Lorenzo Sonego sfiora l’impresa. Dopo aver sconfitto Rublev, l’azzurro cede il passo in tre set contro Novak Djokovic. 6-3. 6-7, 6-2 il risultato finale.

Lorenzo Sonego in azione al Foro Italico
Lorenzo Sonego in azione al Foro Italico (FONTE: http://www.livetennis.it/post/)

UN EROICO SONEGO NON BASTA

L’avventura di Lorenzo Sonego agli Internazionali di Roma 2021 termina in semifinale. L’azzurro è uscito sconfitto da un’epica battaglia contro il numero 1 al mondo, Novak Djokovic. Il serbo si è portato a casa il match in tre set, con il punteggio di 6-3, 6-7, 6-2 dopo quasi tre ore di intensa partita.

Nel primo set parte fortissimo Novak Djokovic che, oltre a conquistare un break nel quarto game, tiene a zero il proprio turno di servizio nei suoi primi due turni di battuta. In circa venti minuti di match, Djokovic è già avanti per 4-1. Sonego è bravo a reagire, mantenendo i turni di servizio ma il divario con il serbo non accenna a restringersi. Il numero 1 al mondo chiude il primo set per 6-3, alla prima palla set disponibile.

Il secondo set è decisamente più equilibrato del precedente. Sonego comincia ad aumentare i giri del proprio tennis mentre Djokovic appare sempre più nervoso. Nel settimo game, l’azzurro si ritrova costretto a salvare ben tre palle break che avrebbero indirizzato la partita nelle mani del serbo. Sonego rimane quindi pienamente nel match. La situazione di equilibrio si spezza nell’undicesimo game, gioco nel quale il numero 1 della classifica ATP trova un prezioso break che lo porta a servire per il match. Il game successivo è surreale: Sonego non solo salva due match point ma trova anche il contro-break che porta la partita ad un elettrizzante tiebreak. Primo mini-break in favore di Dkokovic, subito recuperata dall’azzurro grazie ad una splendida palla corta e ad un doppio fallo del serbo. Sonego gioca in maniera strepitosa ed alla seconda palla set disponibile trova il varco per infilare Djokovic, vincendo tiebreak e set per 7-6. Il match ora si decide nel terzo set.

Il terzo set comincia con lampi di grande tennis da parte di entrambi i contendenti in campo. Dopo un momento di difficoltà nel primo gioco, in cui il serbo ha annullato ben tre palle break, Djokovic alza il ritmo, tenendo a zero il proprio servizio nel terzo game e conquistando il primo break del set nel quarto, confermato nel gioco successivo grazie ad un parziale schiacciante di 12-2. Sonego sembra faticare, forse scarico dal punto di vista mentale. L’azzurro non trova più la chiave di volta, concedendo a Djokovic il break decisivo nell’ottavo game. 6-3, 6-7, 6-2 in favore del serbo che in finale avrà il confronto numero 57 in carriera con lo spagnolo Rafael Nadal.

UNA STORICA SEMIFINALE

Lo stesso Sonego che, questa mattina, aveva già centrato un obiettivo storico: la semifinale poi disputata contro Novak Djokovic. L’azzurro aveva sconfitto il russo Andrey Rublev, numero 4 della classifica generale ATP, in tre set con il punteggio di 3-6, 6-4, 6-3 in un match giocato in maniera sopraffina da Sonego, alla prima semifinale a Roma ed in un Masters 1000.

Il primo set parte a favore di Rublev che strappa subito un break nel terzo game, confermato a zero nel turno di servizio successivo del russo. Il quinto game è estremamente difficoltoso per l’azzurro, costretto a salvare ben quattro palle break, grazie anche al sostegno del pubblico presente sugli spalti del Foro Italico. Sonego non riesce però a recuperare il break di svantaggio, permettendo a Rublev di portarsi a casa il primo set per 3-6.

Il secondo set vede una partenza straordinaria di Sonego che si prende immediatamente un break di vantaggio, infiammando il pubblico, tutto dalla sua parte. Il set prosegue in modo equilibrato, con entrambi i tennisti in campo che danno sfoggio di un ottimo stato di forma. Sonego è bravo a mantenere il break di vantaggio, chiudendo il set per 6-4.

L’equilibrio tende a non sbloccarsi, sino al quinto game, gioco nel quale Sonego ottiene un prezioso break, tenendo a zero il servizio di Rublev. L’azzurro sembra ora essere in controllo del match, anche dal punto di vista emotivo. Sonego inizia ad imporre il proprio tennis, quasi non subendo le offensive dell’avversario che non sembra più mettere in difficoltà l’azzurro. L’unico salvataggio degno di nota di Sonego è la palla break non sfruttata da Rublev nell’ottavo game. Nel gioco successivo, al secondo match point disponibile, Sonego archivia la prativa Rublev, sconfiggendolo per 3-6, 6-4, 6-3 dopo poco più di due ore e mezza di partita.

Di seguito, le dichiarazioni a caldo di Sonego: “Sono stato bravo a cambiare gioco dopo il primo set ed essere meno prevedibile possibile”.

GLI ALTRI AZZURRI PARTECIPANTI

Nel doppio femminile, sfiora l’impresa di qualificarsi alla finale Sara Errani, in coppia con la romena Irina-Camelia Begu. Le due sono state eliminate in semifinale dal duo composto dalla francese Kristina Mladenovic e dalla ceca Marketa Vondrousova. Il match è terminato 2-6, 3-6.

Fuori agli ottavi, invece, Giulia Gatto-Monticone & Bianca Turati. Eliminate ai sedicesimi Nuria Brancaccio & Lucia Bronzetti.

ULTIME NOTIZIE SPORTIVE AGGIORNATE SU AZZURRI DI GLORIA

News di sport a cinque cerchi tutti i giorni sul nostro sito.

Scopri tutte le ultime notizie di tennis anche sui nostri social: FacebookTwitterInstagramYouTube e Google +.

mm
Gabriele Stragapede, 24 anni. Laureato nella facoltà CIM (Comunicazione, Innovazione e Multimedialità) dell'Università di Pavia. Aspirante giornalista sportivo ed attualmente editore per Azzurri di Gloria. Appassionato di calcio e di wrestling, scrive di tutto, un po'.

Potrebbero anche piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Tennis