Tutti si attendevano lo sprint, invece l’arrivo di Treviso vede trionfare i fuggitivi: Dries De Bondt, che sembrava il corridore meno pimpante, beffa Edoardo Affini. Il gruppo a 13”, Juan Pedro Lopez perde terreno. Almeida non era partito (COVID). 

GIRO D’ITALIA, 18A TAPPA: LA FUGA METTE NEL SACCO IL GRUPPO, DE BONDT VINCE A TREVISO

Tappa per velocisti, tappa di assoluto riposo. Era stata catalogata così la 18a frazione, con partenza da Borgo Valsugana e arrivo a Treviso dopo 156km. È successo tutt’altro, con la vittoria di Dries De Bondt dalla fuga dopo una seconda parte a tutta velocità. Il percorso odierno è relativamente semplice: tanta pianura e un’unica asperità, il durissimo muro di Cà del Poggio (1.1km al 12.3%, su cui nessuno scatterà. All’attacco quattro corridori: Edoardo Affini (Jumbo), Dries De Bondt (Alpecin), Magnus Cort Nielsen (EF) e il veneto Davide Gabburo (Bardiani). Il gruppo lascia fare i fuggitivi, mandandoli a 2’40” e controllando in seguito per non riprenderli troppo rapidamente: quello che non capiscono gli inseguitori, però, è che anche gli attaccanti si stanno gestendo, con l’obiettivo di accelerare dopo il muro di Cà del Poggio. Detto, fatto.

I quattro gestiscono il ritmo e portano a spasso tatticamente il gruppo, convinto di riprenderli agevolmente. Le trenate di Affini e Cort Nielsen, invece, fanno restare il margine ben sopra il minuto e creano una situazione inedita per le formazioni degli sprinter, che devono spendere ogni energia residua. Ed evidentemente le energie rimaste sono pochissime: il quartetto mantiene 1’20” ai -12km, 45” ai -4km, 25” all’ultimo km. Sembra dunque evidente che i quattro di testa si giocheranno la vittoria, e così succede: Affini lancia lo sprint e sembra in grado di vincere, ma De Bondt lo beffa col colpo di reni. Terzo posto per Cort Nielsen, quarto per Gabburo e il gruppo a 14” con Dainese a precedere Demare. Vittoria al belga dell’Alpecin-Fenix, dunque, un corridore che può definirsi sopravvissuto: un gravissimo incidente d’auto fece temere per la sua vita nel 2014, con un vasto ematoma subdurale e fratture craniche. I medici prospettarono a Dries tre strade: disabilità, stato vegetativo e (caso più complicato) pieno recupero. In quel caso, devi crederci e basta: il corridore belga, nei giorni di coma, perse 13kg e dopo il risveglio dovette reimparare a deglutire e ripartire da zero. Dopo quattro giorni, era in piedi a tentare di camminare con un deambulatore, dopo un anno circa era in bici per la Verandas-Willems. Da lì la sua carriera è ripartita, fino al titolo belga vinto l’anno scorso e alla vittoria odierna al Giro d’Italia coi colori dell’Alpecin-Fenix. Una bellissima storia.

IL GIRO D’ITALIA PERDE ALMEIDA: LOPEZ IN MAGLIA BIANCA

La frazione odierna era iniziata con un colpo di scena. Nei consueti test effettuati ogni due giorni, Joao Almeida era risultato positivo al COVID-19. Per il portoghese, dunque, un ritiro obbligato e l’addio alle chances di vittoria finale. Almeida era 4° in classifica e cede dunque il passo e la maglia bianca, passata sulle spalle di Juan Pedro Lopez. Per lo spagnolo della Trek-Segafredo, a lungo in maglia rosa, la prima giornata in bianco è stata tutt’altro che semplice: mentre il gruppo inseguiva i fuggitivi a 65km/h ha finito la benzina e si è staccato, perdendo terreno. Il gruppetto-Lopez è arrivato a 2’57”: la maglia bianca resta sulle sue spalle, ma domani e sabato dovrà difendersi dall’assalto di Thymen Arensman.

GIRO D’ITALIA: DOMANI SI SALE VERSO CASTELMONTE

Dopo una tappa di transizione, domani si torna a salire per definire la classifica finale del Giro d’Italia. I corridori affronteranno 178km da Marano Lagunare al Santuario di Castelmonte, con un lungo tratto in Slovenia e salite insidiose: si parte con Villanova Grotte (3.7km all’8%), per poi proseguire con la salita “straniera” e inedita di Kolovrat (10.3km al 9.2%) e chiudere tutto sul Santuario, dopo 7.1km al 7.8% di pendenza media. Sarà duello a tutto campo tra Carapaz, Hindley (3”) e Landa (1’05”): saranno loro a giocarsi il Giro. Con l’australiano che oggi ha vissuto un brivido, forando nel finale. Per sua fortuna, l’inconveniente è arrivato dentro i -3km, non costandogli così perdite di tempo.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagram.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *