Nino Pizzolato dedica la vittoria ai nonni, appena scomparsi.

“È stata una gara dura, una lotta sul singolo grammo e anche contro i giudici” dice Nino. Antonino Pizzolato, nonostante la grande soddisfazione, esprime il suo rammarico “per il peso da 210 kg e non tanto per il 203 kg”. Alla fine però prevale la gioia, che ripaga tutti i sacrifici. Sulla strategia di gara ha detto: “Ritornando alla scelta finale del peso da sollevare, la motivazione, condivisa con lo staff tecnico è stata quella di voler attaccare, pur cercando di portare a casa una medaglia (dato a quel punto certa) e la scelta è stata degli allenatori”. Il segreto di Nino è stato quello di non smettere mai di attaccare, “sia con i muscoli che con la mente”. Come accade dopo ogni premiazione, ci sono i ringraziamenti, per tutto lo staff e per la famiglia. Merita spazio la dedica della vittoria ai quattro nonni, persi appena prima della partenza.

E sul futuro? Antonino, di servizio a Roma con la polizia di Stato, ritornerà dalla famiglia a Salaparuta(“non Castelvetrano, ma Salaparuta”, sottolinea con orgoglio), territorio del trapanese e profondamente segnato dal terremoto del Belice, per prendersi “qualche settimana di riposo in famiglia”.

OLIMPIADI TOKYO 2020: NEWS, RISULTATI E MEDAGLIERE AGGIORNATO

News sulle Olimpiadi di Tokyo 2020 tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive anche sui nostri social: FacebookTwitter, Instagram e YouTube.

mm
Nato a Cremona nel 1992, laureando in Giurisprudenza a Pavia. Sono un tifoso e appassionato di basket, soprattutto la Serie A1 italiana, con uno sguardo anche alla lega femminile. Cercherò di fare il punto del campionato giornata per giornata.

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.