Si ferma in semifinale, il sogno di medaglia iridata di Federico Pellegrino, nella sprint classica odierna dei Mondiali 2021 di sci di fondo.

Federico Pellegrino in azione
Federico Pellegrino in azione (FONTE: https://www.fisi.org/pellegrino)

APPUNTAMENTO CON LA MEDAGLIA RIMANDATO

Un sogno che si è spezzato in semifinale per Federico Pellegrino. L’azzurro è uscito di scena in semifinale, durante la sprint classica odierna, valida per i Mondiali 2021 di sci di fondo e vinta dal norvegese Johannes Klaebo, punta di diamante del dominio norvegese.

Pellegrino, dopo aver segnato il 3° crono assoluto durante la manche di qualificazione, con il tempo di 3’05″47, ha avuto subito il suo bel da farsi sin dai quarti di finale, insidiato dalla freschezza del finlandese Joni Maki. Il valdostano ha conquistato il pass per il round successivo soltanto in volata.

In semifinale, Pellegrino non ha potuto adottare la sua classica strategia: fuga per distanziare gli avversari e controllo sul rush finale. L’azzurro è rimasto ingabbiato tra gli sci russi e norvegesi, chiudendo in ultima posizione la propria heat ed al 11° posto nella classifica generale odierna.

Nulla da fare anche per Francesco De Fabiani, autore di una caduta nella sua heat dei quarti di finale, arrivata in un momento di ottimo allungo per l’italiano. 28^ posizione finale per lui.

Poco sopra, 27°, ha terminato la propria gara Maicol Rastelli, uscito anch’egli durante i quarti di finale. Sorte diversa per Simone Mocellini, 50° e fuori sin dal turno di qualificazione.

In campo femminile, buona prova per tutte le azzurre, capaci di qualificarsi alla fase finale, pur dovendo cedere immediatamente il passo ai quarti di finale. 15° posto, quindi, per Lucia Scardoni, 19° per Greta Laurent, 25° per Nicole Monsorno e 30° per Caterina Ganz. La vittoria è andata alla svedese Jonna Sundling.

LE DICHIARAZIONI

Di seguito, le dichiarazioni rilasciate da Federico Pellegrino, al termine della gara odierna.

Pellegrino: “Anche oggi sono stato lì a giocarmi una posizione di prestigio seppure in tecnica classica, ho dato il massimo. Mi sono preparato due anni per questa gara, ho un pizzico di delusione per il risultato ma non per l’impegno che abbiamo profuso in tutto questo periodo di avvicinamento. Oggi ho avuto tanti avversari più forti di me, i norvegesi hanno dimostrato il loro valore, sono nettamente i più forti, il risultato è giusto. Mi rende orgoglioso comunque il fatto di essere arrivato almeno in semifinale in tutte e sei le sprint iridate a cui ho partecipato, oggi ho capito il valore dell’argento conquistato alle Olimpiadi coreane tre anni fa nella sprint in classico. Adesso pensiamo alla team sprint di domenica , l’obiettivo rimane la medaglia perchè di Norvegia ce ne sarà solamente una e anche Francesco De Fabiani dopo la caduta odierna avrà tanta voglia di riscatto”.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie di sci di fondo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagram e YouTube.

mm
Gabriele Stragapede, 24 anni. Laureato nella facoltà CIM (Comunicazione, Innovazione e Multimedialità) dell'Università di Pavia. Aspirante giornalista sportivo ed attualmente editore per Azzurri di Gloria. Appassionato di calcio e di wrestling, scrive di tutto, un po'.

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Sci di fondo