Epilogo a sorpresa nella cronometro inaugurale del Tour de France, che scatta dalla Danimarca e da Copenhagen: quando tutti si aspettavano Ganna o van Aert, spunta Yves Lampaert. Il belga della Quickstep-Alphavynil conquista la prima maglia gialla. 

TOUR DE FRANCE, 1A TAPPA: LAMPAERT VINCE A COPENHAGEN

Ganna? van Aert? van der Poel o Pogacar a sorpresa? No, nessuno di questi quattro. La prima maglia gialla del Tour de France, che scattava quest’oggi con una tortuosa cronometro all’interno di Copenhagen (13.2km), è belga e porta la firma di Yves Lampaert: il corridore veloce della Quickstep-Alphavynil non ha nulla da perdere e dà tutto sull’asfalto mezzo asciutto e mezzo bagnato che trova alla sua partenza per la frazione inaugurale. Un azzardo che paga: Lampaert chiude in 15’17” e sconfigge la concorrenza.

È la pioggia a graffiare Copenhagen e scandire la partenza del Tour: i migliori avevano deciso di partire subito per evitare lo scroscio d’acqua (previsto per le 18), invece è proprio in quella fascia oraria che si scatena l’acquazzone. van der Poel danza sulle strade bagnate e chiude in 15’30”, Ganna e van Aert fanno ancora meglio: Pippo, nonostante una foratura e qualche indecisione, chiude in 15’27”, WVA lo batte di cinque secondi ed è convinto di aver vinto. Non ha fatto i conti con Lampaert, che lo sconfigge a sua volta con lo stesso margine e rende la sua faccia sconvolta dopo l’arrivo un meme che farà il giro del web. Vittoria e maglia gialla per Lampaert dunque, con 5” su van Aert, 7” su Pogacar, 10” su Ganna, 13” su VDP, 15” sul duo danese Pedersen/Vingegaard, 16” su Roglic, 17” su Mollema e 20” su Teuns. 

Il volto sorpreso di Wout van Aert all’arrivo di Lampaert, che l’ha sconfitto per 5″

TOUR DE FRANCE: POGACAR GUIDA LA CONTRO-CLASSIFICA DEI BIG, I DISTACCHI. E DOMANI…

Yves Lampaert in maglia gialla, Tadej Pogacar vincitore morale di questa cronometro. È lo sloveno il leader virtuale del Tour dei big, quello che inizierà a dipanarsi nelle tappe seguenti con la lotta per la vittoria finale: Pogi ha un mini-margine di 8” su Vingegaard e 9” su Roglic, co-capitani della Jumbo-Visma. Seguono Adam Yates (16”) e Thomas (18”), Vlasov (24”), Dani Martinez (37”), Bardet (38”), Quintana (42”), Gaudu (43”), Caruso (48”), Mas (49”) e Martin (56”): più lontani Froome (1’09”) e Pinot (1’14”). Domani vivremo una tappa dai molti volti, nei 202.2km da Roskilde a Nyborg. Sulla carta è disegnata per gli sprinter, ma occhio a due fattori che possono scompaginare tutto: i ventagli e il pavè. Chissà che qualcuno non provi a far saltare il banco. 

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagram.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *