sono tantissime coppie forti, almeno una quindicina punta alla medaglia e noi stiamo lavorando per essere tra queste”.

Cottafava“Giocare in uno stadio così grande fa impressione, i tifosi ci hanno dato la carica giusta qui al Foro Italico, vogliamo regalare loro tanti bei successi. Ogni giorno sto imparando tanto da Paolo, ha grande esperienza ed è abituato a vincere”.

ADRIAN CARAMBULA & ENRICO ROSSI

Altra coppia da 3/3 quella composta da Adrian Carambula & Enrico Rossi.

Nel primo incontro, i due azzurri hanno faticato più del previsto contro i gambiani Jawo/Jarra, riuscendo a trovare una maggior intensità di gioco con lo scorrere dei minuti. I parziali raccontano 21-18, 21-15.

Grande ma nuovamente faticosa vittoria anche nel secondo match dove gli azzurri hanno sudato le proverbiali sette camicie contro i fratelli argentini Capogrosso, sconfiggendoli per 21-18, 22-20.

Nonostante i problemi fisici di Carambula, il duo azzurro ha messo in mostra le sue grandi doti tecniche, vincendo anche l’ultima partita contro i brasiliani Bruno Schmidt/Saymon al terzo set (18-21, 21-19, 18-16). Una partita spettacolare, densa di emozioni e colpi di scena che ha visto Carambula/Rossi rimontare dopo aver perso la prima frazione di gioco. Un match di livello altissimo che carica, senz’altro, gli azzurri in vista del prossimo turno ad eliminazione diretta.

Carambula: “Ho avuto un infortunio in questi giorni e le gare mi hanno permesso di testare le condizioni fisiche. Sono soddisfatto della partita e, in generale, della passione che io ed Enrico riusciamo a mettere in ogni torneo. Amiamo questo gioco e si vede. Abbiamo stretto i denti, nonostante le difficoltà fisiche, e devo ringraziare Enrico Rossi per il grande lavoro che ha fatto in campo. Ora ci riposiamo e poi da mercoledì testa sui sedicesimi di finale”.

Rossi: “Partecipare a un Mondiale in casa è molto bello. Eravamo un po’ tesi alla vigilia, ma come ha detto Adrian stavamo testando le nostre condizioni fisiche. Ora abbiamo un giorno per ricaricare le batterie, poi ci concentreremo sulla fase a eliminazione diretta.”

DANIELE LUPO & ALEX RANGHIERI

Nella Pool BDaniele Lupo & Alex Ranghieri sono riusciti a staccare il pass per i sedicesimi di finale.

Determinante lo slancio della prima vittoria, ottenuta in rimonta, contro i canadesi Schachter/Dearing per 20-22, 21-18, 15-12. Dopo un primo set perso ai vantaggi, la coppia azzurra è stata brava a reagire, gestendo bene il gioco e conquistando punti nei momenti decisivi del match.

Il primo stop è arrivato contro gli olandesi Varenhorst/Van De Velde, vittoriosi al tiebreak con i parziali di 21-15, 20-22, 12-15. Dopo un avvio convincente, Lupo/Ranghieri hanno perso mordente, lasciando il pallino del gioco in mano agli olandesi, bravi a sfruttare l’occasione con lucidità e precisione.

Grandissima prestazione con conseguente vittoria, invece, quella ottenuta contro i polacchi Bryl/Losiak, determinante per il 1° posto nel girone e la qualificazione diretta ai sedicesimi. Dopo un primo set tiratissimo, la concretezza degli azzurri ha preso il sopravvento, conquistando così la vittoria per 28-26, 21-16.

MARTA MENEGATTI & VALENTINA GOTTARDI

Qualificazione diretta anche al femminile, grazie a Marta Menegatti & Valentina Gottardi, vincitrici della propria pool.

L’esordio ha visto le azzurre superare in due set (21-17, 21-19) le statunitensi Kolinske/Hughes, dopo una partita ben giocata dalla coppia italiana, capace di mantenere sempre il comando del gioco in tutto il primo set e di recuperare lo svantaggio iniziale accumulato nella seconda frazione.

Il secondo match ha visto la prima sconfitta per le azzurre che hanno ceduto il passo per 17-21, 18-21 alle spagnole Carro/Lobato. Un incontro in cui Menegatti/Gottardi non sono mai state pienamente nella partita.

La qualificazione arriva grazie al successo contro la coppia dell’Ecuador Ariana/Karelys (21-15, 22-20). Un primo set comandato per lunghi tratti è stato solo il preludio della vittoria finale, ottenuta grazie ad una splendida rimonta nel secondo parziale.

Menegatti: “Questo successo non ci farà cambiare atteggiamento, dobbiamo pensare un match alla volta e poi vedere dove sapremo arrivare”.

CLAUDIA SCAMPOLI & MARGHERITA BIANCHIN

Pool L e qualificazione che passerà per il lucky loser round di domani per Claudia Scampoli & Margherita Bianchin.

Il primo successo arriva per 21-8, 21-9, in un match dominato contro la coppia del Kenya, composta da Makokha/Khadambi. Una pratica chiusa in poco più di 30 minuti.

Nel secondo incontro, le azzurre sono state piegate in due set (18-21, 12-21) dalle polacche Wojtasik/Kociolek. Il primo set ha rischiato di vedere colmato l’iniziale gap di vantaggio delle polacche che però, sul finale, hanno approfittato delle disattenzioni delle azzurre. Nessuna storia, invece, nel secondo set.

Nel terzo match, impresa sfiorata contro le tedesche Borger/Sude, vittoriose per 19-21, 18-21 in un match che ha visto la giovane coppia italiana rispondere colpo su colpo, pur non riuscendo a trovare mai il break decisivo. Al lucky loser match, sarà sfida alle cilene Rivas Zapata/Chris.

Scampoli: “Quando giochi contro queste coppie sai benissimo che vincere o perdere è una questione di episodi. Noi stiamo facendo dei passi in avanti. Siamo la coppia italiana numero uno del tabellone e cercheremo di fare il nostro meglio per confermare il gioco che stiamo esprimendo”. 

Bianchin“È bellissimo giocare in un campo così, sugli spalti sta arrivando tanta gente e spero che la tribuna si riempi ancora di più. L’obiettivo stagionale? Fare un grande Mondiale e andare bene anche all’Europeo”.

CARLO BONIFAZI & DAVIDE BENZI

Si giocheranno l’accesso ai sedicesimi, attraverso il lucky loser round contro gli asutriaci Huber A./DresslerCarlo Bonifazi & Davide Benzi, protagonisti di un percorso fatti di alti e bassi in questi Mondiali 2022.

Nel primo incontro, il pronostico è stato perfettamente rispettato con gli azzurri sconfitti dalla coppia più forte al mondo, i campioni olimpici norvegesi Mol/Sorum. Un secco 11-21, 10-21, in un match che ha avuto un solo padrone.

Prova convincente, invece, nel secondo match, dove gli azzurri sono usciti vittoriosi per 21-18, 21-15 contro i cileni Aravena/Droguett. Una bella prestazione per Bonifazi/Benzi che hanno meritato il successo sul campo, conducendo il gioco in ogni istante.

All’ultima giornata, il secondo posto nel girone è sfuggito agli azzurri, sconfitti dagli olandesi Luini/Penninga in due set (16-21, 20-22). Un primo set che ha visto gli azzurri un po’ contratti, incapaci di trovare la chiave di volta per recuperare lo svantaggio accumulato. Nella seconda frazione, l’equilibrio l’ha fatta da padrone, concludendosi solo ai vantaggi.

Bonifazi“Noi non molliamo moi, forse questa è la caratteristica principale della nostra coppia. Abbiamo approcciato a questo Mondiale con l’idea di giocare il nostro miglior beach volley. A parte il primo match giocato contro i campioni Olimpici Mol-Sorum, negli altri incontri abbiamo dimostrato di poter dire la nostra. Oggi c’è un po’ di rammarico perché avevamo la possibilità di portare la gara al tie-break. Ora ricarichiamo le batterie per giocare domani i lucky loser e provare a centrare i sedicesimi”.

JAKOB WINDISCH & GIANLUCA DAL CORSO

Eliminazione a sorpresa per Jakob Windisch & Gianluca Dal Corso che si aspettavano sicuramente di più dal loro Mondiale.

I presupposti c’erano tutti, soprattutto guardando allo scoppiettante esordio, nel quale hanno sconfitto (21-17, 21-19) l’ottima coppia cilena, composta dai cugini Grimalt. Il duo azzurro ha messo in mostra un ottimo beach volley, tenendo sempre in mano il pallino del gioco, concedendo davvero poco al loro avversario.

Nella seconda partita, è arrivata la sconfitta contro gli austriaci Seidl/Waller per 13-21, 22-24. Un KO amaro per gli azzurri, visto anche l’andamento di sostanziale equilibrio del secondo parziale e le quattro palle set non sfruttate.

Gli azzurri non sono riusciti ad esprimersi al meglio, vedendo così sfuggire la qualificazione al turno ad eliminazione diretta. Windisch/Dal Corso sono stati battuti, in rimonta, dai polacchi Kantor/Rudol per 24-22, 13-21, 9-15. Il peggior quoziente punti, a causa di questa sconfitta, ha costretto la coppia azzurra alla prematura uscita dal torneo.

Windisch: “Noi siamo comunque felici, abbiamo espresso un gioco d’alto livello. Questo torneo deve essere un punto di partenza”.

MARGHERITA TEGA & VALENTINA CALI’

Avventura terminata prematuramente per Margherita Tega & Valentina Calì, uscite sconfitte in tutte e tre le occasioni che le hanno viste protagoniste.

Secco 11-21, 13-21 nella prima sfida contro le americane Flint/Cheng, in un match senza storia, se non per le primissime fasi del primo e del secondo set.

La seconda sconfitta (12-21, 20-22) arriva per mano delle canadesi Bukovec/Brandie, dominanti nella prima frazione e vittoriose ai vantaggi nel secondo parziale.

Standing ovation nell’ultima partita per le due azzurre, straordinarie nel giocare alla pari delle svizzere Bobner/Vergé-Depré, che hanno poi avuto la meglio per 21-19, 16-21, 12-15. La grande esperienza della coppia elvetica, nonostante il caldo tifo verso Tega/Calì, è stata il fattore determinante del loro successo.

Tega: “Sicuramente essere qui è stata una grande esperienza, per noi è stato tutto nuovo e giocare al Centrale del Foro Italico è stata una sensazione magica”.

VIKTORIA & REKA ORSI TOTH

Eliminazione, nella Pool I, per le sorelle Viktoria & Reka Orsi Tothcostrette al ritiro a causa di un infortunio nel secondo match per la sorella maggiore Viktoria.

Il Mondiale, per le azzurre, era iniziato splendidamente grazie all’affermazione per 21-14, 21-19 contro le brasiliane Taiana Lima/Hegeile. Dopo aver dominato il primo set, grazie alla maggior efficacia al servizio ed in difesa, le azzurre hanno condotto anche la seconda frazione, tenendo a bada ogni tentativo di rimonta delle brasiliane.

Nella seconda sfida, è arrivata la pessima notizia per la coppia azzurra. Dopo un primo set nuovamente dominato dalle sorelle Orsi TothViktoria, a seguito di un salto a muro, è ricaduta male, accusando un problema al ginocchio sinistro, problema che l’ha condizionata per tutto il secondo parziale. Infatti, dopo il 21-15 del primo set, le azzurre hanno ceduto malamente per 1-21 nel secondo, prima che Viktoria dichiarasse forfait sulla situazione di 0-15 nella terza frazione.

L’ultima partita, che sarebbe dovuta essere contro le thailandesi Ayakorn/Naraphornrapat, non si è quindi giocata. Resta il grande rammarico per le sorelle Orsi Toth che avrebbero potuto ambire ad un posizionamento di rilievo in questa rassegna iridata casalinga.

Reka Orsi Toth“Giocare davanti a questo pubblico ed al fianco di mia sorella è stata un’emozione bellissima, aspettavo quest’occasione da una vita”.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di beach volley anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagram e YouTube.

mm
Gabriele Stragapede, 25 anni. Laureato nella facoltà CIM (Comunicazione, Innovazione e Multimedialità) dell'Università di Pavia. Aspirante giornalista sportivo ed attualmente editore per Azzurri di Gloria. Appassionato di calcio e di wrestling, scrive di tutto, un po'.

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Beach volley