Jonas Vingegaard ribalta il Tour de France sul Col de Granon: dopo aver attaccato a tutto campo Pogacar sin sul Galibier, il capitano della Jumbo-Visma lo manda in crisi sul Granon. Vittoria di tappa e maglia gialla per il danese, lo sloveno perde 2’52”.

TOUR DE FRANCE, 11A TAPPA: VINGEGAARD DOMINA SUL GRANON, CRISI-POGACAR

La tappa che molti avevano segnato col circoletto rosso, ribalta in un lampo ogni singola gerarchia del Tour de France. Tadej Pogacar passa in un attimo da dominatore a vittima delle strategie della Jumbo-Visma, che ribalta la Grande Boucle con un grande lavoro di squadra e l’apoteosi di Jonas Vingegaard, nuova maglia gialla. Si sale subito, nei 151.7km da Albertville al Col du Granon, che viene affrontato per la seconda volta nella storia del Tour: i corridori affrontano Lacets de Montvernier (3.4km all’8.2%), Telegraphe (11.4km al 7.1%) e Galibier (17.7km al 7% e punto più alto del Tour) prima dell’ascesa finale ai 2.413m del Granon, con punte al 14% e pendenza media del 9.2% nei suoi 11.3km. La corsa si infiamma già al km zero, quando a sorpresa van der Poel e van Aert, “nemici” giurati, attaccano in tandem venendo poi raggiunti da Cattaneo: è il “saluto” di VDP a una Grande Boucle che non l’ha mai visto protagonista, e si chiuderà col suo ritiro a fine giornata. Da questo attacco si forma una maxi-fuga, con una ventina di corridori e WVA ancora protagonista: gli attaccanti guadagnano fino a nove minuti, salvo poi sfaldarsi sulle salite e venire riavvicinati progressivamente da un gruppo indemoniato.

La vera corsa, però, è dietro di loro, con una tappa percorsa a velocità folli sin dal Telegraphe: Primoz Roglic, oggi in versione gregario di lusso, attacca a metà salita e fa selezione, per poi dare un’altra fiammata prima di scollinare. Restano con lui solo Pogacar, Vingegaard e Geraint Thomas, e questo quartetto approccia il Galibier a ritmo sostenuto: la maglia gialla è messa sotto scacco dai rivali, costretta a rintuzzare ogni attacco sull’iconica salita, e brucia energie preziose. Da una fase di studio nasce un ricongiungimento, propiziato dal rientro di Soler, che poi porta al ritorno degli altri big. Ma Roglic e Vingegaard attaccano nuovamente e restano in otto, con quattro corridori della Jumbo: Pogacar, Yates, Thomas, Bardet, Vingegaard, Kruijswijk, Kuss e Roglic. Le successive rampe del Galibier portano a una nuova rottura del gruppo, tirato dall’olandese per Vingegaard, ed è qui che la Jumbo “vince” tatticamente: ferma van Aert dalla fuga e lo manda nel gruppetto con Roglic e altri big staccati per riportare sotto lo sloveno, che sarà prezioso sulla salita conclusiva, nel tratto di discesa/falsopiano. Mentre Barguil culla il (breve) sogno di vincere sul Col de Granon, la Jumbo sfreccia alle sue spalle e va a riassorbire tutti gli altri fuggitivi: tirano van Aert, Roglic e Kruijswijk, facendo selezione.

E, dopo gli scatti di Quintana (che va a riprendere il compagno) e Bardet, arriva la stilettata di Jonas Vingegaard: il danese attacca con una strepitosa rasoiata, Pogacar resta sul posto e rincula. La crisi dello sloveno è palpabile, il suo respiro affaticato e sfiancato dalle fatiche odierne: da venti secondi si passa a quaranta, da quaranta a un minuto, con un vantaggio che cresce e i rivali che superano e riprendono la maglia gialla. Il re si scopre nudo e, soprattutto, battibile, nella giornata dell’apoteosi del suo rivale. Sono i due volti del Granon, quello famelico di Vingegaard, che va a vincere la tappa e distruggere ogni rivale, e quello sofferente di Pogacar che va alla deriva: pochi istanti prima sorrideva alla telecamera, con aria di sfiga, pochi istanti dopo eccolo in enorme difficoltà. Jonas Vingegaard vince l’11a tappa del Tour e si prende la maglia gialla: secondo Quintana a 59”, terzo Bardet a 1’10”, seguito da Thomas  (1’38”), Gaudu (2’04”) e Yates (2’10”), mentre per veder arrivare Pogacar bisogna aspettare 2’51”. Crolla Vlasov (4’40”), sprofondano Mas (8’08”) e Pidcock (9’55”), arriva a 11’31” un sorridente Roglic, dopo aver lavorato da gregario ed essersi goduto il Granon a ritmo di crociera. Questo non è il suo Tour, dopo gli attacchi d’inizio stagione e la caduta nella tappa-Roubaix. E non è neanche il Tour di Caruso e Cattaneo, che arrivano a mezz’ora nel “gruppetto”.

TOUR DE FRANCE: VINGEGAARD IN GIALLO, LA NUOVA CLASSIFICA

Mentre Geschke mantiene la maglia a pois e van Aert ipoteca la maglia verde (304pti, con Jakobsen a 155 e Pogacar a 148), cambia la maglia gialla. La indossa ovviamente Jonas Vingegaard, un danese in testa nel Tour de France che partiva dalla Danimarca: il capitano (ormai indiscusso) della Jumbo-Visma guida con 2’16” su Bardet e 2’22” su Pogacar, scivolato da primo a terzo. Lo sloveno dovrà reagire domani, dimostrando che si è trattato solo di una crisi passeggera: vestirà la maglia bianca, che tanto gli ha portato bene nei suoi precedenti assalti al primato, quand’era un underdog.

Ma dal 2° al 7° sono tutti in lizza per il podio: Pogi precede Thomas (2’26”), Quintana (2’37”), Yates (3’06”) e Gaudu (3’13”). Sei corridori in 57” alle spalle della maglia gialla. Chiudono la top-10 Vlasov (7’23”), Lutsenko (8’07”) e Mas (9’29”): scivola in 14a posizione Roglic con 13’54” di ritardo, e chissà che non tenti una fuga nei prossimi giorni.

Domani si sale ancora, nei 165.1km da Briançon all‘Alpe d’Huez: si parte riaffrontando subito il Galibier dal versante (più facile) del Lautaret (23km al 5.1%), poi riecco il Telegraphe, il Col de la Croix de Fer (29km al 5.2%) e la temuta Alpe d’Huez coi suoi 13.8km all’8.1%. Assisteremo alla rivincita di Pogacar o al secondo atto del dominio di Vingegaard?

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagram.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.