Straordinaria prova del norvegese, che vince il secondo Triple in carriera bissando il successo dello scorso anno. Nella generale aumenta il vantaggio su Geiger, adesso staccato di 386 punti.

Jarl Magnus Riiber con il trofeo della coppa del mondo 2020 (foto FB Jarl Magnus Riiber)

RIIBER VINCE IL TRIPLE IN COPPA DEL MONDO

Non tradisce le aspettative Jarl Magnus Riiber: nella Triple austriaca di Seefeld, il norvegese bissa il successo ottenuto lo scorso anno e allunga ancora nella generale. 

Innanzitutto è bene ricordare il singolare regolamento della manifestazione. Come riporta FondoItalia.it, tutti gli atleti iscritti prendono parte alla prima tappa, strutturata su un salto e 5 km di fondo. Solo i migliori 50 classificati accedono alla seconda tappa.

Il giorno seguente si gareggia su un salto e 10 km di fondo. Solo i primi 30 guadagnano accesso alla tappa finale, che si disputa su due salti e 15 km di fondo.

La particolarità dell’evento è data dal fatto che ogni atleta si porta in dote il risultato della giornata precedente. Quindi, al termine di ogni tappa, il ritardo in secondi accumulato sul traguardo viene riconvertito in punti. I distacchi di partenza del segmento di fondo della tappa successiva sono determinati sommando il punteggio ottenuto nel segmento di salto corrente a quello ereditato dai risultati delle tappe precedenti.

Punti di Coppa del Mondo dimezzati (arrotondati per eccesso in caso di decimale) vengono assegnati ai primi 30 atleti che passeranno sulla linea d’arrivo al termine della prima e della seconda tappa. Invece punti di Coppa del Mondo raddoppiati vengono assegnati in base alla classifica della giornata conclusiva.

Il salto del venerdì, causa vento, non è stato disputato: si è tenuto conto del PCR del giovedì, anch’esso interrotto dopo 40 salti: primo Riiber, secondo Akito Watabe. I due distanziati di solo un decimo di punto. Nella Gundersen di 5 km, il norvegese si è imposto sul collega giapponese in volata. Terzo, a 45 secondi dalla coppia di testa, il tedesco Vinzenz Geiger.

Fuori dai primi trenta gli azzurri: Raffaele Buzzi ha chiuso 34°, Samuel Costa 36° (con l’8° tempo nel fondo), Aaron Kostner 40° e Alessandro Pittin45°.

Riiber si è preso poi anche il salto del sabato, sempre davanti a Watabe: i due hanno concluso nelle stesse posizioni del venerdì anche la 10 km di fondo, con il norvegese che ha preceduto Watabe di 33 secondi e il finlandese Herola

Capitolo Italia: Pittin e Costa hanno chiuso rispettivamente al 26° e al 28° posto, Buzzi al 35°. Non si è qualificato invece Kostner, che ha chiuso 41°.

E così, dopo il salto della domenica, Riiber si è preso il secondo Triple consecutivo, seppur con qualche difficoltà nella 15 km di fondo. Il norvegese ha preceduto di poco più di un secondo Herola, con Watabe a 3.2 secondi. Per l’Italia, Pittin ha chiuso 21°, Costa 28° eBuzzi 30°.

Gabriele Burini
Studente di lingue e culture straniere all'Università di Perugia. Volevo fare il calciatore, mi sono dovuto accontentare di raccontare lo sport

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.