Il sogno di Mark Cavendish, che vincendo sugli Champs-Elysées avrebbe battuto il record di vittorie al Tour de France di Eddy Merckx, svanisce: la vittoria va a uno strepitoso Wout van Aert, che fa il tris dopo la tappa del Ventoux e la crono di ieri, e Cav si ferma a 34. Pogacar festeggia il suo secondo Tour de France.

Foto Le Parisien

TOUR DE FRANCE: VAN AERT BEFFA CAV E SI PRENDE GLI CHAMPS-ELYSEES

108.4km da Chatou agli Champs-Elysées. Il secondo Tour de France vinto da Tadej Pogacar, con un vantaggio-monstre, si conclude così e con la tipica passerella per Parigi nel circuito da 6.6km che tocca tutti i punti chiave della città simbolo della Francia. Mark Cavendish sogna il record di vittorie nella Grande Boucle, dopo aver eguagliato Merckx a quota 34 e aver sprecato l’occasione nella penultima tappa per sprinter, che aveva visto arrivare la fuga e Matej Mohoric. Un record che non arriverà, con un Cav particolarmente deluso: difficilmente la sua avventura alla Deceuninck-Quickstep si prolungherà oltre quest’anno, dunque Cavendish (che pensava al ritiro) potrebbe restare sempre “colui che ha eguagliato il Cannibale”. La frazione scorre col tipico copione: festa iniziale per la UAE, che veste una maglia celebrativa con una striscia gialla a spezzare il bianco distintivo della squadra, e festa successiva per Pogacar con gli sloveni e particolarmente con Mohoric, suo grande amico. Pogi autografa la maglia a pois indossata “in prestito” da Poels, e i corridori muniti di maglie distintive entrano per primi a Parigi, col gruppo tirato dalla UAE a ritmo blando.

Ai -50km la corsa si accende e iniziano gli scatti: Bissegger (EF), Konrad (Bora) e Sweeny (Lotto) sono i primi a muoversi e si prendono lo sprint intermedio, nel quale Cavendish blinda di fatto la maglia verde portandosi a +39 su Matthews. I tre vengono ripresi e partono altri tre: Valgren (EF), van Moer (Lotto)( e Schelling (Bora) guadagnano al massimo 30” e vengono ripresi ai -6.5km: poco prima erano stati raggiunti anche i contrattaccanti Bonnamour e Gautier (B&B). Nel mentre, Turgis rischia il fuori tempo massimo per una brutta influenza che gli impedisce di respirare correttamente, ma riesce strenuamente a concludere il Tour da ultimissimo di tappa a 12’33”. Si arriva allo scontatissimo sprint, e il treno della Deceuninck-Quickstep mostra più di una crepa sulle larghe strade di Parigi: Morkov stavolta non compie il suo lavoro, mentre Teunissen è perfetto nel lanciare Wout van Aert con una grande sparata fino ai -200m. Il belga e campione nazionale deve solo finalizzare il lavoro, e lo fa con un poderoso sprint: terza vittoria di tappa per van Aert che, dopo aver vinto in montagna (a Malaucene, tappa del doppio Ventoux) e a cronometro (ieri), vince allo sprint. Secondo per un soffio Philipsen, terzo Cavendish che vede sfumare il record: top-10 per Mezgec (che consola Cav), Greipel, van Poppel, Matthews, Aranburu e Barthe.

TOUR DE FRANCE: POGACAR VINCE LA GRANDE BOUCLE, TUTTE LE MAGLIE

La vittoria di Tadej Pogacar non è mai stata in discussione, in un Tour dominato. Lo sloveno vince la sua seconda Grande Boucle, e lo fa avendo mostrato una sola e leggerissima crepa sul secondo Ventoux, comunque recuperata andando a riprendere Vingegaard in discesa e mostrando i muscoli: Pogacar conquista il Tour con 5’20” su Vingegaard e 7’03” su Carapaz, terzo. Top-10 per O’Connor (10’02”), Kelderman (10’13”), Mas (11’43”), Lutsenko (12’23”), Guillaume Martin (15’33”), Pello Bilbao (16’04”) e Uran (18’34”). Fuori dai dieci Gaudu, che ha perso 30” oggi, e Mattia Cattaneo che è il migliore degli italiani e chiude 12° a 24’58” dopo aver tirato per riprendere la fuga di giornata. Pogacar vince anche la maglia bianca e la maglia a pois, “prestate” nella tappa odierna a Vingegaard e Poels, Cavendish invece fa sua la maglia verde. E ora, sotto con le Olimpiadi, dove ritroveremo molti dei corridori visti in questo Tour de France: sabato la prova in linea, giovedì la cronometro.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie sportive di ciclismo anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube.

Marco Corradi
30 anni, un tesserino da pubblicista e una laurea specialistica in Lettere Moderne. Il calcio è la mia malattia, gli altri sport una passione che ho deciso di coltivare diventando uno degli Azzurri di Gloria. Attualmente collaboro anche con AgentiAnonimi.com, sito partner di Eurosport Italia

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *