Il gruppo fa andare la fuga nella tappa verso l’arrivo inedito di Pico Villuercas: trionfa e risorge Romain Bardet, che torna al successo in un grande giro dopo quattro anni. Nel gruppo, attacco di Lopez che guadagna 4” a Roglic: lo sloveno ne prende una ventina a Eiking, sempre leader.

VUELTA, 14A TAPPA: ROMAIN BARDET VINCE DALLA FUGA, SI MUOVONO LOPEZ E ROGLIC

Dopo il successo a sorpresa di Senechal, la Vuelta ritrova le montagne e scopre una salita inedita. I corridori affrontano 165.7km da Don Benito a Pico Villuercas, con tre GPM: Pico Berzocana (5% di media) è l’antipasto verso il durissimo muro di Puerto Collado de Ballesteros (2.8km al 14%, punte al 20%) e l’ascesa finale verso Pico Villuercas, 14.5km con pendenza media al 6.2% e punte al 10%. Il gruppo lascia subito andare una nutritissima fuga, composta da 18 corridori: all’attacco Champoussin e Prodhomme (Ag2r), Vine (Alpecin), Tratnik (Bahrain), Zeits (BikeExchange), Navarro (Burgos), Bagues (Caja Rural), Herrada (Cofidis), Bardet (DSM), Keukeleire (EF), Azparren (Euskaltel), Demare e Geniets (FDJ), Pidcock (INEOS), Vanmarcke (Israel), Holmes (Lotto), Sunderland (Qhubeka) e Gibbons (UAE). In un amen i fuggitivi guadagnano sei minuti, che diventano dieci e poi raggiungono il massimo vantaggio di 14’25” sul Puerto Collado de Ballesteros, dove iniziano le ostilità tra i fuggitivi.

Brutta caduta per Jay Vine, che si aggancia all’ammiraglia mentre prende una borraccia, ma si rialza e torna addirittura nel gruppo con una strepitosa prestazione. Cadono, dopo aver attaccato, anche Navarro e Vanmarcke: lo spagnolo drizza una curva e tira giù anche il corridore dell’Israel. Dopo la salita con punte al 20%, dunque, resta in testa il solo Prodhomme (Ag2r) con 37” sui rivali: alle sue spalle Zeits, più staccato il gruppetto con Vine, Bardet, Herrada, Pidcock, Champoussin, Geniets e Gibbons. Sull’ascesa finale, attacca per primo Pidcock, che viene fermato inspiegabilmente dall’ammiraglia, e poi si muove Bardet: quella del francese è un’autentica stilettata, che non lascia scampo ai rivali e gli consente di riprendere subito Prodhomme e Zeits, che nel frattempo aveva agganciato il leader. Pochi istanti e Bardet stacca tutti, andando ad involarsi da solo verso il traguardo: il francese risorge dopo un brutto avvio di corsa, che l’ha costretto a trasformarsi in un cacciatore di tappe, e si sblocca in un grande giro dopo quattro anni.

Bardet vince alla Vuelta e a Pico Villuercas, precedendo di 43” Herrada e uno stoico Vine, con Pidcock a 1’12”: seguono alla spicciolata Champoussin, Holmes, Zeits, Geniets, Prodhomme e Tratnik che completano la top-10. E, dopo il successo di Bardet che gli vale anche la maglia a pois azzurri di miglior scalatore, inizia il duello anche in gruppo. La Cofidis tira per staccare Eiking e consegnare la maglia rossa a Guillaume Martin, creando un piccolo buco che viene chiuso dalla Jumbo-Visma, che poi si porta in testa con un ritmo importante, ma regolare. Nel finale attacca Lopez, che fa la differenza, ma la trenata di Kuss e il successivo attacco di Roglic nell’ultimo km vanificano in parte il lavoro del colombiano: Superman arriva a 10’25” e guadagna quattro secondi su Roglic, Mas, Bernal e Jack Haig. Chiude a 10’41” Yates, un secondo dopo Mader e Grosschartner: 10’45” per Ciccone, Vlasov, Meintjes, Kuss, Guillaume Martin e De La Cruz. Resiste stoicamente Eiking, che chiude a 10’49” lasciando solo una ventina di secondi ai rivali. Prosegue il calvario di Landa, che arriva a 21’16”: malissimo anche Aru, arrivato a 25 minuti.

VUELTA: EIKING RESISTE, LA CLASSIFICA GENERALE

Odd Christian Eiking si sta dimostrando un osso duro per i big della Vuelta, che forse hanno sottovalutato il norvegese. Il corridore dell’Intermarché-Wanty Gobert resta saldamente in testa alla classifica generale, precedendo di 54” Guillaume Martin e di 1’36” Roglic: seguono Mas (2’11”), Lopez (3’04”), Haig (3’35”), Bernal (4’21”), Yates (4’49”), Kuss (4’59”) e Grosschartner (5’31”), che precede Vlasov (6’04”) e Ciccone (6’16”), che oggi ha tentato un attacco ai -4km. Domani un’altra tappa di montagna, che difficilmente causerà però degli scossoni in classifica, visto che l’ascesa finale è abbordabile. I corridori percorreranno 197.5km da Navalmoral de la Mata a El Barraco, affrontando quattro GPM, prima dell’arrivo in discesa verso i 1.040m dell’arrivo: si parte con Alto de la Centenera (15.1km al 5.5%) per poi proseguire con Puerto de San Bernardo (9km al 4.2%), Puerto de Mijares (20km al 5.4%) e Puerto de San Juan de Nava, che coi suoi 8.6km al 3.8 sarà l’ultima asperità di giornata.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.