Cancellati anche i ripescaggi Mondiali di Parigi, Mangiacapre e Cavallaro ne escono sconfitti, Sorrentino sarebbe dovuta passare ai quarti

Giordana Sorrentino dopo la vittoria unanime sull’armena Anush Grigoryan
FONTE: pagina FB Federazione Pugilistica Italiana

Stasera l’ultima sessione, Lai: “Una sospensione sacrosanta, il torneo non avrebbe dovuto cominciare”

Finisce così l’avventura degli azzurri e di tutti gli atleti al torneo preolimpico di Londra 2020. La competizione avrebbe fornito, ai finalisti delle diverse categorie, il pass per Tokyo2020. Per gli sconfitti ci sarebbe stata un’altra occasione, ovvero quella del ripescaggio dei Mondiali a Parigi, ma anche quest’ultimo è stato rinviato insieme al torneo di qualificazione delle Americhe. In un momento in cui lo sport mondiale si è fermato, solo il torneo di Londra è iniziato e ha proseguito tra le critiche di molti appassionati che non vedevano, nella competizione, il rispetto delle regole contro il COVID-19. Con queste parole il Presidente della Federazione Pugilistica Italiana Vittorio Lai ha commentato la decisione del Cio: “Una sospensione sacrosanta, visto l’evolversi della situazione del Covid-19. A mio avviso, il torneo non avrebbe dovuto cominciare, perchè dal 3 marzo, giorno in cui è arrivato il nostro team a Londra, al 14, giornata inaugurale del torneo, si era capito che l’emergenza Coronavirus avrebbe varcato la Manica e infestato il Regno Unito. Ci siamo subito attivati per far tornare sani e salvi e al più presto i nostri ragazzi in Italia“.

Lo stop è arrivato al termine della sessione di oggi, dove si sono disputati tre match azzurri. Il primo è stato quello di Giordana Sorrentino, che ha sconfitto la rivale armena Anush Grigoryan, e avrebbe dovuto disputare i quarti fra tre giorni contro Nina Radovanovic. Il match è stato conquistato per decisione unanime (5-0) a favore dell’atleta azzurra, un incontro dominato completamente dalla Sorrentino, che non lascia il minimo spazio all’avversaria e riesce addirittura a mandarla al tappeto nel terzo round. Deludenti invece gli incontri maschili, la prima sconfitta è arrivata per Salvatore Cavallaro, messo K.O. dall’armeno  Arman Darchinyan e condannato dai giudici per split decision (4-1). Infine l’ultimo incontro che chiude l’avventura londinese degli azzurri è stato di Vincenzo Mangiacapre, che viene sconfitto dall’israeliano Miroslav Kapuler per decisione non unanime (4-1), un incontro abbastanza dominato da Kapuler che rende difficile i movimenti all’azzurro grazie ad una ferita al sopracciglio dell’avversario.

Termina dunque così un interessante torneo che avrebbe potuto avere risvolti più positivi, tanti sono stati gli esordi mancati e molte le indecisioni e le critiche per una decisione che sarebbe dovuta giungere prima. Ora il prossimo obbiettivo è far tornare in Italia tutti gli atleti, che non vedranno a maggio a Parigi la loro seconda occasione, e si uniranno alla grande incertezza che viene affiancata anche alle future Olimpiadi.


ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di boxe anche sui nostri social: Facebook, Twitter, Instagram, YouTube.

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Boxe