Il mondo del ciclismo si esalta per il consueto appuntamento con la “Classicissima”: ci attende una Milano-Sanremo ricca di emozioni, con molti favoriti e un esito non scontato. La vince a sorpresa Jasper Stuyven.

MILANO-SANREMO: VINCE A SORPRESA STUYVEN

La fine di marzo si avvicina, la primavera è iniziata ed ecco la Milano-Sanremo, appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di ciclismo, che torna tra l’altro nella sua collocazione originale dopo l’insolita edizione di Ferragosto vinta da Wout van Aert nel 2020. Il percorso è leggermente differente rispetto al consueto e i km sono 299: si parte prestissimo, alle 9.45 di mattina e in una Milano zona rossa, per poi arrivare nell’arancione Liguria dopo sette ore di gara. I favoriti sono tre: Alaphilippe, van Aert e van der Poel, con qualche velocista (Bennett, Sagan e il nostro Ballerini) possibile outsider qualora si arrivasse allo sprint senza attacchi sul Poggio o sulla Cipressa. La corsa viene scandita per moltissimi km da una fuga: all’attacco Conci (Trek), Peron e Planet (NovoNordisk), Viel e Tagliani (Androni), Tonelli (Bardiani-CSF), van der Hoorn (Wanty) e Jorgensen (Movistar). Il gruppo lascia andare la fuga intorno ai 7′ di vantaggio nel passaggio in Piemonte, poi accorcia e controlla col mostruoso lavoro di Declercq (Deceuninck-Quickstep) e Martens (Jumbo), che tirano per quasi 230km: i due si spostano ai -40km e il gruppo accelera, portandosi sotto il minuto di vantaggio. Attacca sul Capo Berta Tonelli, che viene riassorbito, mentre l’ultimo a cedere è Taco van der Hoorn (Wanty) ai -24km.

Fora Sam Bennett, che rientra dopo un duro lavoro, ma l’azione decisiva è dell’INEOS sulla salita e nella discesa della Cipressa, affrontata a ritmo forsennato: rimangono in una trentina nel gruppo, con van der Poel e Ballerini in coda, Demare, Alaphilippe, Trentin e Formolo a sgambettare in testa. Si stacca invece Ganna, ma la spaccatura del gruppo si riassorbe ai -12km, mentre ci si avvicina al Poggio e a Sanremo. Un Poggio che viene preso a velocità folle da Filippo Ganna, che tira per Pidcock e Kwiatkowski: l’uomo-jet fa grande selezione, facendo crollare Wellens tra gli altri. Lo scatto sul Poggio, ancora una volta, è però di Julian Alaphilippe: rispondono subito van Aert, van der Poel, Schachmann e gli altri favoriti. Si forma un gruppetto di 12 corridori, in cui a sorpresa c’è anche Caleb Ewan che sembra in grande condizione. Pidcock prova l’attacco in discesa, ma l’azione decisiva arriva ai -2km: tutti si guardano e studiano, Stuyven prova la grande sparata e lascia il gruppetto sul posto. Parte all’inseguimento Kragh Andersen, che riprende il belga: Stuyven si pianta, ma trova energie insperate allo sprint e resiste al rientro dei grandi favoriti. La vittoria è di Jasper Stuyven, velocista belga della Trek-Segafredo, il secondo successo del Belgio nella Milano-Sanremo: secondo posto per van Aert, che regola Ewan, Sagan e van der Poel, primo a lanciare lo sprint e rimontato dai rivali. Top-10 per Matthews, Aranburu, Colbrelli (8°), Kragh Andersen e Turgis. 

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *