Nuova tappa di transizione per il Giro d’Italia nei 150km da Sanremo a Cuneo, con l’ennesimo duello tra il gruppo e i fuggitivi, e un arrivo in leggera salita. La vittoria va ad Arnaud Demare, dopo una frazione ad alta tensione.

GIRO D’ITALIA, 13A TAPPA: TRIS DI DEMARE

Dopo la vittoriosa fuga di Stefano Oldani, il Giro d’Italia riparte da un’altra tappa interlocutoria: i velocisti vedono in questa frazione una delle ultime chances per sprintare prima delle salite, molti passisti però hanno messo un circoletto rosso su questa giornata. Si parte da Sanremo e si arriva a Cuneo dopo 150km vallonati, che hanno nel Colle di Nava (10km al 6.7%) la maggior asperità e vantano un arrivo in leggera salita (2.5%) dopo un tratto in pavé. Poco dopo il via, il primo colpo di scena: Romain Bardet ha un lieve malore e si deve arrendere, ritirandosi mestamente dopo un’ottima partenza, che l’aveva visto molto attivo sul Blockhaus e lo vedeva al 4° posto nella generale. Fatali dei problemi intestinali, che l’avevano già colpito nella serata di giovedì. Prosegue dunque il digiuno francese nei grandi Giri, con l’ennesima occasione sprecata: non vincono il Tour dal 1985 (Hinault), il Giro dal 1989 (Fignon) e la Vuelta dal 1995 (Jalabert). Paradosso dei paradossi: in questi anni il francese più vicino a vincere un GT è stato Alaphilippe, a lungo in testa nel Tour 2019, vinto da Bernal. Archiviato il ritiro di Bardet, torniamo alla 13a tappa, scandita da una fuga: all’attacco vanno Eenkhoorn (Jumbo), Prodhomme (Ag2r), Maestri (Eolo), van den Berg (EF) e Tagliani (Androni), con quest’ultimo che si rialza dopo il traguardo volante. Il gruppo cerca di controllare l’azione dei fuggitivi, senza riuscirci troppo: la fuga vola a sei minuti di vantaggio, poi ridotti a 4’30” ai -50km sotto la spinta di FdJ, Quickstep, DSM e Alpecin.

L’inseguimento prosegue, ma ai -18km il vantaggio è di 2’19” e i fuggitivi ci credono. La loro fiducia è ben riposta, perchè il gruppo sta sprecando energie e uomini preziosi, senza però ricucire in tempi rapidi: 51” ai -7km, 25” ai -2km, 12” all’ultimo km. Qui però iniziano le schermaglie nel quartetto di testa e, di fatto, finisce la fuga: il treno della FdJ riassorbe Maestri, ultimo ad arrendersi, ai 250m. E a quel punto arriva l’ennesimo assolo allo sprint di Arnaud Demare: il francese è imbattibile e fa tripletta, precedendo Bauhaus, Cavendish, Gaviria, Dainese e Consonni. Demare si prende Cuneo, mentre Juan Pedro Lopez mantiene la maglia rosa: domani dovrà soffrire per difenderla, nei 147km da Santena a Torino con 3mila metri di dislivello che vedranno i corridori affrontare due volte le salite di Superga (5km all’8.6%) e della Maddalena (3.5km all’8.1%) prima di un altro tratto in salita e di un arrivo in discesa nella prima capitale d’Italia. Tappa da big della generale, ma anche i corridori da classiche alla VDP possono resistere.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagram.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *