Sul durissimo circuito belga, Julian Alaphilippe concede il bis: il francese, guidato in ammiraglia da Thomas Voeckler, si conferma campione del mondo. Azzurri a secco, nonostante un’ottima corsa.

CICLISMO, MONDIALI 2021: ALAPHILIPPE FA IL BIS

La prova elite maschile conclude i Mondiali di ciclismo, disputati nelle Fiandre. Si parte da Anversa e si arriva Leuven, con il circuito che prevede i duri strappi di Wijnpers (7.9%), St. Antoniusberg (5.4%) e lo strappo conclusivo verso Geldenaaksevest (4-5%) a concludere i 268.3km di un durissimo circuito. Si parte con una fuga iniziale, ma Belgio, Slovenia e Danimarca tirano e riassorbono i fuggitivi: caduta nel gruppo, con Trentin e Ballerini coinvolti insieme ad Hayter e Aranburu. Tutti questi corridori, così come Hirschi, si ritireranno arrendendosi al dolore: bravo Trentin, però, a vanificare il primo attacco di Evenepoel e Cort Nielsen a 150km dall’arrivo appena prima di alzare bandiera bianca. Il fenomeno belga non si ferma qui, e ci riprova, portando via un gruppetto: con lui Bagioli (Italia), Cortina (Spagna), Madouas (Francia), Politt (Germania), Powless (USA), Wurtz Schmidt (Danimarca), Stannard (Australia), Tiller (Norvegia), Tratnik (Slovenia) e Van Baarle (Olanda). Fuggitivi che guadagnano 55”, poi il plotone si spezza sulle varie salite: restano in testa solo Bagiolino, Evenepoel, Madouas, van Baarle e Powless, con 23” sul gruppo principale. I cinque vengono riassorbiti dal plotone, che conta una quarantina di corridori e si riduce ulteriormente nel giro seguente: Stybar, Alaphilippe, van Aert, Colbrelli, Nizzolo e Pidcock sono tra coloro che provano un’azione, poi il gruppetto si ricompone con 17 unità. Italia in superiorità numerica con Bagioli, Colbrelli e Nizzolo, così come Francia (Alaphilippe, Madouas, Senechal) e Belgio (Stuyven, Evenepoel, van Aert), e poi ci sono Hoelgaard (Norvegia), Valgren (Danimarca), Mohoric (Slovenia), Powless (USA), Pidcock (Gran Bretagna), Stybar (Repubblica Ceca, van der Poel e van Baarle (Olanda). Il plotone si rialza e non insegue il gruppetto, che dunque si giocherà il Mondiale. Evenepoel fa l’ultima tirata per van Aert, capitano designato, e si stacca: attacchi e contrattacchi davanti, con l’Italia molto attiva e Alaphilippe scatenato. I primi due tentativi del francese vengono neutralizzati, il terzo è letale: sul brevissimo muro di St. Antoniusberg, nessuno risponde a LouLou, che s’invola verso la vittoria. Il francese, sapientemente guidato da Thomas Voeckler nell’ammiraglia, ha un piccolo momento di difficoltà, ma si riprende subito e vanifica ogni inseguimento: secondo Mondiale consecutivo per Julian Alaphilippe, mentre dietro si scatena lo sprint tra i primi inseguitori, arrivati a 38”. Lo vince van Baarle, che conquista l’argento: bronzo a Valgren, Stuyven chiude quarto e il Belgio è fuori dal podio, tradito soprattutto da un van Aert fuori condizione. Quinto Powless, poi Pidcock e Stybar, con entrambi che avevano tentato il contrattacco per le medaglie: il gruppo arriva a 1’18”, regolato da van der Poel che precede Senechal e Colbrelli, che chiude in 10a posizione. Dopo aver vinto l’oro al femminile, dunque, l’Italia non si ripete: lo fa invece uno strepitoso Alaphilippe.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito. Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *